L' onere della toga - Lionello Mancini - ebook

L' onere della toga

Lionello Mancini

Con la tua recensione raccogli punti Premium
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente
Formato: EPUB con DRM
Testo in italiano
Cloud: Scopri di più
Compatibilità: Tutti i dispositivi (eccetto Kindle) Scopri di più
Pagine della versione a stampa: 279 p.
  • EAN: 9788858648452

€ 6,99

Punti Premium: 7

Venduto e spedito da IBS

EBOOK

Compatibile con tutti i dispositivi, eccetto Kindle

Cloud: Sì Scopri di più

Aggiungi al carrello
spinner
Fai un regalo
spinner

non è possibile acquistare ebook su dispositivi Apple. Puoi comunque aggiungerli alla wishlist

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Monza, estate 1988, una casa prende fuoco: è l'avvertimento della 'ndrangheta a un teste perché non riveli nulla al magistrato che già allora indagava sulle infiltrazioni mafiose al Nord. Milano, tribunale: il sostituto procuratore ascolta il dramma di una ragazza tenuta per anni in schiavitù, sfruttata e prostituita. E poi San Marino: un luogo caratteristico e ameno per tanti, ma non per i Pm di Forlì che indagano sull'evasione fiscale e per questo ricevono silenziose pressioni e velate minacce. La vita quotidiana dei magistrati è fatta di tante storie come queste. La scelta di battersi in nome della legge comporta rischi, paure e rinunce, quasi sempre sconosciuti all'opinione pubblica. In questo libro, Lionello Mancini dà voce a cinque toghe e alle loro storie di caparbietà, lotta, fatica e ideali forti, offrendoci allo stesso tempo un quadro esaustivo del mondo giudiziario italiano, utile a comprendere cosa significhi oggi, in questo Paese, lottare ogni giorno per un po' di Giustizia. Prefazione di Giuseppe Pignatone
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

4,5
di 5
Totale 2
5
1
4
1
3
0
2
0
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    Brando Bolis

    22/11/2016 17:41:33

    Il volume permette di capire e talvolta immedesimarsi in veri uomini di stato che prestano servizio all'ombra delle cronache più famose. I pubblici ministeri che l'autore ha preso considerazione sono i più variegati sia per personalità che per specializzazione personale e ciò consente di sfatare i miti sui magistrati che non sono nella maggioranza dei casi arrivisti e desiderosi di rendersi famosi, ma semplicemente servitori dello Stato e della legge che cercano di perseguire i meritevoli di pena. Molto coinvolgente e mai noioso, il libro permette anche di avere uno spaccato dei crimini commessi nel nostro paese. Allo stesso tempo permette anche di conoscere le lacune e i problemi che la magistratura continua ad avere, nonostante i protagonisti di quest'opera.

  • User Icon

    Giancarlo Fava

    07/12/2014 19:34:49

    Libro da leggere per capire come molti magistrati, anzi la maggior parte, svolgano il loro compito con abnegazione e dedizione assoluta alla riservatezza e al rispetto della legge. Sono magistrati dai nomi sconosciuti al pubblico, che non compaiono nei TG o nei salotti televisivi. Purtroppo abbiamo un'immagina degradata della magistratura, per quella minoranza di chiassosi personaggi asserviti alla politica, che cercano di farsi eleggere per questo o quel partito o, magari, di fondare l'ennesimo partitino, con esistenza effimera, di cui essere leader per lo spazio di un mattino. Sarebbe bello se il CSM fosse composto tutto da questi ignorati servitori della legge. La speranza non muore mai. Esemplari il caso dello sconosciuto giovane procuratore Fabio di Vizio che è riuscito a smantellare il paradiso fiscale di San Marino, in parte grazie all'aiuto del Governatore della Banca d'Italia Mario Draghi e quello del procuratore capo di Bolzano, Cuno Jakob Tarfusser, che ha riorganizzato in modo esemplare il lavoro della sua sede aprendo la strada per la razionalizzazione del sistema giudiziario. Detestato dalla maggior parte dei colleghi che contano, non apprezzato dal CSM, è stato nominato vice presidente della Corte Penale Internazionale dell' Aja: promoveatur ut amoveatur!

Note legali