Omero, Iliade - Alessandro Baricco - copertina

Omero, Iliade

Alessandro Baricco

Con la tua recensione raccogli punti Premium
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente
Editore: Feltrinelli
Anno edizione: 2013
Formato: Tascabile
In commercio dal: 24 gennaio 2013
Pagine: Brossura
  • EAN: 9788807881435
Salvato in 204 liste dei desideri

€ 8,55

€ 9,00
(-5%)

Punti Premium: 9

Venduto e spedito da IBS

Quantità:
LIBRO
Aggiungi al carrello
spinner
PRENOTA E RITIRA Verifica disponibilità in Negozio

Omero, Iliade

Alessandro Baricco

Caro cliente IBS, da oggi puoi ritirare il tuo prodotto nella libreria Feltrinelli più vicina a te.

Verifica la disponibilità e ritira il tuo prodotto nel Negozio più vicino.

Non siamo riusciti a trovare l'indirizzo scelto

Prodotto disponibile nei seguenti punti Vendita Feltrinelli

{{item.Distance}} Km

{{item.Store.TitleShop}} {{item.Distance}} Km

{{item.Store.Address}} - {{item.Store.City}}

Telefono: 02 91435230

{{getAvalability(item)}}

Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:0{{item.FirstPickUpTime.minute}} Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:{{item.FirstPickUpTime.minute}}
Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:0{{item.FirstPickUpTime.minute}} Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:{{item.FirstPickUpTime.minute}}
*Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva

Spiacenti, il titolo non è disponibile in alcun punto vendita nella tua zona

Compralo Online e ricevilo comodamente a casa tua!
Scegli il Negozio dove ritirare il tuo prodotto
Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una email di conferma Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una email di conferma
Recati in Negozio entro 3 giorni e ritira il tuo prodotto

Inserisci i tuoi dati

Errore: riprova

{{errorMessage}}

Riepilogo dell'ordine:


Omero, Iliade

Alessandro Baricco

€ 9,00

Ritira la tua prenotazione presso:


{{shop.Store.TitleShop}}

{{shop.Store.Address}} - {{shop.Store.City}}

Telefono: 02 91435230


Importante
1
La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
2
Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}}) Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}})
3
Per facilitarti il ritorno in libreria, abbiamo introdotto un nuovo servizio di coda virtuale. Ufirst ti permette di prenotare comodamente da casa il tuo posto in fila e può essere utilizzato in tante librerie laFeltrinelli, fino a 30 minuti prima della chiusura del negozio. Verifica qui l'elenco aggiornato in tempo reale dove è attivo il servizio ufirst.
4
Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l'articolo verrà rimesso in vendita)
5
Al momento dell'acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio

* Campi obbligatori

Grazie!

Richiesta inoltrata al Negozio

Riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

N.Prenotazione: {{pickMeUpOrderId}}

Omero, Iliade

Alessandro Baricco

€ 9,00

Quantità: {{formdata.quantity}}

Ritira la tua prenotazione presso:

{{shop.Store.TitleShop}}

{{shop.Store.Address}} - {{shop.Store.City}}

Telefono: 02 91435230


Importante
1 La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
2 Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}}) Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}})
3 Per facilitarti il ritorno in libreria, abbiamo introdotto un nuovo servizio di coda virtuale. Ufirst ti permette di prenotare comodamente da casa il tuo posto in fila e può essere utilizzato in tante librerie laFeltrinelli, fino a 30 minuti prima della chiusura del negozio. Verifica qui l'elenco aggiornato in tempo reale dove è attivo il servizio ufirst.
4 Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l'articolo verrà rimesso in vendita)
5 Al momento dell'acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio

Altri venditori

Mostra tutti (15 offerte da 8,50 €)

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Scelto da IBS per la Libreria ideale perché per rileggere oggi L'Iliade è necessaria una guida che ce ne mostri l'assoluta attualità.

