Chiudi

Siamo spiacenti si è verificato un errore imprevisto, la preghiamo di riprovare.

Oggi faccio azzurro - Daria Bignardi - copertina

Oggi faccio azzurro

Daria Bignardi

Con la tua recensione raccogli punti Premium
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente
Editore: Mondadori
Anno edizione: 2020
In commercio dal: 10 novembre 2020
Pagine: 168 p., Rilegato
  • EAN: 9788804719847
Salvato in 280 liste dei desideri

€ 17,10

€ 18,00
(-5%)

Punti Premium: 17

Venduto e spedito da IBS

Quantità:
LIBRO
Aggiungi al carrello
spinner
PRENOTA E RITIRA Verifica disponibilità in Negozio

Oggi faccio azzurro

Daria Bignardi

Caro cliente IBS, da oggi puoi ritirare il tuo prodotto nella libreria Feltrinelli più vicina a te.

Verifica la disponibilità e ritira il tuo prodotto nel Negozio più vicino.

Non siamo riusciti a trovare l'indirizzo scelto

Prodotto disponibile nei seguenti punti Vendita Feltrinelli

{{item.Distance}} Km

{{item.Store.TitleShop}} {{item.Distance}} Km

{{item.Store.Address}} - {{item.Store.City}}

Telefono: 02 91435230

{{getAvalability(item)}}

Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:0{{item.FirstPickUpTime.minute}} Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:{{item.FirstPickUpTime.minute}}
Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:0{{item.FirstPickUpTime.minute}} Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:{{item.FirstPickUpTime.minute}}
*Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva

Spiacenti, il titolo non è disponibile in alcun punto vendita nella tua zona

Compralo Online e ricevilo comodamente a casa tua!
Scegli il Negozio dove ritirare il tuo prodotto
Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una email di conferma Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una email di conferma
Recati in Negozio entro 3 giorni e ritira il tuo prodotto

Inserisci i tuoi dati

Errore: riprova

{{errorMessage}}

Riepilogo dell'ordine:


Oggi faccio azzurro

Daria Bignardi

€ 18,00

Ritira la tua prenotazione presso:


{{shop.Store.TitleShop}}

{{shop.Store.Address}} - {{shop.Store.City}}

Telefono: 02 91435230


Importante
1
La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
2
Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}}) Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}})
3
Per facilitarti il ritorno in libreria, abbiamo introdotto un nuovo servizio di coda virtuale. Ufirst ti permette di prenotare comodamente da casa il tuo posto in fila e può essere utilizzato in tante librerie laFeltrinelli, fino a 30 minuti prima della chiusura del negozio. Verifica qui l'elenco aggiornato in tempo reale dove è attivo il servizio ufirst.
4
Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l'articolo verrà rimesso in vendita)
5
Al momento dell'acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio

* Campi obbligatori

Grazie!

Richiesta inoltrata al Negozio

Riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

N.Prenotazione: {{pickMeUpOrderId}}

Oggi faccio azzurro

Daria Bignardi

€ 18,00

Quantità: {{formdata.quantity}}

Ritira la tua prenotazione presso:

{{shop.Store.TitleShop}}

{{shop.Store.Address}} - {{shop.Store.City}}

Telefono: 02 91435230


Importante
1 La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
2 Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}}) Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}})
3 Per facilitarti il ritorno in libreria, abbiamo introdotto un nuovo servizio di coda virtuale. Ufirst ti permette di prenotare comodamente da casa il tuo posto in fila e può essere utilizzato in tante librerie laFeltrinelli, fino a 30 minuti prima della chiusura del negozio. Verifica qui l'elenco aggiornato in tempo reale dove è attivo il servizio ufirst.
4 Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l'articolo verrà rimesso in vendita)
5 Al momento dell'acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio

Altri venditori

Mostra tutti (19 offerte da 17,10 €)

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Una storia irresistibile – a tratti comica e a tratti struggente – che mescola leggerezza e profondità, grazia e tenerezza, esplorando il nostro rapporto con il dolore, che è poi il nostro rapporto con noi stessi.

