Categorie

Elia Benamozegh

Traduttore: M. Morselli
Editore: Marietti
Anno edizione: 2002
Pagine: 256 p.

17 ° nella classifica Bestseller di IBS Libri - Religione e spiritualità - Ebraismo

  • EAN: 9788821183256

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    petrus

    16/02/2007 12.09.49

    Verso il 1860 a Parigi, l'Alliance Israélite Universelle indisse un concorso per la migliore opera che descrivesse l'influsso avuto da Israele sulle religioni posteriori: vi partecipo' un timidissimo quanto prudentissimo (e si capisce) rabbino maggiore di Livorno, Elia Benamozegh (Essai sur les origines des dogme et de la morale du christianisme); costui provveniva da famiglia marocchina: lo Zohar dovette plasmare l'educazione del giovane Elia. L'Autore offre in questo saggio l'interpretazione e la prova (in senso talmudico) che Gesù era un cabbalista a pieno titolo (Paolo provvederà a fondere l'elemento gnostico a quello cabbalistico per poi superarli con la salita al "terzo cielo"). Ancora oggi (nonostante i lavori di Schoem e Idel) rimane uno dei pochissimi libri in cui un mistico ebreo osa l'impensabile: certe verità non si debbono, non si possono divulgare. Gesù rivelo' alla mente del semplice il massimo segreto; ora tutte le dispute dogmatiche cristiane nascono dall'equivoco interpretativo sulle sefirot sottese, poichè la mistica in sè è fonte di pericolo esiziale e proclamarla è follia di fronte al mondo. Saranno a schiere i rabbini pronti ad impedirlo. Qualche perplessita sulla qualità del supporto cartaceo, ma tutto sommato trattasi di occasione rara (visto che questa è la prima ed unica edizione italiana).

  • User Icon

    fabio

    02/04/2003 13.34.42

    Lo scopo di questo libro è quello di dimostrare le origini cabaliste dei dogmi cristiani. Ma non si parla solo di Cristo: l'analisi dell'autore si applica anche al neo-platonismo, ai padri della Chiesa, a Spinoza, Agostino, allo gnosticismo. Stupisce la grande scorrevolezza del libro e la modernità della lingua, davvero stupefacente se si considera che Benamozegh è vissuto nell'ottocento. Una forza della natura.

Scrivi una recensione