Questo volume nasce da un progetto di rilettura del poema omerico destinato alla scena teatrale. Baricco smonta e rimonta l'Iliade creando ventun monologhi, corrispondenti ad altrettanti personaggi del poema e al personaggio di un aedo che racconta, in chiusura, l'assedio e la caduta di Troia. L'autore "rinuncia" agli dei e punta sulle figure che si muovono sulla terra, sui campi di battaglia, nei palazzi achei, dietro le mura della città assediata. Tema nodale di questa sequenza di monologhi è la guerra, la guerra come desiderio, destino, fascinazione, condanna. Un'operazione teatrale e letteraria insieme, dalla quale emerge un intenso sapore di attualizzazione, riviviscenza, urgenza, anche morale e civile.
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

3,82
di 5
Totale 22
5
8
4
8
3
3
2
0
1
3
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    Alessandro

    02/10/2020 11:54:02

    Originale, appassionante, piacevole. Assolutamente consigliato.

  • User Icon

    Mary88

    03/07/2020 12:09:11

    Il poema epico che si umanizza: così si può descrivere l'Iliade di Baricco, autore superlativo nel riuscire ad avvicinare l'inavvicinabile. Consigliatissimo.

  • User Icon

    Mauro

    17/05/2020 18:46:45

    Una revisione dell'Iliade ma totalmente senza le divinità, Baricco è sempre una spanna avanti a tanti scrittori italiani (e non), stavolta non ha il suo solito tono leggero.

  • User Icon

    VforVendetta

    16/05/2020 16:27:47

    Un'Iliade senza dèi, senza ira, evidentemente anche senza studio, per parafrasare Tacito, sostanzialmente senza amore. Un'Iliade senza Iliade, in pratica. Il nostro aedo in prosa Baricco, povero di idee, ha deciso di devastare con una delle sue brillanti riscritture il fondamento della testualità occidentale. L'eco che questo libro ha avuto nei salotti incolti della politica anticulturale italiana dimostra, una volta di troppo, quanto sia facile vendere a un pubblico dal gusto addormentato la facile figura decomposta di un eroe di melassa.

  • User Icon

    Gra

    15/05/2020 12:25:27

    160 pagine di libro che ti permettono di capire sostanzialmente i contenuti di uno dei più grandi poemi epici del passato. Fruibile e scorrevole.

  • User Icon

    Filippo

    12/05/2020 21:09:49

    Opera densa di contenuti che tenta l’immane impresa di comprimere un poema omerico in 160 pagine, ovviamente alcuni contenuti vengono inevitabilmente persi nel labor limae, ma altri sono efficacemente valorizzati, notevoli in particolare le amare conclusive riflessioni sul tema della guerra.

  • User Icon

    Silvia

    11/05/2020 13:10:12

    un grande classico reso più fruibile da un grande della ns letteratura. un tuffo nel passato, un passato da cui proveniamo riletto con sentimenti contemporanei

  • User Icon

    Claudia

    27/02/2020 19:10:10

    Leggere l'Iliade senza leggere l'Iliade. Questo libro ti permette, in 150 pagine, ti permette di capire i contenuti dell'Iliade.

  • User Icon

    Matteo

    15/12/2019 14:19:57

    L'Iliade non si meritava certamente questo sciagurato "trattamento Baricco"...che senso ha un'opera del genere? Certo a parte vendere. Davvero la gente non è più in grado di leggere Omero se non in versione "pop" e riscritto "eliminando il superfluo" (sic!) da parte di uno Baricco qualsiasi?

  • User Icon

    luca

    24/09/2019 14:18:59

    Ho apprezzato molto il lavoro, la rivisitazione fatta al testo per questo suo adattamento teatrale gli dona freschezza e dinamismo, centrando in pieno gli intenti dell’autore che trasponde jl racconto in prima persona per consentire al lettore una maggiore immedesimazione. Lo consiglio!