«La scrittrice e giornalista affronta il tema del dolore e dell'abbandono in modo originale, e anche divertente» - Tv Sorrisi e Canzoni

«Daria Bignardi torna in questo suo ultimo romanzo a indagare i legami sottili che ci legano gli uni agli altri, sfiora la fragilità dell'esistenza, scandaglia le contraddizioni di ciascuno, e analizza l'alchimia dei sentimenti» - Michela Marzano, la Repubblica

«Mi chiamo Gabriele, come l'arcangelo» aveva detto, «ma qui in Germania è un nome da donna. Il tuo invece che razza di nome è?» Galla si chiama così in onore dell'imperatrice Galla Placidia: «Darmi quel nome è stato uno dei pochi gesti coraggiosi di mia madre». Da quando è stata lasciata dal marito, improvvisamente e senza spiegazioni, passa le giornate sul divano a fissare la magnolia grandiflora del cortile, fantasticando di buttarsi dal balcone per sfuggire a un dolore insopportabile di cui si attribuisce ogni colpa. Esce di casa solo per vedere la psicanalista Anna Del Fante o per andare in carcere. «Da quando Doug mi ha lasciata sto bene solo dentro. Canto con altre dieci volontarie in un coro di detenuti tossicodipendenti. Anche io devo disintossicarmi.» Durante il primo viaggio da sola, a Monaco di Baviera, entra per caso in un museo dove è allestita la mostra della pittrice tedesca Gabriele Münter. Galla, che da ragazza studiava arte, ricorda solo che la Münter era nel gruppo del Cavaliere Azzurro con Vasilij Kandinskij. Ma quel giorno le sue opere «così piene di colore e prive di gioia» la ipnotizzano. Da quel momento la voce di Gabriele entra nella vita di Galla: la tormenta, la prende in giro e intanto le racconta la sua lunga storia d'amore con Kandinskij, così simile a quella di Galla con Doug. Mentre il dialogo tra le due si fa sempre più animato, la strada di Galla incrocia quella di altri due pazienti di Anna Del Fante: Bianca, un'adolescente che non riesce più ad andare a scuola, e Nicola, seduttore compulsivo e vittima di attacchi di panico. Le imprevedibili conseguenze di questo incontro potrebbero cambiare le vite di tutti e tre.

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

3,9
di 5
Totale 20
5
8
4
7
3
2
2
1
1
2
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    Piccola Libreria

    03/04/2021 15:24:29

    Galla, la protagonista, viene lasciata dopo vent’anni di matrimonio senza nessun preavviso e senza alcuna ragione apparente. Passa così le sue giornate incolpando se stessa e meditando di farla finita. Durante una breve vacanza in Germania, dopo una visita alla casa del pittore Vasilij Kandinskij, inizia a sentire una voce nella propria testa. La voce è quella di Gabriele Münter, pittrice e amante di Kandinskij, anch’essa lasciata (in malo modo) dal famoso pittore dopo una lunghissima relazione. Galla decide di affidarsi alla psicanalista Anna Del Fante che, in un un riuscito e non banale stratagemma narrativo, farà da ponte fra Galla, Bianca -una ragazza che da un anno non riesce più ad andare a scuola – e Nicola, anch’egli in difficoltà nel superare la fine di un rapporto amoroso. “Oggi faccio azzurro” è un romanzo che con la sua brevità e nella sua, solo apparente, parvenza di semplicità lancia messaggi profondissimi e per niente scontati. Anche se in “Oggi faccio azzurro” ho notato una minore solidità nella struttura del romanzo e, sfortunatamente, una minore caratterizzazione dI alcuni personaggi, questo romanzo che parla di abbandono e del saper imparare a lasciar andare, riesce nel suo intento. Daria Bignardi scrive benissimo e riesce a raccontare storie che restano, poiché sono storie che parlano a tutti noi, che parlano di tutti noi. Potete leggere la recensione completa sul blog.

  • User Icon

    Paola

    14/03/2021 20:43:18

    buon romanzo a metà strada tra il fantasy e il realistico, dove la protagonista Galla , lasciata dal compagno Doug, cerca di trovare tutti gli espedienti possibili per uscirne indenne e senza colpe e auto-recriminazioni.

  • User Icon

    Giulia

    17/02/2021 21:56:52

    Questo libro mi ha delusa davvero molto. Mi aspettavo un libro che potesse essere rivoluzionario, non dal punto di vista medico, ma dal punto di vista empatico, che facesse capre a molte persone che la depressione è effettivamente una malattia; e invece ne sono rimasta profondamente delusa, è rimasto superficiale, ha appena scalfito la superficie di ciò che poteva essere in potenza. Troppi punti di vista sono stati messi insieme totalmente senza un filo logico, e la fine sembra piuttosto sconclusionata. Mi dispiace ma non mi sento di consigliarlo.

