Il paese del pressappoco. Illazioni sull'Italia che non va

Raffaele Simone

Editore: Garzanti Libri
Anno edizione: 2007
Formato: Tascabile
In commercio dal: 15 febbraio 2007
Pagine: 236 p., Brossura
  • EAN: 9788811680581
Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:

€ 8,08

€ 9,50

Risparmi € 1,42 (15%)

Venduto e spedito da IBS

8 punti Premium

Attualmente non disponibile Inserisci la tua email
ti avviseremo quando sarà disponibile
 
 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    sergio oliveri

    10/05/2008 20:14:53

    Che gli italiani abbiano difetti, come lo scarso senso civico o l’educazione spesso approssimativa, lo si sostiene da tempo, e a ragione. Ma farne un libro di oltre duecento pagine, rimasticando ripetitivamente più o meno gli stessi concetti attraverso ben 35 capitoletti in forma simil-epistolare non è forse la migliore delle idee: si finisce per abbandonare la lettura per sfinimento dopo la prima dozzina. Del resto l’analisi va appena al di là del luogo comune (del resto il sottotitolo parla di “illazioni”) e il tentativo di indicare vie di soluzione neanche accennato: insomma si ha la sensazione di star ascoltando un esercizio di masochismo, oltretutto redatto in un ampolloso stile auto-compiaciuto. Una buona idea sciupata.

  • User Icon

    Giorgio

    14/06/2007 08:17:23

    Specchiamoci o non specchiamoci in questo libro, Simone dice mille verita'. Io lo proporrei come libro di testo nelle scuole e al tempo stesso come linee guida per il futuro governo dell'Italia "citta' del sole"...

  • User Icon

    Corrado Spataro

    11/04/2007 08:29:21

    Sinceramente l'ho letto con molta attenzione, cercando di ravvisare il punto di vista dell'autore che ho condiviso quasi sempre. Ne esce un'Italia incompiuta, immatura, arretrata anche se eccelle in qualche campo (no, non sto parlando di "CALCIO"). Nella sua drammaticità il libro mi è piaciuto. Perchè non ho dato il massimo? Perchè voglio pensare e credere (diciamo illudermi) che l'Italia non è così maldestra e opportunista... almeno voglio crederci.

Scrivi una recensione