Chiudi

Siamo spiacenti si è verificato un errore imprevisto, la preghiamo di riprovare.

Chiudi

Venerdì 2 ottobre 2020 | ore 18.30

Antonio Scurati

Evento esclusivo on line

In occasione della pubblicazione del suo nuovo romanzo M. L'uomo della provvidenza, Antonio Scurati dialoga con Pierluigi Battista, giornalista, scrittore, opinionista e conduttore televisivo italiano.
Il cammino di M. Il figlio del secolo –  vincitore del Premio Strega 2019, caso letterario di assoluta originalità ma anche occasione di una inedita riaccensione dell'autocoscienza nazionale – prosegue in modo sorprendente, sollevando il velo dell'oblio su persone e fatti di capitale importanza e sperimentando un intreccio ancor più ardito tra narrazione e fonti dell'epoca.
Venerdì 2 ottobre alle ore 18.30 i lettori che avranno acquistato una copia del libro M. L'uomo della provvidenza avranno l’opportunità di partecipare all’evento e dialogare con l'autore che, per l'occasione, sarà in collegamento dalla libreria laFeltrinelli RED di via Tomacelli 23 a Roma.

 

Libro M. L'uomo della provvidenza Antonio Scurati

M. L'uomo della provvidenza

Il cammino di M. Il figlio del secolo prosegue qui in modo sorprendente

All'alba del 1925 il più giovane presidente del Consiglio d'Italia e del mondo, l'uomo che si è addossato la colpa dell'omicidio di Matteotti come se fosse un merito, giace riverso nel suo pulcioso appartamento-alcova. Benito Mussolini, il "figlio del secolo" che nel 1919, rovinosamente sconfitto alle elezioni, sedeva nell'ufficio del Popolo d'Italia pronto a fronteggiare i suoi nemici, adesso, vincitore su tutti i fronti, sembra in punto di morte a causa di un'ulcera che lo azzanna da dentro. Così si apre il secondo tempo della sciagurata epopea del fascismo narrato da Scurati con la costruzione e lo stile del romanzo. M. non è più raccontato da dentro perché diventa un'entità distante, "una crisalide del potere che si trasforma nella farfalla di una solitudine assoluta". Attorno a lui gli antichi camerati si sbranano tra loro come una muta di cani. Il Duce invece diventa ipermetrope, vuole misurarsi solo con le cose lontane, con la grande Storia.