DISPONIBILITA' IMMEDIATA

Ora dimmi di te. Lettera a Matilda

Andrea Camilleri

Con la tua recensione raccogli punti Premium
Editore: Bompiani
Formato: EPUB con DRM
Testo in italiano
Cloud: Scopri di più
Compatibilità: Tutti i dispositivi (eccetto Kindle) Scopri di più
Dimensioni: 168,11 KB
Pagine della versione a stampa: 112 p.
  • EAN: 9788858780046
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

€ 6,99

Punti Premium: 7

Venduto e spedito da IBS

EBOOK
Aggiungi al carrello
spinner
Fai un regalo
spinner

non è possibile acquistare ebook su dispositivi Apple. Puoi comunque aggiungerli alla wishlist

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Cosa rimarrà di noi nella memoria di chi ci ha voluto bene? Come verrà raccontata la nostra vita ai nipoti che verranno? Andrea Camilleri sta scrivendo quando la pronipotina Matilda si intrufola a giocare sotto il tavolo, e lui pensa che non vuole che siano altri - quando lei sarà grande - a raccontarle di lui. Così nasce questa lettera, che ripercorre una vita intera con l'intelligenza del cuore: illuminando i momenti secondo il ruolo che hanno avuto nel rendere Camilleri lo scrittore e l'uomo che tutti amiamo. Uno spettacolo teatrale alla presenza del gerarca Pavolini e una strage di mafia a Porto Empedocle, una straordinaria lezione di regia all'Accademia Silvio D'Amico e le parole di un vecchio attore dopo le prove, l'incontro con la moglie Rosetta e quello con Elvira Sellerio... Con humour e limpidezza, queste pagine ripercorrono la storia italiana del Novecento attraverso quella di un uomo innamorato della vita e dei suoi personaggi. Ogni episodio è un modo per parlare di ciò che rende l'esistenza degna di essere vissuta: le radici, l'amore, gli amici, la politica, la letteratura. Con il coraggio di raccontare gli errori e le disillusioni, con la commozione di un bisnonno che può solo immaginare il futuro e consegnare - a Matilda e a noi - la lanterna preziosa del dubbio.
4,45
di 5
Totale 28
5
19
4
5
3
2
2
2
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    Gianluca

    13/03/2019 11:03:01

    Un Camilleri intimo, pacato, dolce come solo si può essere con i propri nipoti. Con i suoi dubbi, le sue poche certezze su un mondo passato, un presente da interpretare ed un futuro da costruire giorno dopo giorno.

  • User Icon

    renzo

    11/03/2019 17:58:23

    Cara Matilda, quando leggerai la lettera a te indirizzata lo farai, come me, presa dalla curiosità, dalla necessità, meglio dall'urgenza di conoscere i pensieri e i sentimenti più profondi che animavano il cuore e l'animo del tuo bisnonno. Non una foglia qualunque, di quelle che cadono in autunno anche con un debole soffio di vento, ma un uomo, da noi amato, che sempre si è distinto per la sua grande intelligenza tanto da sentire l'esigenza a novantadue anni di scriverti pubblicamente per parlarti della sua persona, della sua vita, per fare un esame di coscienza davanti alla sua piccola pronipote di quattro anni. Penso però che anche tu, Matilda, come è successo a me, rimarrai un pò delusa dalla lettura perché egli, in questa lunga lettera, non si è voluto mettere a nudo, gli è mancata la sfrontatezza, il coraggio, è prevalso il pudore, non è riuscito a togliersi i vestiti e ci ha regalato solo una sua immagine superficiale fasciata da mille veli impenetrabili. Noi ci aspettavamo, invece, che ci parlasse delle sue considerazioni più profonde sulla vita, che ci parlasse delle risposte che era riuscito a dare alle domande che da sempre agitano le menti ed il cuore di noi uomini. Che ti avesse voluto, cara piccola Matilda, prendere per mano per darti un suo personale e prezioso aiuto per navigare in queste difficili acque. Così non è stato. Un bacio.

