Opere per chitarra - CD Audio di Ferdinando Carulli

Opere per chitarra

0 recensioni
Con la tua recensione raccogli punti Premium
Compositore: Ferdinando Carulli
Supporto: CD Audio
Numero supporti: 1
Etichetta: Brilliant Classics
Data di pubblicazione: 8 ottobre 2014
  • EAN: 5028421949178

€ 9,50

Punti Premium: 10

Venduto e spedito da IBS

Quantità:
CD
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Solo op.76 n.1; Trois Menuets et Trois Valses op.84; Morceau in Sol minore; Morceau in Mi minore op.114; Les Folies d’Espagne Op.75; Due Petits solos brillants et non difficiles
Nato nel 1770 come Beethoven e morto nel 1841, Ferdinando Carulli fu uno dei chitarristi più famosi dei suoi tempi e seppe portare la chitarra sullo stesso piano dei più apprezzati strumenti classici di quel periodo. In particolare, i concerti che dava regolarmente a Parigi godevano di una grandissima fama e molti giovani chitarristi vennero da lui da ogni parte d’Europa per carpire i segreti della sua raffinatissima arte. Le opere di Carulli ricoprirono un ruolo determinante nello sviluppo della tecnica chitarristica, come si può notare dai numerosi elementi virtuosistici che le punteggiano, tra cui i glissando, i rapidi arpeggi e l’elegante ornamentazione. Nicola Jappelli è un chitarrista e compositore di grande talento, che nel corso degli ultimi anni si è specializzato nella prassi esecutiva storica, con la quale ha riportato alla vita i lavori di molti compositori virtualmente sconosciuti dell’età d’oro della chitarra. Il programma di questo disco presenta una gradevole antologia di opere per chitarra sola di Carulli, tra cui divertissement, valzer, minuetti e altri pezzi caratteristici, i cui nomi rivelano chiaramente il loro stile affascinante, lirico, brillante e variopinto. Il booklet contiene ampie note di copertina sul compositore e sulle opere eseguite e la biografia dell’interprete.

  • Ferdinando Carulli Cover

    Chitarrista e compositore. Dopo aver svolto la sua attività in Italia, nel 1808 si trasferì a Parigi, riscuotendo grande successo come didatta e come compositore. Gli editori parigini, soprattutto Carli, pubblicarono quasi tutti i suoi lavori, che comprendono ca 400 numeri d'opera, tra cui i celebri metodi (L'harmonie appliquée à la guitare, 1825), scritti con intelligenza e con particolare cura per il periodo iniziale di studio. Le sue composizioni – di valore discontinuo, ma non prive di fresca inventiva – sono per chitarra sola, due chitarre, chitarra con altri strumenti, oltre a tre concerti per chitarra e orchestra e a un concerto per flauto, chitarra e orchestra. Approfondisci
Note legali