Pane e bugie. I pregiudizi, gli interessi, i miti, le paure - Dario Bressanini - copertina

Pane e bugie. I pregiudizi, gli interessi, i miti, le paure

Dario Bressanini

Con la tua recensione raccogli punti Premium
Editore: Chiarelettere
Collana: Reverse
Anno edizione: 2013
In commercio dal: 7 marzo 2013
Pagine: 328 p., Brossura
  • EAN: 9788861904347

12° nella classifica Bestseller di IBS Libri Economia e diritto - Industria e studi industriali - Industrie manifatturiere - Alimentari e affini

Salvato in 251 liste dei desideri

€ 20,20

€ 21,20
(-5%)

Venduto e spedito da Multiservices

spedizione gratuita

Quantità:
LIBRO

€ 15,20

€ 16,00
(-5%)

Punti Premium: 15

Venduto e spedito da IBS

Quantità:
LIBRO

Altri venditori

Mostra tutti (7 offerte da 15,20 €)

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Il pesto è cancerogeno. Lo zucchero bianco: per carità! Meglio quello di canna. Il glutammato fa malissimo... E gli spaghetti radioattivi? Ah no, io compro solo pane biologico, prodotti locali e di stagione. Quanta apprensione intorno alla nostra tavola. E quante bugie. Ma a chi dobbiamo credere? L'approssimazione in cucina non funziona, nemmeno per preparare un piatto di spaghetti. Meglio verificare quanto Tv, Web, giornali, radio ci propinano ogni giorno: mentre ci scanniamo sugli OGM in realtà già mangiamo frutta, verdura e cereali derivati da modificazioni genetiche indotte da radiazioni nucleari (perché nessuno lo dice?); abbiamo il terrore della chimica ma ci dimentichiamo che per esempio la vanillina è un estratto da una lavorazione del petrolio e che il caffè contiene sostanze cancerogene. Mostri come la fragola-pesce e altre diavolerie occupano il nostro immaginario, ma quali sono davvero i rischi che corriamo? Ecco un aiuto a non farsi ingannare da messaggi troppo facili ed emotivi.
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

4,17
di 5
Totale 12
5
6
4
4
3
1
2
0
1
1
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    Mara

    11/05/2020 17:28:44

    Libro che apre gli occhi su tanti falsi miti alimentari che circolano ai nostri giorni...non avrei mai pensato, ad esempio, che le radiazioni di origine nucleare, abbiano definitivamente cambiato la nostra tavola ben più di tanti altri elementi ben più propagandati. Ottimo manuale per farsi una cultura con basi ben più solide delle fake news che oggigiorno circolano.

  • User Icon

    Vincenzo

    11/05/2020 13:25:11

    Un libro interessante che ti apre gli occhi su molti aspetti che prima sarebbero passati inosservati, smentisce un sacco di miti e leggende metropolitane ormai consolidate nella testa di molti riguardo ad alcuni alimenti. Sicuramente non guarderò più le etichette dei prodotti alimentari con gli stessi occhi.

  • User Icon

    Fede

    24/10/2019 19:04:11

    Libro molto interessante, fa guardare sotto un altro aspetto temi decisamente attuali, come il "bio", la sostenibilità,ecc...Il tutto sempre supportato da dati reali. Assolutamente da leggere per approfondire argomenti spesso per veri, ma che .... proprio così non sono.

  • User Icon

    Arnaldo

    21/09/2019 12:14:05

    L’autore realizza una vera e propria guida per consentire al consumatore di maturare un suo autonomo punto di vista sull’industria alimentare. In maniera molto semplice ed immediata, nonché con dovizia di particolari, egli descrive scientificamente i meccanismi da cui si originano i prodotti presenti sulle nostre tavole Dal punto di vista degli alimenti, internet ha facilitato la diffusione di teorie senza alcun fondamento scientifico, creando danni ad intere generazioni. L’intento dell’autore è, quindi, quello di sfatare miti e leggende su ciò che mangiamo. In questo modo, il consumatore potrà sempre riflettere prima di acquistare un determinato prodotto, perché molto spesso la pubblicità orienta i consumi di alcuni prodotti con la promessa di vantaggi che, invece, non hanno alcun riscontro in termini scientifici. Come esempio forte, l’autore cita il business dei cibi cosiddetti naturali. E’ davvero apprezzabile, infine, l’impegno dell’autore nel documentare ogni sua affermazione, a testimonianza della serietà del proprio lavoro da cui deriva un’opera davvero utile per tutti.

  • User Icon

    Tiziana

    19/09/2019 13:22:15

    In questo libro l'autore, noto divulgatore scientifico, racchiude più di 300 pagine di analisi e confutazione delle retoriche allarmistiche che dominano il dibattito pubblico sull'alimentazione, parlando con uno stile fluido, confidenziale, a volte venato di ironia, di concetti che dovrebbero essere alla base delle scelte razionali non solo dei consumatori, ma anche di coloro a cui è demandato il compito di delineare le politiche alimentari e agricole. L'autore ci spiega come la scienza giunge alle sue conclusioni e come vengono elaborate le norme che tutelano quello che mangiamo, ci aiuta a riflettere sui trucchi di marketing che costruiscono frame (come quello "naturale" contro "chimico") che non hanno radicamento nella realtà e sulle distorsioni nelle narrazioni giornalistiche sui temi agroalimentari. Una lettura 'obbligatoria' per tutti coloro che si considerano sostenitori del metodo scientifico e delle politiche basate sull'evidenza dei dati.