  • User Icon

    Valentina

    27/01/2021 11:52:49

    Quanto sono pericolose le dipendenze? E quanto diventano necessarie le persone e l'aiuto che possono darci? È un romanzo magnetico sui tempi del dolore, sulle imprevedibili conseguenze degli incontri, dove le cose succedono e quando succedono si imparano a governare, dove la nostalgia e il rimpianto per il passato sono inutili, dove per stare bene con qualcuno bisogna stare bene prima da soli e dove l'amore, anche dopo un grande dolore, resta la via d'uscita.

  • User Icon

    Alba

    26/01/2021 15:40:45

    Questo libro mi ha deluso. Mi sono incuriosita sentendo la scrittrice promuoverlo in tv(Daria Bignardi sa accendere la passione per i libri,non solo i suoi)ma non mi ha coinvolto per niente.

  • User Icon

    La Bibliatra

    24/01/2021 13:12:40

    [estratto dal Blog] [...] Galla, che si chiama così in onore dell’imperatrice Galla Placidia, è stata lasciata dal marito Doug e si sente vuota, senza un obiettivo, un lavoro e anche senza una famiglia. È afflitta dal dolore, non esce di casa se non per recarsi in carcere, dove canta con altri volontari in un coro di detenuti, e per incontrare la psicanalista Anna Del Fante, [...] È durante il suo primo viaggio da sola, fortemente consigliato dall’analista, a Monaco, che Galla visita una mostra di Gabriele Münter e ne resta così affascinata da decidere di visitare anche la casa-museo della pittrice a Murnau. E qui, durante la visita, compare per la prima volta quella che lei chiama “la Voce”.[...]Galla e Gabriele dialogano costantemente, le accomuna il dolore per essere state abbandonate dal loro grande amore, Galla da Doug e Gabriele da Kandinskij. A distanza di cento anni è ancora forte il rancore che la pittrice prova per lui.[...] Gabriele ne fa la sua forza e con ironica crudeltà rimprovera e biasima l’atteggiamento di Galla, pungolandola affinché non si abbatta,[...]Ho amato la Voce, avremmo tutti bisogno di qualcuno come lei [...]Galla, nella sala d’aspetto di Anna Del Fante, incrocia i pazienti che la precedono e la seguono nelle sedute, non conosce i loro nomi, per lei sono “prima” e “dopo”, un’adolescente e un giovane uomo. I loro sguardi s’incrociano, si sorridono, ognuno di loro fa ipotesi sugli altri, ma non si conoscono. Ed il romanzo diventa corale, a Galla si aggiungono i pensieri e le vite di Bianca e Nicola. L’autrice, nelle pagine a questi dedicate, fa parlare loro in prima persona,[...]le loro esistenze s’intrecciano[,,,]“Oggi faccio azzurro” è un romanzo scritto con uno stile essenziale, diretto, con un linguaggio sobrio, con una struttura abilmente costruita, di un umorismo sconcertante e intensamente emozionante.[...]

  • User Icon

    annetta

    13/01/2021 10:23:29

    È un libro piacevole. Sebbene i tre personaggi abbiano problemi esistenziali per i quali sono in cura da una terapeuta, i toni sono comunque positivi e ironici. L'incontro casuale fra i tre li aiuterà a risolvere i loro "drammi" e li farà tornare senza quasi rendersene conto alla normalità della vita. Simpatico anche il dialogo immaginario della protagonista con la pittrice Munter che mi ha dato l'opportunità di conoscere e apprezzare

  • User Icon

    arcli

    03/01/2021 09:44:04

    Ispirata dal titolo (e dalla spiegazione che avevo sentito dalla scrittrice in qualche intervista) ho scelto questo libro come primo romanzo della Bignardi (dopo aver letto Non vi lascerò orfani, che però è autobiografico) e devo dire che mi è piaciuto molto. Lo stile di scrittura è molto semplice, frase brevi e immediate, che si adattano perfettamente alla scelta di avere più punti di vista oltre a quello della protagonista; i "battibecchi" con la Voce oltre che funzionali li ho trovati divertenti. Credo che presto ne cercherò un altro da leggere.

  • User Icon

    Lia

    28/12/2020 15:16:08

    E' il primo libro della Bignardi che leggo. Mi è piaciuto ma, tutto sommato, non mi ha entusiasmato. Però, mi ha fatto venire una gran voglia di saperne di più su Gabriele Münter e del suo amore per Kandinskij.