  • User Icon

    Solidea Damiani

    20/09/2019 18:43:56

    Alessandro Baricco è stato capace di toccare un capolavoro di Omero, tagliarne le parti superflue , commentarlo qua e là e renderlo così scorrevole e piacevole che quasi non ti accorgi di star leggendo un classico della letteratura, ottima anche la traduzione della Ciani. Un ottimo lavoro su un pilastro della letteratura antica.

  • User Icon

    alessia

    17/08/2019 18:53:41

    "Già era passato il decimo anno e ancora durava la guerra tra Achei e Troiani"

  • User Icon

    n.d.

    18/07/2019 19:12:55

    Molto bello, ben tradotto in prosa, Baricco ha saputo fare un buon lavoro.\nOriginale,

  • User Icon

    Erika

    11/07/2019 10:12:20

    Libro di facile lettura, adatto a chi è al primo approccio con il genere e vuole un'infarinatura per passare a versioni più complete.

  • User Icon

    Fra

    07/03/2019 20:02:54

    Questa messa in prosa dell'Iliade permette di leggere e conoscere la storia del famosissimo poema in maniera semplice e lineare. Vorrei precisare che mi aspettavo che fosse una rivisitazione dell'opera da parte di Baricco. Mi aspettavo quindi un tocco in più da parte dello scrittore, che invece resta molto nell'ombra e mette davvero poco della sua personalità nel testo, limitandosi a fare, appunto, una messa in prosa. Mi è mancato il suo stile, capace di abbellire qualunque cosa. Resta così solo la prosa del poema nuda e cruda, fin troppo, non facile da leggere e a tratti noiosa. Un'opera encomiabile sì, ma più da testo scolastico che da lettura di piacere.

  • User Icon

    nikla

    29/01/2019 20:20:05

    Ottimo libro, si legge bene e lo consiglio a tutti, non solo agli appassionati di storia. Leggetelo.

  • User Icon

    Ula

    22/09/2018 10:06:01

    Sono abbastanza interdetta. Resta il dilemma se sia un sacrilegio modificare e snellire, rendere più moderno e accessibile un totem della letteratura mondiale - e quindi in un certo senso snaturarlo - o si debba rassegnarsi a relegarlo all'interno di quegli universi nominati ma sconosciuti. Il lavoro di Baricco in questo caso è lodevole proprio perchè se ne infischia delle critiche a cui va incontro. Apre uno scrigno e permette a tutti di raccoglierne il contenuto a piene mani. Per chi dopo la lettura volesse approfondire può sempre passare all'edizione tradizionale.

  • User Icon

    M. Cristina Flumiani

    11/09/2018 10:11:23

    Un bel libro sulla terribile guerra tra troiani e ateniesi; il sangue scorre a fiumi, non c'è alcun rispetto per la vita umana, ma piuttosto per la gloria e la patria. I due antagonisti sono Ettore che difende strenuamente la sua città, padre e marito felice, e "la bestia" com'era chiamato Achille, figlio di una divinità che ha di umano solo un tallone. L'opera è una celebrazione della guerra come espressione di potenza e di eleganza: le armature sfavillanti, spade e visiere decorate con i metalli più pregiati che richiedono una forza fisica non indifferente. Ogni capitolo è dedicato a un personaggio che racconta la sua guerra. Infine Baricco fa un commento che rivela la sua profondità d'animo e la sua abilità stilistica, assolutamente da leggere; dice in sintesi che la guerra è ancora purtroppo l'unico modo delle nazioni di mettersi in mostra.

  • User Icon

    Laura Z.

    15/04/2018 12:16:00

    Da amante dell'epica e, in particolare dell'Iliade, quale sono non ho potuto fare a meno di apprezzare questa rivisitazione di Baricco, che ha voluto rendere un'opera monumentale come l'Iliade accessibile a tutti. Secondo me non solo ci è riuscito al cento per certo, ma è stato capace anche di dare una spiccata caratterizzazione ai personaggi, animandoli di sentimenti intensi e non meno palpitanti che nell'opera omerica.