  • User Icon

    Amore

    10/03/2019 19:50:12

    Le pagine di questo libro sono volate via, una dopo l’altra, un susseguirsi di parole che colpiscono il lettore e gli fanno conoscere prima di tutto un uomo piuttosto che uno scrittore, un regista.. l’ho letto in pochissime ore. Camilleri ripercorre gli anni della sua infanzia e della sua gioventù, con uno sguardo attento e mai di parte alla storia che si stava scrivendo in quegli anni e a quegli uomini di politica che decidevano le sorti di una Nazione. Ho amato questa sua enorme intelligenza nel porsi con apertura e mai con ideologica presa di parte a un fatto o a uno schieramento e la sua capacità, quando era il caso, di ammettere di aver sbagliato. Uno dei suoi ultimi scritti, ma degno di essere tra i primi per la capacità di mostrarci chi è l’uomo che sta dietro al più famoso ispettore italiano.

  • User Icon

    Antonella

    10/03/2019 14:57:16

    Quando ho concluso la lettura di "Ora dimmi di te", lettera che Camilleri, alle soglie dei 92 anni, scrive alla pronipotina Matilda per raccontarle la sua vita, a stento ho trattenuto le lacrime. Con grande genuinità lo scrittore ci racconta le vicende salienti della sua vita, strettamente legate ai principali episodi storici che l'hanno scandita. Non lo fa mai con l'atteggiamento di chi sta insegnando qualcosa a qualcuno, ma con umanità ed intimità. Profonde considerazioni sul passato e sul presente costellano questo libriccino, che smuovono il lettore e lo inducono a riconsiderare certi aspetti anche della propria vita. Un testo stimolante e commovente.

  • User Icon

    lillo

    08/03/2019 17:35:04

    dal mio scrittore preferito mai una delusione. Lo consiglio

  • User Icon

    Benny

    08/12/2018 21:55:51

    Mi è piaciuto motissimo, ma io adoro Camilleri da siciliana è uno dei miei scrittori preferiti

  • User Icon

    Fabrizio

    16/11/2018 20:29:11

    Fatti letti e riletti, risentiti. Di questo Camilleri se ne può fare a meno. Di moltri altri no.

  • User Icon

    RossaMina

    12/11/2018 07:25:00

    Una breve biografia per noi e per Matilda. Mi è piaciuto l'intrecciarsi della storia personale di Camilleri (che non sapevo fosse un regista) con la storia vera, che la nipote andrà a studiare anche sui libri e forse meglio capirà, dai primi del novecento fino ai giorni nostri.

  • User Icon

    fiorella

    12/10/2018 18:23:11

    E' l'ennesima biografia di Camilleri. Trovo che alla bisnipote avrebbe dovuto lasciare uno scritto privato senza sfruttarlo per motivi commerciali

  • User Icon

    angelo saracini

    12/10/2018 15:25:33

    libro sorprendente

  • User Icon

    Giorgio g

    10/10/2018 09:56:26

    Camilleri ripercorre la sua lunga vita sotto forma di una lettera alla sua pronipote Matilda. Lo fa ricordando i tempi in cui simpatizzava per il fascismo, raccontando i tormentati inizi della sua carriera prima di regista e poi di romanziere di immenso successo. Lo fa pensandosi fortunato per assolvere un lavoro che gli piaceva, lo fa credendo nel futuro e dichiarandosi ottimista. Se ho scritto più volte che ogni libro di Camilleri è per me una gioia, con questo libro dedicato alla piccola Matilda la gioia è moltiplicata per mille, e non è esagerazione!

  • User Icon

    Ivan

    01/10/2018 19:59:09

    Lettera indirizzata alla nipote con linguaggio essenziale ma che colpisce. Oltre ad essere una lettera, è anche un' autobiografia che ripercorre la vita di un autore magnificente quale può essere Camilleri, il tutto inframezzato dalla sua sottile ironia.

  • User Icon

    Idapaola

    01/10/2018 14:09:51

    Letto in 3 ore. Tutto d'un fiato. Un libro non solo commuovente, ma un piccolo manuale di vita. Camilleri ci parla della sua vita, della storia dell'Italia, di cosa la vita può insegnarci in un turbine di esperienze riservate dal destino a ciascuno di noi. Tutto ciò in sole 107 pagine. Imperdibile.

  • User Icon

    alessandra

    23/09/2018 18:53:17

    Una novita letteraria di Camilleri, scritto molto bene, tenero, scorrevole la narrazione, originale. Anche se diverso dal suo genere mi è piaciuto molto

  • User Icon

    Carmine

    23/09/2018 14:04:29

    Un libro che ho letto assaporando parola dopo parola. Gradevole, ben scritto. Con la formula della lettera è davvero avvincente. Coraggioso, un gioiello letterario gradevolissimo. Mi ha colpito la parte degli amici e dell’amore. Potrebbe essere una sorta di testamento spirituale del grandissimo Camilleri. Un testo ovviamente da consigliare.

