Opere. Vol. 9/2 - Carl Gustav Jung,Lisa Baruffi - ebook

Opere. Vol. 9/2

Carl Gustav Jung

Con la tua recensione raccogli punti Premium
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente
Traduttore: Lisa Baruffi
Formato: EPUB con DRM
Testo in italiano
Cloud: Scopri di più
Compatibilità: Tutti i dispositivi (eccetto Kindle) Scopri di più
Dimensioni: 1,97 MB
Pagine della versione a stampa: 313 p.
  • EAN: 9788833973432
Salvato in 3 liste dei desideri

€ 19,99

Punti Premium: 20

Venduto e spedito da IBS

EBOOK

Compatibile con tutti i dispositivi, eccetto Kindle

Cloud: Sì Scopri di più

Aggiungi al carrello
spinner
Fai un regalo
spinner

non è possibile acquistare ebook su dispositivi Apple. Puoi comunque aggiungerli alla wishlist

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Aion si presenta come un’ampia monografia dedicata all’archetipo del Sé. Centrale è l’idea di eone, che dà il titolo al libro. Eone (in greco aion) significa «era, epoca, tempo indefinito, eternità», ma anche, presso gli gnostici, «mondo» e «dio del mondo». Per seguire le trasformazioni della situazione psichica all’interno dell’eone cristiano, Jung ricorre a tutta una serie di simboli, cristiani, gnostici e alchemici, e in particolare al simbolo del pesce, che fin dall’antichità è stato posto in relazione con Cristo e ha svolto un ruolo centrale nell’astrologia.
Se in Psicologia e alchimia Jung aveva già cercato di approfondire il significato dell’archetipo del Sé collegandolo alla tradizionale figura di Cristo, qui dà invece maggiore rilievo alle considerazioni astrologiche. Come prova l’Apocalisse, le speculazioni storiche sul tempo sono sempre state influenzate dalle idee astrologiche. Anche se non esiste prova che il simbolismo del pesce sia derivato dalla figura zodiacale, e nemmeno si possa stabilire una connessione tra la polarità dei Pesci e l’opposizione Cristo-Anticristo, l’eone dei Pesci ha accompagnato per duemila anni l’evoluzione spirituale cristiana. Jung sviluppa inoltre una critica psicologica alla dottrina teologica secondo cui il male non è che un «meno» di bene, proponendo invece un superamento della tradizionale opposizione cristiana, qui risolta in una visione accettabile per la coscienza moderna.
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

5
di 5
Totale 3
5
3
4
0
3
0
2
0
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    Diego PIgnatelli

    22/02/2018 08:33:35

    Aion (1951) è un opera matura di Jung. Lo scienziato svizzero estrapola delle trattazioni in un corredo linguistico che sembra prediligere a volte la patristica a volte il Lexikon ermetico corredato dalle proprie idiosincrasie linguistiche e dalla ricetta dell'arcanum greco-alessandrina, quel magnete che attira dai fondali come pulmo marinus o Echeneis nei commentari di Plinio dell'Historia naturalis. Identificando il pesce con il simbolismo giudaico-cristiano Jung muove delle costatazioni a tutta prima astrologiche ma che orientano l'empiria dei processi inconsci sul un nuovo simbolo e archetipo autocostellantesi: l'archetipo psicologico di Cristo e quest'ultimo come Sè e parallelo Cristo-Lapis a comprova di come gli alchimisti e in prima linea Dorn tenevano al "corpus caeleste sive sopracaeleste" così come la Mumia di Paracelso e l'estrazione del balsamo che era permeato a olio, corpo sottile e tinctura (cardini empirici del processo di individuazione). Il padre della psicologia analitica discorre l'Aion cristiano con un excursus ben al di sopra delle sue capacità storico-comparate accompagnando per mano il lettore nel mistero pagano-gnostico: dalla filosofia delle religioni, alla mitologia, quella Egizia a ciò che Jung eleverà a romanzo mitico ovvero lo Gnosticismo e l'incredibile pensiero dei Padri della Chiesa,uno su tutti Ippolito con l'Elenchos e Sant'Ireneo, Epifanio ma senza tradire un Basilide e quei massimi sistemi valentiniani e neoplatonici che concreteranno le premesse empiriche sulla complessità archetipica annoverata nel De profundo levatus come calamita, mare e inconscio: dal magnes sapientium e alla pesca miracolosa dell'arcanum estratto dalla sua Magnesia nostra quale prima materia e ermafroditica sostanza di trasformazione per il filosofo per passare poi agli albori dell'alchimia in un analisi storico-religiosa del simbolo del pesce (anche questi tratto dalle acque come il magnete e il mercurio e pesce cinedico) e del pensiero gnostico su cui Jun

