Osceno Veneziano - Giorgio Baffo - ebook

Osceno Veneziano

Giorgio Baffo

0 recensioni
Con la tua recensione raccogli punti Premium
Editore: Dark Room Books
Formato: EPUB
Testo in italiano
Cloud: Scopri di più
Compatibilità: Tutti i dispositivi (eccetto Kindle) Scopri di più
Dimensioni: 1,08 MB
  • EAN: 9788899549459
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

€ 1,99

Punti Premium: 2

Venduto e spedito da IBS

EBOOK
Aggiungi al carrello
Fai un regalo

non è possibile acquistare ebook su dispositivi Apple. Puoi comunque aggiungerli alla wishlist

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Nelle poesie del magistrato e poeta settecentesco Giorgio Baffo rivive la Venezia passionale e licenziosa della tradizione Casanoviana. E proprio Giacomo Casanova nelle sue memorie lo definisce "sublime genio, poeta nel più lubrico di tutti i generi, ma grande e unico".
Le liriche di Giorgio Baffo, tutte scritte in dialetto veneziano ma perfettamente comprensibili nel loro senso letterario, raccontano senza censure e in maniera del tutto esplicita le avventure e dei desideri dell'autore, ma anche le sue idee sulla politica, l'amministrazione cittadina, i personaggi più o meno noti della società  veneziana, sovrani, papi, alte cariche dell'amministrazione o del clero. Baffo crea così uno spaccato della società  che, al di là  della formalità elegante e signorile delle corti, serba angoli di autentica carnalità. Eppure in queste poesie non c'è violenza o perversione, solo il gusto puro e vivo per il sesso, visto con gli occhi di un uomo che quel mondo vuole viverlo fino in fondo, assaporandolo con pienezza.
  • Giorgio Baffo Cover

    (Venezia 1694-1768) poeta italiano. È noto soprattutto per i suoi componimenti licenziosi in dialetto veneziano, ma scrisse anche contro la corruzione della sua città e, in particolare, del clero (Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo, 4 voll., postuma, 1789). Sostenne una vivace polemica in versi con Goldoni e con i goldoniani, provocata dalla rappresentazione del Filosofo inglese, che nel gennaio del 1754 contendeva il favore del pubblico a Pamela maritata di P. Chiari. Alla sua opera, attualmente oggetto di rivalutazione, si interessarono in passato scrittori come Stendhal e Apollinaire. Approfondisci
| Vedi di più >
Note legali