  • User Icon

    Tiziana

    19/09/2019 13:22:11

    In questo libro l'autore, noto divulgatore scientifico, racchiude più di 300 pagine di analisi e confutazione delle retoriche allarmistiche che dominano il dibattito pubblico sull'alimentazione, parlando con uno stile fluido, confidenziale, a volte venato di ironia, di concetti che dovrebbero essere alla base delle scelte razionali non solo dei consumatori, ma anche di coloro a cui è demandato il compito di delineare le politiche alimentari e agricole. L'autore ci spiega come la scienza giunge alle sue conclusioni e come vengono elaborate le norme che tutelano quello che mangiamo, ci aiuta a riflettere sui trucchi di marketing che costruiscono frame (come quello "naturale" contro "chimico") che non hanno radicamento nella realtà e sulle distorsioni nelle narrazioni giornalistiche sui temi agroalimentari. Una lettura 'obbligatoria' per tutti coloro che si considerano sostenitori del metodo scientifico e delle politiche basate sull'evidenza dei dati.

  • User Icon

    Sara

    01/08/2019 12:20:25

    Seguo l'attività divulgativa di Bressanini e questo libro ne è un perfetto esempio: un punto di vista scientifico scritto in maniera scorrevole e adatta a tutti. Estremamente apprezzabile la presenza delle fonti: differisce dai molti testi faziosi e allarmisti che lanciano predicati terroristici senza però supportarli. Qui solo il lato scientifico, provato e testato, descritto con tono sereno e aperto.

  • User Icon

    Federica

    08/03/2019 13:31:25

    Bel libro che ti apre gli occhi su diverse 'leggende' culinarie. Consigliato

  • User Icon

    Laura

    15/01/2019 12:26:10

    Libro scorrevole, è il primo che prendo di questo genere e di questo autore, cose interessanti che andrebbero approfondite

  • User Icon

    Armando Gaeta

    29/11/2018 13:54:50

    L'autore ha una visione limitata, pregiudiziale e arrogante dei problemi che affronta. Per tutti i problemi che analizza riporta solo alcuni aspetti, senza ampliare il discorso analizzandone tutte le varianti possibili, ma circoscrivendolo al suo campo di analisi, cioè la chimica. Insinua opinioni spacciandole per fatti scientifici. Così la molecola d'acqua prodotta in laboratorio è più pura di quella che si può trovare in un torrente (ma non si può bere). Così l'apporto di zuccheri viene banalizzato alla sola tazzina da caffè (ma invece ingeriamo 40g di zuccheri liberi al giorno). Così decenni di studio sugli OGM rientrano a far parte dello stesso processo evoluzionistico che ha permesso dopo MILIONI di anni a uomini, volpi e alberi di essere oggi quello che sono. Così confronta la biodiversità tra agricoltura biologica e convenzionale prendendo in esame solo il "campo" in cui si effettua tale coltivazione: e le altre matrici ambientali? L'autore vede del marcio e del business in qualsiasi cosa non sia OGM o medicina convenzionale o chimica di sintesi: come se questi 3 temi siano guidati da aziende no-profit che cercano nient'altro che nutrire e far star bene l'umanità. L'autore parte ogni volta dalla sua tesi e cerca di confermarla: un metodo scientifico opinabile. Afferma che la scienza è separata dall'ideologia, che è oggettiva o che almeno dovrebbe esserlo: ma le implicazioni che essa comporta, a livello sociale, etico e politico, non lo sono! Cita studi scientifici sull'alimentazione, notoriamente affetti da gravi problemi di rappresentatività del campione, ma che lui comunque continua a citare come fossero la Bibbia. Ma alla fine confessa: "la pubblicazione su una rivista non è una garanzia che la ricerca sia valida", o ancora "la scienza non fornisce sicurezze, solo probabilità". Tutto il suo livore e attacchi sostenuti da "probabilità"...che poi alchemicamente diventa "verità", o "bugia", a seconda si tratti di OGM o omeopatia.

  • User Icon

    Ilaria

    18/09/2018 19:20:32

    E' un libro esaustivo, interessante e che conduce a riflessioni personali significative. Da apprezzare è il numero rilevante di fonti che vengono citate, in modo da validare la trattazione. Lo consiglio vivamente, soprattutto perchè viviamo in una società dominata dal complottismo e dalle mode ed è bene far aprire più che la mente il cervello!

  • User Icon

    Manu

    21/02/2016 13:32:09

    Premetto di non possedere la necessaria competenza scientifica per poter giudicare il libro dal punto di vista contenutistico. Tuttavia penso sia scorrevole ed esaustivo.Mostra argomenti e considerazioni che, nel bene o nel male,fanno riflettere.

Vedi tutte le 12 recensioni cliente
  • Dario Bressanini Cover

    Ricercatore universitario, docente di Chimica-fisica presso il dipartimento di Scienze chimiche e ambientali dell’Università dell’Insubria a Como, divulgatore scientifico e curatore per la rivista «Le Scienze» della rubrica mensile Pentole e provette. È anche autore blog Scienza in cucina. Tra le sue varie pubblicazioni, Ogm tra leggende e realtà (Zanichelli 2009), I giochi matematici di Fra’ Luca Pacioli (Dedalo 2011), Pane e bugie (Chiarelettere 2010), Contro natura. Dagli OGM al «bio», falsi allarmi e verità nascoste del cibo che portiamo in tavola (Rizzoli 2015). Per Gribaudo ha pubblicato La scienza della Pasticceria (2014), La scienza della Carne (2016) e La scienza delle verdure (2019). Approfondisci
Note legali