L' ombra della guerra. Il 1945, l'Italia

Guido Crainz

Editore: Feltrinelli
Anno edizione: 2014
Formato: Tascabile
In commercio dal: 30 aprile 2014
Pagine: 150 p., Brossura
  • EAN: 9788807883996
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:
Descrizione
Qual era la situazione, reale e immaginaria, dell'Italia nel 1945? Quale paese usciva da vent'anni di fascismo, da una guerra devastante, da una terribile occupazione nazista e da una resistenza che è stata anche guerra civile? In questo volume Guido Crainz descrive i momenti principali del passaggio cruciale dal regime fascista alla nascente democrazia italiana. Letteratura e giornalismo d'epoca, memorie e documenti d'archivio testimoniano il segno profondo lasciato dalla guerra in un paese oscillante tra speranze e paure, tra desiderio di trasformazione e bisogno di normalità. Ci trasmettono la necessità di un esame di coscienza collettivo volto a capire le ragioni del dramma alle spalle, che però si interromperà troppo presto. Ci ripropongono, infine, le condizioni concrete in cui avviene la costruzione della "democrazia dei partiti", con le sue contraddizioni e i suoi limiti. In questo quadro, anche le violenze successive al 25 aprile trovano una precisa collocazione storica, perché situano concretamente i drammi vissuti da milioni di donne e di uomini negli anni precedenti. E soprattutto mostrano quanto ancora fosse lunga l'ombra della guerra, in grado di alterare i più elementari codici di comportamento e ridisegnare un'antropologia della violenza e dell'illegalità che ci lascia sconcertati e ci rimanda a un'Italia molto lontana da noi.

€ 7,65

€ 9,00

Risparmi € 1,35 (15%)

Venduto e spedito da IBS

8 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:
 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    claudio

    10/06/2014 20:12:39

    L'Italia che esce dalla guerra esce in periodi diversi: mentre al sud e a Roma i nazifascisti non ci sono più dal giugno '44 al nord bisognerà attendere ancora un anno per arrivare alla pace. In questo periodo e nel periodo immediatamente successivo all'aprile '45 ci sono il passaggio alla realtà democratica e l'inevitabile ricorso alla vendetta verso i fascisti più immersi nella lotta contro i partigiani e ancor più grave contro la povera gente spesso colpita solo per rappresaglia. La democrazia in Italia nasce con molta difficoltà e ci vorranno anni per sconfiggere le richieste di vendetta e dall'altra parte la fame.

Scrivi una recensione