Opere per strumento a tastiera

0 recensioni
Con la tua recensione raccogli punti Premium
Compositore: Luzzasco Luzzaschi
Supporto: CD Audio
Numero supporti: 1
Etichetta: Brilliant Classics
Data di pubblicazione: 16 aprile 2014
  • EAN: 5028421941691
Toccata del quarto tuono; Il Secondo Libro de Ricercari a quattro voci (1578); Ricercare del Primo Tuono a 4; Ricercare del Secondo Tuono a 4; [Canto fermo] a 4 [sopra “la Spagna”]
Il ferrarese Luzzasco Luzzaschi fu uno dei principali compositori di opere per tastiera del Rinascimento italiano. Dopo essere entrato al servizio del duca Alfonso II, uno dei mecenati delle arti più illuminati dell’epoca, Luzzasco elaborò uno stile del tutto nuovo, arrangiando i madrigali con una complessa scrittura a quattro voci che metteva a dura prova anche i solisti migliori dell’epoca: monumentali architetture contrappuntistiche e un’ornamentazione estremamente fiorita. Queste opere, virtualmente sconosciute, ci vengono proposte nell’interpretazione espressiva e storicamente informata del cembalista e organista italiano Matteo Messori, considerato uno degli interpreti più ispirati del repertorio rinascimentale e barocco, che per l’etichetta olandese ha già registrato l’integrale delle opere di Heinrich Schütz, il Clavierübung e l’Arte della fuga di Johann Sebastian Bach, ottenendo recensioni molti lusinghiere dalla stampa specializzata di tutto il mondo (FonoForum e Diapason). Il booklet di questo disco comprende ampie note di copertina sul compositore e sulle opere eseguite, scritte da un musicologo italiano specializzato in questo repertorio, i dati tecnici degli strumenti utilizzati e la biografia di Messori.

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

  • Luzzasco Luzzaschi Cover

    Organista e compositore. Studiò con C. de Rore a Ferrara, dove nel 1571 prestò servizio all'organo della corte ducale. Strumentista fra i più rinomati del suo tempo, maestro di Frescobaldi, ha una notevole importanza nel campo del madrigale, nel quale si pone come un anello di congiunzione tra de Rore, del quale proseguì le ricerche espressive e cromatiche, e Gesualdo. Molto importante è soprattutto il libro di Madrigali per cantare et sonare a uno, e doi, e tre soprani (1601, scritto per il «concerto delle dame» della duchessa d'Este), con la parte dell'accompagnamento interamente realizzata e non limitata all'annotazione del basso continuo, secondo una concezione chiaramente monodica e armonica che influenzerà lo stesso Monteverdi. Scrisse anche mottetti e altri 7 libri di madrigali a cinque... Approfondisci
Note legali