Opere per pianoforte vol.6

Compositore: Gioachino Rossini
Supporto: CD Audio
Numero dischi: 1
Etichetta: Naxos
Data di pubblicazione: 20 aprile 2014
  • EAN: 0747313310777
pagabile con 18App

Articolo acquistabile con 18App

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:

€ 10,50

Venduto e spedito da IBS

11 punti Premium

Disponibile in 3 gg lavorativi

Quantità:
Descrizione

Péchés de vieillesse (Volume IV); Quatre hors d’oeuvres et quatre mendiants
Gioachino Rossini ha sempre goduto di una grandissima popolarità grazie alle sue splendide opere, mentre la sua bella produzione pianistica ha dovuto attendere fino all’anno scorso per essere riscoperta in tutto il suo valore. La raccolta Péchés de vieillesse (Peccati di vecchiaia) è divisa in tredici volumi, il quarto dei quali è intitolato Quatre hors d’oeuvre et quatre mendiants e comprende una serie di brani dai toni comici e deliziosamente informali. Queste opere ruotano intorno al tema della buona cucina e Rossini dimostra tutto il suo grande talento descrittivo, imitando alla perfezione tra le altre cose il verso di un pappagallino. Protagonista di questo disco è Alessandro Marangoni, membro del Trio Albatros, che nel 2007 ha registrato un disco dedicato alle opere pianistiche di Victor De Sabata per celebrare il quarantesimo anniversario della scomparsa di questo grande direttore, eseguendole poi in un recital al Teatro alla Scala di Milano sotto la bacchetta di Daniel Barenboim. Per la Naxos Marangoni ha registrato anche il Gradus ad Parnassum di Muzio Clementi e i concerti per pianoforte e orchestra di Mario Castelnuovo-Tedesco. Nel 2007 Marangoni si è aggiudicato il prestigioso Premio Internazionale Amici della Musica e ha dato vita al Chromoconcerto con Pierpaolo Venier. «Un’interpretazione ricca di vitalità, fantasia e arguzia» (John Sheppard, MusicWeb International, marzo 2009) «Marangoni sfoggia un approccio brillante e pieno di imprevedibili spunti armonici» (Jed Distler, ClassicToday.com, maggio 2010) «La ricchezza melodica e i netti contrasti esistenti tra un brano e l’altro contribuiscono a rendere questo disco molto gradevole, con il brillante virtuosismo di Marangoni che consente agli ascoltatori di concentrarsi sulla bellezza della musica più che sulla bravura dell’interprete» (Infodad.com, febbraio 2012).

Vincitore di parecchi premi sia in Italia sia all’estero, Alessandro Marangoni ha iniziato una intensa carriera concertistica che lo vede protagonista sia in veste solistica sia come membro di formazione da camera in un repertorio molto vasto.