  • User Icon

    roberta

    26/12/2020 15:48:21

    Ho letto molti libri di Daria Bignardi e la apprezzo come scrittrice, però questo romanzo non mi è piaciuto. La storia è sfilacciata, i personaggi poco approfonditi, i cambi di narratore disorientano e in più alcuni personaggi prima descritti vengono poi quasi abbandonati (vedi Nicola). Si legge velocemente perché tutto sommato è breve e i capitoli sono brevissimi, quindi la lettura è veloce. Delusione.

  • User Icon

    cristina

    04/12/2020 15:23:44

    Molto bello il titolo, ma questa volta la Bignardi mi ha deluso. Gli altri suoi romanzi erano più densi e lasciavano qualcosa su cui riflettere o anche solo uno stato d'animo, questa storia invece mi sembra molto banale e sempliciotta, non fa né sorridere né commuovere. Già usato e abusato (anche nella commedia italiana) il ricorso all'analista e agli intrecci tra i suoi pazienti; troppo invasive le sotto-storie di Gabriele Munter e del rapper XXXTentation. Spero che la Bignardi non abbia esaurito la sua vena letteraria, come questo romanzo purtroppo lascia presumere.

  • User Icon

    Nicoletta

    30/11/2020 20:09:08

    Bel libro scritto in modo originale.Dalle sofferenze d'amore si guarisce,basta uscire dal proprio guscio e non ripiegarsi su se stessi.La vita offre sempre nuove opportunità.

  • User Icon

    p

    28/11/2020 16:37:08

    Un libro da leggere tutto d’un fiato, perché lo sai già alla dedica che nella storia di Galla, nel suo Prima e Dopo, nei suoi dialoghi con voci di donne apparentemente tanto diverse da lei, riconoscerai te stessa, la tua voce, intensa, potente, delicata, com’eri o sei diventata. Ritrovi nel ricordo tutti i giorni di sole in cui hai “fatto azzurro”, un po’ stupita nel constatare che in un’epoca tanto buia come il medioevo, ad una latitudine in cui immagini siano tutti molto più pragmatici rispetto agli omologhi artigiani di alcune zone del centro o del meridione d’Italia, si utilizzi una metafora così piena di luce e poesia per indicare una pausa dai doveri quotidiani. La magnolia grandiflora del cortile che Galla fissa cercando l’ispirazione per un gesto estremo che potrebbe sottrarla al suo dolore è simile alla pianta sul balcone che non hai mai smesso di innaffiare nemmeno quando per stanchezza hai digiunato, dormito vestita, a cui parli ogni mattina pensando che è sempre la più bella! Man mano che vai avanti nella lettura, mentre Galla ritrova forza e speranza, (ri)conoscendo Prima e Dopo, pensi che si, vale la pena resistere perché, perchì c’è o arriverà, “contenta che stai bene!”. Trapela un grande Amore, da augurarsi contagioso, dell’autrice per l’arte e la bellezza, risorsa preziosa nei momenti difficili in cui tutto sembra stravolto dall’orrore della sofferenza, al pari della bontà e intelligenza di Galla, quando all’esibizione del coro del carcere, prende in braccio e porta via dal palco la figlia di un detenuto, mettendo in salvo da un errore tutta la famiglia. E poi c’è, resta, qui e ora ed è bello, così com’è. Grazie a Daria Bignardi per la sua urgenza!

  • User Icon

    Monica

    25/11/2020 11:25:21

    Terminato in un pomeriggio: folgorante!

  • User Icon

    Sergio

    18/11/2020 09:36:59

    Libro davvero bello ed emozionante, che rapisce nella lettura per una storia sapientemente costruita sugli affetti, sulla separazione, sul dolore, ma anche sulla rivincita, la guarigione e l'amicizia. Tutto in un connubio artistico molto interessante, che lega la protagonista alla "Voce", Gabriele Münter, artista meravigliosa che qui guida Galla in un percorso di consapevolezza e coscienza. Un intreccio profondo di storie, ciascuna interessante e costruita con attenzione.

  • User Icon

    Andrea

    14/11/2020 11:48:35

    Appena terminato “oggi faccio azzurro”💙 che dire .. una perla rara. mi ha fatto sorridere mi ha emozionato, mi ha riportato alla mente cose del passato che ho vissuto, alcune più dolorose, e l’ho terminato con gli occhi lucidi. incredibile quanta forza in appena 150 pagine, avrei voluto non lasciare mai galla, bianca, gabriele, nicola, la nonna e la psi, avrei voluto seguirli tutti per altre 200 pagine, per altri 2 libri. con questo gioiello oggi hai fatto centro nel mio cuore ❤️ grazie daria.

