Traduttore: P. Tomasinelli
Editore: Einaudi
Collana: I coralli
Anno edizione: 2011
In commercio dal: 22 marzo 2011
Pagine: 70 p., Brossura
  • EAN: 9788806204334
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Usato su Libraccio.it - € 5,40
Descrizione
Il padre di Jacques è partito per la lontana e misteriosa Parigi, lasciando in Cile la moglie e il figlio. È da questo abbandono che prende l'avvio il nuovo romanzo di Skàrmeta che è la storia di un'assenza - quella appunto del padre e di una sofferenza: quella della madre, una donna bella e scolpita nella malinconia, irrigidita nel suo dolore "come se una folata di vento gelido l'avesse spenta". Ed è infine la storia del microcosmo in cui vivono gli indimenticabili personaggi che fanno da contorno alla vicenda del protagonista: il mugnaio Cristian, gran bevitore di vino rosso e che sa cose che gli altri non sanno; Augusto Gutiérrez, l'alunno che vuole a tutti i costi iniziarsi alla vita perdendo la propria verginità nella vicina città di Angol; Teresa ed Elena, le provocanti e disinibite sorelle di Jacques, strizzate nei loro jeans all'ultima moda. E proprio ad Angol, mentre aspetta che arrivi l'ora di apertura del bordello, Jacques scoprirà la verità sul passato e i suoi misteri...

€ 8,50

€ 10,00

Risparmi € 1,50 (15%)

Venduto e spedito da IBS

9 punti Premium

Disponibile in 5 gg lavorativi

Quantità:
 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Roberto

    15/05/2011 09:55:50

    Fortunatamente non ho dato ascolto al commento di Elisabetta,secondo il quale era tempo perso fermarsi a leggere questo racconto.A me ha fatto trascorrere un'ora e mezza piacevole.Sincero,mai retorico,vibrante, il racconto si dipana in un crescendo di emozioni riportandoci con la mente al Cile degli anni '50.Che poi Einaudi abbia speculato sulla fama dell'autore pubblicando questo racconto ad un prezzo esagerato è un altro discorso.

  • User Icon

    elisabetta

    22/03/2011 12:28:14

    Povera me! Un'ora e mezza di tempo buttato alle ortiche..Come si fa a scrivere così, dopo aver scritto Il Postino di Neruda, Le nozze del poeta, La bambina e il trombone? E soprattutto, come si fa a pubblicare una cosa del genere? Se c'è poi qualcosa in grado di irritarmi ancora di più è vedere che i correttori di bozze o non esistono proprio più, o lavorano male, perché nella quarta di copertina c'è un errore, banale quanto si vuole, ma indicativo della scarsa attenzione verso i lettori, che ormai ci affligge sempre più (l'errore, che si legge anche nella sinossi qui sopra: Teresa ed Elena sono sorelle di Augusto, non di Jacques).

Scrivi una recensione