  • User Icon

    Arrigo

    20/02/2018 14:08:49

    L'Iliade senza gli dei è come la pasta al pomodoro senza sale e senza pomodoro, se poi si considera che il testo è di Baricco anziché di Omero...

Vedi tutte le 22 recensioni cliente


“Noi combattevamo con in mano delle armi: quell’uomo stava scendendo in battaglia stringendo in pugno il mondo. Lo vidi, splendente come il sole, salire sul carro, e urlare ai suoi cavalli immortali di portarlo verso la vendetta. Ce l’aveva con loro perché non erano stati capaci di sottrarre Patroclo alla morte, correndo via dalla battaglia.”

Avendo alle spalle la lettura integrale in greco dell’Iliade, per esigenze universitarie (e, sinceramente, anche per diletto), conoscendo bene la versione italiana di Rosa Calzecchi Onesti, quindi quella in prosa di Maria Grazia Ciani ho affrontato il testo di Baricco con qualche perplessità. Le pagine introduttive di Omero, Iliade delineano lo spirito e le caratteristiche del lavoro svolto per rendere l’opera adatta ad essere letta in pubblico senza estenuare gli spettatori. Quattro gli interventi salienti dichiarati: i tagli compiuti per rendere la durata della lettura compatibile “con la pazienza di un pubblico moderno”. Per far ciò sono state compiute alcune scelte importanti, come quella di eliminare praticamente ogni apparizione e ruolo degli dei (scelta di cui parleremo ancora in seguito). In secondo luogo Baricco ha utilizzato un linguaggio “vivo”, sia da un punto di vista sintattico che lessicale. Il terzo intervento è davvero significativo: la narrazione è proposta “in soggettiva”, cioè sono vari personaggi del poema omerico a raccontare la storia, scelta operata per rendere più rappresentabile l’opera. L’ultimo intervento dichiarato riguarda le “aggiunte al testo” compiute dall’autore e presentate con una scelta grafica che le differenziasse dal testo di Omero, il corsivo.

Questa premessa permette di affrontare la lettura con alcune consapevolezze e quindi di non rimanere stupiti se il testo si allontana in modo sostanziale da quello originale, se quasi ogni elemento epico è assente e se alcuni personaggi a cui è affidata una “voce” si discostano notevolmente dallo spirito che la tradizione ha loro attribuito.
L’abolizione della presenza fattiva degli dei nell’azione narrata è forse una delle più significative trasformazioni compiute sul poema omerico, in quanto è proprio la loro presenza a caratterizzare l’epica come genere, così come i vari interventi nel sostenere o nel punire le imprese degli eroi sono determinanti allo svolgimento della storia, e nello stesso tempo il supremo ruolo del Fato, superiore agli stessi dei, apre una riflessione sul pensiero antico davvero interessante.
La scelta stilistica poi sottolinea questa distanza: aboliti i “formulari”, tipici della tradizione orale, i cosiddetti “moduli”, la frase sempre uguale in riferimento a uguale situazione, quasi assenti le similitudini, così come l’aggettivazione (il sistema epitetico fisso), caratterizzante non solo i singoli personaggi, ma anche gli oggetti o gli animali, elementi tutti che costruiscono un ritmo e si fissano indelebili nella mente del lettore/ascoltatore.