  • User Icon

    DG

    14/11/2020 10:10:15

    Testo emozionante

  • User Icon

    Laura F.

    12/11/2020 14:46:09

    Ho appena finito di leggere questo libro, mi ha così emozionato che l'ho letto quasi due volte, sono tornata indietro per rileggere alcune parti che mi hanno toccato in modo profondo. Mi sono ritrovata, ci sono vissuti che mi appartengono, che ho condiviso con amiche, provato sulla mia pelle. Daria ha la capacità di raccontare sentimenti, stati d'animo, sofferenze in un modo semplice ma coinvolgente ed emozionanate. Grazie Daria, ci ha fatto un bellissimo regalo.

  • User Icon

    Luca F.

    12/11/2020 10:45:38

    Devo dire che tutti i libri della Bignardi mi sono piaciuti, a partire dall'autobiografico "Non vi lascerò orfani", per arrivare a quello per me più intrigante e pieno di suspence, vale a dire "L'amore che ti meriti", però questo neonato mi ha davvero lasciato senza fiato e l'ho praricamente divorato nelle ore notturne del dopo acquisto. Il libro è una sorta di apoteosi della sofferenza d'amore post abbandono (la protagonista Galla viene lasciata dal marito dopo oltre 20 anni), ma su questa trama portante si innestano tante storie parallele: quella della "voce" di una pittrice defunta, Gabriele Munter (lasciata oltre un secolo prima dal pittore Kandinskij), che entra nella vita di Galla come una sorta di coscienza critica, avendo vissuto un'esperianza simile; quella di Anna, la psicanalista da cui è in cura per la depressione, figura essenziale nella consapevolezza finale della protagonista; quelle dei detenuti che Galla va a trovare in carcere; quelle di Bianca e Nicola, due pazienti di Anna, che precedono e seguono Galla negli appuntamenti di psicanalisi e che un giorno, per un caso fortuito, vengono direttamente in contatto con lei; quella di Doug, il marito di Galla, figura marginale ma decisiva per capire la causa scatenante del tormento d'amore. In tutte queste storie, spesso divertenti, incastrate fra di loro in un impianto narrativo accattivante e raccontate con uno stile di scrittura scarno ed essenziale, spicca la continua ricerca di una via d'uscita da una sofferenza che a tratti pare in un vicolo cieco, fino all'iniezione di ottimismo finale (l'ultimo discorso fra Galla e la psicanalista), che sembra finalmente squarciare d'azzurro il racconto. Consiglio a chi leggerà questo libro di lasciarsi cullare dalle pagine, entrando di volta in volta nei panni dei vari personaggi che, seppur descritti a volte in poche pagine, riescono ad emozionare e contribuiscono a completare il quadro psicologico della protagonista. Che dire, complimenti!

  • User Icon

    LucaG

    11/11/2020 15:43:37

    Un Libro meraviglioso, letto tutto d'un fiato, di quelli che vorresti non finissero mai e che quando finisci ne vuoi di piu'. Capace di trasportati con la mente in luoghi vicini ma anche lontani. Storie nelle storie, personaggi interessantissimi, descritti e raccontati superbamente. Vivamente consigliato! Daria at her best!

Vedi tutte le 20 recensioni cliente
  • Daria Bignardi Cover

    Vive a Milano dal 1984 e in questa città ha iniziato la sua attività di giornalista. Nel 1988 entra a Chorus, mensile di Leonardo Mondadori. Diventata giornalista professionista nel 1992, ha collaborato con varie testate: Panorama, Sette, La Stampa. Già dall'anno precedente iniziava a lavorare per radio e televisione, prima con Gad Lerner, poi con Gianni Riotta per la trasmissione Milano Italia su RaiTre. Ha diretto per due anni il mensile Donna di Hachette. Da aprile 2005 scrive e conduce il programma Le invasioni barbariche per La7, quindi su Rai Due il programma Era glaciale.Ha ricevuto molti riconoscimenti, tra i quali il Premio Flaiano, due Telegatti (nel 2000 e nel 2007), due Oscar tv (nel 2001 e nel 2007), il Premiolino, l'Oscar del Riformista, il Premio Ideona... Approfondisci
Note legali