Ogni maledetto lunedì su due

Zerocalcare

Editore: Bao Publishing
In commercio dal: 22/07/2018
Pagine: 208 p., ill. , Brossura
  • Prodotto usato
  • Condizioni: Nuovo
  • EAN: 9788865431559

nella classifica Bestseller di IBS Libri - Fumetti e graphic novels - Narrativa a fumetti

Disponibile anche in altri formati:

€ 13,60

€ 16,00

Risparmi € 2,40 (15%)

Venduto e spedito da IBS

14 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:

Altri venditori

Mostra tutti (2 offerte da 16,00 €)

 
 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    paolo

    06/01/2015 09:37:39

    Secondo me l'autobiografismo un po' troppo marcato danneggia l'impressione generale prodotta da questi bei racconti a fumetti. L'ambientazione strettamente di quartiere, il gergo romanesco-giovanile stancano un po' chi non è romano e non è particolarmente giovane, ma certo l'autore racconta quel che conosce. Ho apprezzato molto la sensibilità per il sapore fondamentalmente drammatico nascosto dietro ad ogni esistenza, anche quando raccontata in chiave di commedia, anzi questa caratteristica è sorprendentemente chiara, considerata l'età di Zero Calcare. Belli i disegni, apparentemente "schizzati" ma in realtà assai curati nei particolari.

  • User Icon

    andrea

    18/11/2013 12:16:45

    Terzo libro dopo "l'armadillo" (storie brevi) e Il Polpo alla gola ("romanzo" unico). Rispetto al debutto "dell'armadillo" le storielle (pubblicate settimanalmente nei mesi passati sul blog) sono più amare e graffianti (senza perdere la carica esilarante); inoltre la storia con le tavole a colori che fa da collante alle storielle ha una profondità di tragedia e un'umanità rare per un fumetto. Zerocalcare è il proseguimento della letteratura con altri mezzi. Imperdibile.

Scrivi una recensione

La raccolta delle ormai mitiche storie del suo blog in ordine ragionato. Uno spaccato del mondo e del pensiero di Zerocalcare, legato da pagine inedite e a colori, che raccontano la perdita delle illusioni della giovinezza e l’ingresso disincantato in quella che lui chiama “adolescenza lunga”, per non chiamarla età adulta. Un volume corposo, spassoso, ma allo stesso tempo amaro e profondamente vero.