  • User Icon

    Gloriadr

    23/09/2018 10:45:46

    Andrea Camilleri, un grande della letteratura italiana contemporanea, ha più di novanta anni ed è lucidissimo pur avendo perso il dono della vista. Ha una nipotina di 4 anni, Matilda, alla quale vuole lasciare un ricordo del nonno sotto forma di lettera, che la piccola, da grande, potrà leggere, se vorrà, rivivendo passo dopo passo una vita lunghissima e cercando di capire quanto grande sia stato il nonno e quanto amore abbia voluto trasmetterle. Camilleri lascia alla nipote ed a noi lettori la sua biografia, la storia della sua vita, dai primi passi nella natìa Porto Empedocle (oggi anche Vigata) nei lontani anni Venti tormentati dalle insicurezze, dai disordini postbellici e dalla lenta ascesa dell’ideologia fascista sino ai successi professionali come regista teatrale e televisivo, alle amicizie importanti, all’affermazione come scrittore di romanzi sociali e della fortunata serie del Commissario Montalbano. Il ripudio del fascismo, l’iscrizione al Partito Comunista, l’attenzione sempre vigile per i più deboli e le classi meno fortunate, un rigore morale senza tentennamenti sono argomenti che Camilleri tratta con passione e sincerità: e poi il matrimonio, la nascita delle tre figlie, le benemerenze ed i riconoscimenti conseguiti sono raccontati come ulteriori tappe di una vita serena e, tutto sommato, fortunata. Matilda leggerà, farà tesoro di quanto il nonno le ha trasmesso, magari idealmente vorrà rispondergli (“ora dimmi di te”), portavoce di quei giovani che Camilleri invita a cambiare il mondo, “sostenendo le proprie ragioni con fermezza, spiegandole e rispiegandole, e magari perchè no, cambiando la propria idea” perché “….sconfitta o vittoriosa, non c’è bandiera che non stinga al sole”.

  • User Icon

    Laura

    22/09/2018 21:29:32

    Una lunga e bellissima lettera che Camilleri ha scritto per la sua nipotina, per farsi conoscere e per farle conoscere il periodo storico nel quale ha vissuto. La sua vita personale si intreccia con la storia del Novecento. Una lettera intima ma che abbraccia anche il lettore quasi a volerlo fare diventare a sua volta nipote. Un libro che si divora, che si ama. Per me è stato il primo approccio con questo autore e l'ho apprezzato tantissimo, ho deciso infatti di recuperare altre sue opere per approfondirne la conoscenza.

  • User Icon

    Davide

    21/09/2018 12:51:52

    La tenerezza di una storia familiare che riesce a far condividere, anche con Andrea Camilleri, la conoscenza della grandezza di una famiglia.

  • User Icon

    Elena

    21/09/2018 12:12:47

    Un libro struggente pieno d'amore,verità e gratitudine senza tabù o ipocrisie.La stima che nutro per quest'autore è stata riconfermata da questa lettera in cui con coraggio rivela sbagli e fallimenti come le grandi gioie che hanno caratterizzato la sua lunga vita.Lo consiglio per la leggerezza e profondità insieme.

  • User Icon

    Anna

    20/09/2018 09:45:27

    Commovente , fantastico

Vedi tutte le 28 recensioni cliente
  • Andrea Camilleri Cover

    Nato a Porto Empedocle (Agrigento), Andrea Camilleri vive da anni a Roma.  Dal 1939 al 1943, dopo un periodo in un collegio da cui viene espulso, studia ad Agrigento al Liceo Classico Empedocle dove ottiene la maturità classica senza dover sostenere l’esame a causa dell’imminente sbarco degli alleati in Sicilia. A giugno inizia, come ricorda lo scrittore, "una sorta di mezzo periplo della Sicilia a piedi o su camion tedeschi e italiani sotto un continuo mitragliamento per cui bisognava gettarsi a terra, sporcarsi di polvere di sangue, di paura".  S’iscrive all’Università (Facoltà di lettere) ma non si laureerà mai. Si iscrive anche al Partito Comunista.Inizia a pubblicare racconti e poesie e vince il Premio St... Approfondisci
| Vedi di più >
Note legali