  • User Icon

    Diego PIgnatelli

    22/02/2018 05:12:02

    Aion (1951) è un opera matura di Jung. Lo scienziato svizzero estrapola delle trattazioni in un corredo linguistico che sembra prediligere a volte la patristica a volte il Lexikon ermetico corredato dalle proprie idiosincrasie linguistiche e dalla ricetta dell'arcanum greco-alessandrina, quel magnete che attira dai fondali come pulmo marinus o Echeneis nei commentari di Plinio dell'Historia naturalis. Identificando il pesce con il simbolismo giudaico-cristiano Jung muove delle costatazioni a tutta prima astrologiche ma che orientano l'empiria dei processi inconsci sul un nuovo simbolo e archetipo autocostellantesi: l'archetipo psicologico di Cristo e quest'ultimo come Sè e parallelo Cristo-Lapis a comprova di come gli alchimisti e in prima linea Dorn tenevano al "corpus caeleste sive sopracaeleste" così come la Mumia di Paracelso e l'estrazione del balsamo che era permeato a olio, corpo sottile e tinctura (cardini empirici del processo di individuazione). Il padre della psicologia analitica vuole quindi discorrere l'Aion con un excursus ben al di sopra delle sue capacità storico-comparate: dalla filosofia delle religioni, alla mitologia, quella Egizia a ciò che Jung eleverà a romanzo mitico ovvero lo Gnosticismo e l'incredibile pensiero dei Padri della Chiesa,uno su tutti Ippolito con l'Elenchos e Sant'Ireneo ma senza tradire un Basilide e quei massimi sistemi valentiniani e neoplatonici che concreteranno le premesse empiriche sulla complessità archetipica annoverata nel De profundo levatus come calamita, mare e inconscio: al magnes sapientium e alla pesca miracolosa dell'arcanum estratto dalla sua magnesia nostra quale prima materia e arcana sostanza di trasformazione per il filosofo per passare poi agli albori dell'alchimia in un analisi storico-religiosa del simbolo del pesce (anche questi tratto dalle acque come il magnete e il mercurio) e del pensiero gnostico su cui Jung sembrava scorgervi una vera soluzione di continuità all'interno di una tesi ed antitesi.

  • User Icon

    Opus magnum

    22/02/2017 12:36:30

    L'Aion di C. G. Jung (1951) è una profonda disquisizione teologica e digressione empirica sulla teologia ma anche di quella antica ricetta alessandrina dell' alexipharmakon, di quell'"extractio magnes" estratta dai mari filosofici del sapere arcano e dalle lagune ermetiche dello gnosticismo a parafrasi di ciò che Jung intese nel concetto di telos e teleiosis,la perfezione del non perfetto, il principium individuationis come progetto e psicogenesi del Sè. Come la makaria physis in Cristo e quale Jesu ho makarios è una natura beata ma che richiede completezza al fine di "passare per quella porta" come dicono le sette dei naasseni o Ofiti e divenire un salvato (sothenai). E se l'antico motto per fabbricare la pietra filosofale e l'oro verde era il "perfectum non perficitur" è nella stessa malattia del bronzo che ristà la benedicta viriditas, l'hydor theion o l'Herakleion lithon, la pietra eraclea emersa dai flutti marini nella trattazione ermetica in Aion. Un testo che si rivelerà un profondo opus di quella pesca sottomarina e totemica dei "pescatori d'uomini"del "magnes" e della magnesia filosofica e di quell'"artificiosum secretum sapientium"o "artifex" trasmesso da quella antica dottrina per via adeptica nell'assimilazione della pietra filosofale quale pietra cinedica, opsianos lithos, ossidiana e Remora o piscis rotundus, idromedusa ed Echeneis di Plinio, creatura contenuta nel mare incommensurabile "piccola per la statura ma grande per la potenza" peregrinante nell'immagine antica dei fondali del mare nostrum. Questo pisciculus rotundus risplendente nell'immagine esemplare ed archetipica del Sè, Cristo come Aion e magnete psichico, risolve per lo scienziato svizzero l'equazione del Sè e dell'inconscio laddove il mare tenebrositas, l'inconscio collettivo produce la perla misteriosa o l'Aion, il Cristo ctonio e prepagano che riposa nel fondo delle acque fino a risorgere nell'ultimo ciclo dell'era come Aion. L'immagine e l'archetipo di Cristo emerso dall'oscurità cor

  • Carl Gustav Jung Cover

    Carl Gustav Jung inizia la sua attività nel 1900 come assistente psichiatrico nell'ospedale Burghölzli, diretto da Eugen Bleuler. Nel 1907 conosce Sigmund Freud, con cui stabilisce uno stretto rapporto di studio e di lavoro, ma nel 1912 la pubblicazione di La libido. Simboli e trasformazioni segna la rottura del loro sodalizio.Esperienza decisiva, da cui mette a punto la sua teoria di derivazione psicoanalitica, chiamata "psicologia analitica" o "psicologia del profondo".La maggior parte delle sue opere sono pubblicate dalla casa editrice Bollati Boringhieri. Approfondisci
Note legali