Categorie
Editore: Einaudi
Collana: Super ET
Anno edizione: 2010
Formato: Tascabile
Pagine: 114 p., Brossura
  • EAN: 9788806202767
Disponibile anche in altri formati:
Usato su Libraccio.it - € 5,13

€ 8,08

€ 9,50

Risparmi € 1,42 (15%)

Venduto e spedito da IBS

8 punti Premium

Attualmente non disponibile Inserisci la tua email
ti avviseremo quando sarà disponibile

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Renzo Montagnoli

    06/07/2011 17.03.51

    E' certo il libro di chi arrivato a una certa età, diciamo metaforicamente alla stagione autunnale della vita, si volge all'indietro, e non tanto per fare un bilancio, bensì per riannodare il presente al passato, nella prospettiva di un futuro che sarà gratificante quando si sarà verificato che la propria esistenza costituisce un unicum, un succedersi di fatti ed eventi di cui, per lo più, siamo stati artefici. Emergono così i ricordi, l'unico patrimonio che ci può dare la certezza che abbiamo svolto e che stiamo praticando il nostro mestiere di vivere; fare uscire dalla nebbia del tempo la nostra infanzia e la nostra giovinezza implica però il rischio di un rimpianto, come se, nella nostra primavera, tutto sia stato idilliaco, perfetto, irripetibile. Enzo Bianchi non cade in questo errore, sfumando, ancora prima di scrivere, immagini e memorie che, se da un lato possono anche indurre a un garbato entusiasmo, dall'altro trovano onnipresenti le difficoltà inevitabili che si incontrano nell'esistenza, tanto più marcate in un periodo post bellico di grande miseria, in un ambiente, quale quello contadino del Monferrato, chiuso, a volte gretto, altre invece fecondo di umana solidarietà quale solo è possibile trovare tra la povera gente. Enzo Bianchi, in questo suo ripercorrere la propria esistenza, in questo estrarre ciò che conta e metterlo per iscritto con disarmante semplicità, ma con altrettanto notevole efficacia, ci trasmette una lezione di vita, senza imporcela, anzi suggerendocela, che non potrà non lasciare indifferente il lettore, sia che si tratti di un credente che di un ateo. Il suo è un immaginario dialogo con chi leggerà, una serie di riflessioni coinvolgenti, a cui lasciarsi andare, certi che alla fine ci sentiremo pervasi da quella grande serenità che è propria dell'autore

  • User Icon

    sergio

    13/04/2011 16.14.37

    mamma mia! ho ritrovato nel libro la mia infanzia, i miei genitori, i miei nonni e tutte le abitudini e le mie radici di cremolino, nell'alto monferrato. un libro così si può recensire - come ha detto qualcuno ben più importante di me - con una sola parola: grazie!

  • User Icon

    Vito

    26/02/2011 00.48.27

    Per chi ama la vita e le tradizioni, dovrà acquistarlo. Veramente ricco di congetture e ricordi di un tempo che fù. Quel Natale passato vicino a un camino con i regali rappresentati da fruitta o da qualche matita, altro che i regali da ricchi barboni di oggi. Splendido e molto scorrevole. Durante la lettura delle pagine potrebbe cadervi sul viso qualche lacrima...bello

Scrivi una recensione