Se la guerra e lo spirito guerriero (perché però mettere in bocca proprio a Enea quasi tutte le narrazioni delle battaglie?) caratterizzano l’Iliade e ne rappresentano pienamente un mondo e una mentalità e già l’Odissea inizia a raffigurare una cultura diversa, una realtà quasi mercantile, portatrice di valori diversi (da qui l’ampio dibattito se i due poemi appartengano o no a un’unica figura, singola o collettiva che fosse, e l’attuale posizione degli studiosi è che l’Odissea sia posteriore di almeno 400 anni all’Iliade), come è possibile parlare di “civiltà greca” tout court e non di “civiltà omerica” riferendoci al più antico dei due poemi? Sottigliezze, si può dire, ma credo che l’immaginario collettivo tenda a definire con “civiltà greca” il periodo classico, l’Atene di Pericle, più che l’arcaico (gli studiosi per lo più collocano Omero intorno all’VIII secolo a.C., Plutarco lo pone addirittura nel XIII sec. a. C.) e le differenze culturali tra i due momenti dell’antica Grecia sono davvero consistenti.
Quanto si è detto non vuole di certo sminuire l’operazione compiuta da Baricco, tutt’altro: la capacità di attualizzare un messaggio come quello omerico, la scelta di “teatralizzare” il poema, il rispetto per quello che può essere considerata la fonte tematica e ideale di tanta produzione letteraria, l’abilità nel dare una struttura compiuta alla propria rielaborazione, sono encomiabili. Un testo, questo Omero, Iliade, che può appassionare i giovani, entrare anche nelle scuole, spingere alla lettura integrale del poema, essere letto e ascoltato da un pubblico ampio e non necessariamente dotto, insomma un’operazione culturale interessante anche se il risultato è molto lontano dalle probabili intenzioni dell’autore.


Le prime frasi del libro

Poche righe per spiegare come è nato questo testo. Tempo fa ho pensato che sarebbe stato bello leggere in pubblico, per ore, tutta l'Iliade. Quando ho trovato chi era disposto a produrre l'impresa (Romaeuropa festival, a cui successivamente si sono aggiunti TorinoSettembreMusica e Musica per Roma) mi è subito parso chiaro che, in realtà, così com'era, il testo era illeggibile: ci sarebbero volute una quarantina di ore e un pubblico davvero molto paziente. Così ho pensato di intervenire, per adattarlo a una lettura pubblica. C'era da scegliere una traduzione - tra le tante, autorevoli, disponibili in italiano - e ho scelto quella di Maria Grazia Ciani (pubblicata da Marsilio) perché era in prosa e perché, stilisticamente, era vicina al mio sentire. E poi ho fatto una serie di interventi.

Per prima cosa ho praticato dei tagli per ricondurre la lettura a una durata compatibile con la pazienza di un pubblico moderno. Non ho tagliato, quasi mai, delle scene intere, ma mi sono limitato, per quanto era possibile, a togliere le ripetizioni, che nell'Iliade sono numerose, e ad asciugare un po' il testo. Ho cercato di non riassumere mai e di creare piuttosto delle sequenze più stringate usando sezioni originali del poema. Per cui i mattoni sono quelli omerici, ma il muro risulta più essenziale.
Ho detto che non ho quasi mai tagliato scene intere:
questa è la regola, ma devo citare l'eccezione più evidente: ho tagliato tutte le apparizioni degli dei. Come si sa, gli dei intervengono abbastanza spesso, nell'Iliade, per indirizzare gli eventi e sancire l'esito della guerra. Sono forse le parti più estranee alla sensibilità moderna, e sovente spezzano la narrazione, disperdendo una velocità che, invece, avrebbe dell'eccezionale. Non le avrei comunque tolte se fossi stato convinto che erano necessarie. Ma - per quanto sia brutto dirlo - non lo sono. L'Iliade ha una sua forte ossatura laica che sale in superficie appena si mettono tra parentesi gli dei. Dietro al gesto del dio il testo omerico cita quasi sempre un gesto umano che raddoppia il gesto divino e lo riporta, per così dire, in terra. Per quanto i gesti divini tramandino l'incommensurabile che spesso si affaccia nella vita, l’Iliade mostra un'ostinazione sorprendente a cercare, comunque, una logica degli eventi che abbia l'uomo come ultimo artefice. Se quindi si tolgono gli dei da quel testo, quel che resta non è tanto un mondo orfano e inspiegabile, quanto un'umanissima storia in cui gli uomini vivono il proprio destino come potrebbero leggere un linguaggio cifrato di cui conoscono, quasi integralmente, il codice. In definitiva: togliere gli dei dall'Iliade non è probabilmente un buon sistema per comprendere la civiltà omerica: ma mi sembra un ottimo sistema per recuperare quella storia riportandola nell'orbita delle narrazioni a noi contemporanee. Come diceva Lukács: il romanzo è l'epopea del mondo disertato dagli dei.

Il secondo intervento che ho fatto è sullo stile. Già la traduzione della signora Ciani usa un italiano vivo, più che un linguaggio da filologi. Ho cercato di proseguire in quella direzione. Da un punto di vista lessicale ho cercato di eliminare tutti gli spigoli arcaici che allontanano dal cuore delle cose. E poi ho cercato un ritmo, la coerenza di un passo, il respiro di una particolare velocità e di una speciale lentezza. L'ho fatto perché credo che ricevere un testo, che viene da così lontano, significhi sopra ogni cosa cantarlo con la musica che è nostra.
Il terzo intervento è più evidente, anche se poi non così importante come sembra. Ho girato la narrazione in soggettiva. Ho scelto una serie di personaggi dell'Iliade e ho fatto loro raccontare la storia, sostituendoli al narratore esterno, omerico. Per lo più è una faccenda puramente tecnica: invece che dire “il padre prese la figlia tra le braccia”, nel mio testo c'è la figlia che dice “mio padre mi prese tra le braccia”. È evidentemente un'accortezza dettata dalla destinazione del lavoro: in uno spettacolo di lettura pubblica, dare al lettore un minimo di personaggio a cui appoggiarsi lo aiuta a non scolorirlo nell'impersonalità più noiosa. E per il pubblico di oggi ricevere la storia da chi l'ha vissuta rende più facile l'immedesimazione. Quarto intervento: naturalmente non ho resistito alla tentazione e ho fatto alcune, poche, aggiunte al testo. Qui, nella stampa, le troverete in corsivo, in modo che non ci siano equivoci: sono come restauri dichiarati, in acciaio e vetro, su una facciata gotica. Quantitativamente, sono interventi che coprono una percentuale minima del testo. Per lo più riportano in superficie sfumature che l'Iliade non poteva pronunciare ad alta voce ma nascondeva tra le righe. A volte riprendono tessere di quella storia tramandate da altre narrazioni posteriori (Apollodoro, Euripide, Filostrato). Il caso più evidente, ma in certo modo anomalo, è l'ultimo monologo, quello di Demòdoco. Come si sa l'Iliade finisce con la morte di Ettore e con la restituzione del suo corpo a Priamo: non c'è traccia del cavallo e della caduta di Troia. Pensando alla lettura pubblica, però, mi sembrava perfido non raccontare come quella guerra fosse poi, finalmente, finita. Così ho preso una situazione che viene dall'Odissea (libro VIII: alla corte dei Feaci un vecchio aedo, Demòdoco, canta la caduta di Troia davanti a Ulisse) e le ho versato dentro, per così dire, la traduzione di alcuni passi de La presa di Ilio di Trifiodoro: un libro, non privo di una sua eleganza post-omerica, che risale forse al quarto secolo dopo Cristo.
  • Alessandro Baricco Cover

    Nasce a Torino il 25 gennaio 1958. Si laurea in Filosofia con una tesi in Estetica e studia contemporaneamente al Conservatorio dove si diploma in pianoforte. L’amore per la musica e per la letteratura ispireranno sin dagli inizi la sua attività di saggista e narratore.Come saggista esordisce con Il genio in fuga. Due saggi sul teatro musicale di Gioacchino Rossini (Il Melangolo, 1988; Einaudi, 1997). Castelli di rabbia (Rizzoli, 1991; Universale Economica Feltrinelli, 2007), suo primo romanzo, Premio Selezione Campiello e Prix Médicis Etranger, è un’autentica rivelazione nel panorama della letteratura italiana e ottiene il consenso della critica e del pubblico. Seguono Oceano Mare (Rizzoli, 1993; Universale Economica Feltrinelli, 2007), Premio Viareggio e... Approfondisci
Note legali