Editore: Mondadori
Collana: Oscar classici
Edizione: 2
Anno edizione: 2018
Formato: Tascabile
In commercio dal: 6 giugno 2018
Pagine: 306 p.
  • EAN: 9788804703693
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:
Descrizione

Ispirato a un fatto di cronaca, Papà Goriot (1835) narra dell'amore cieco e fanatico del vecchio Goriot per le figlie, due creature ciniche e amorali che egli, con gravi sacrifici, ha innalzato a uno stato sociale molto superiore al proprio, ricavandone in cambio solo scherno, ingratitudine e abbandono. Figura indimenticabile e commovente, Goriot incarna un affetto sublime, una passione assoluta che si scontra inevitabilmente con i calcoli dettati dall'egoismo imperante nella «fogna morale» di Parigi. In queste pagine l'arte di Balzac raggiunge i suoi massimi vertici tanto nella finezza dell'analisi psicologica quanto nella feroce rappresentazione della società parigina, dominata dal vizio e dall'avidità.

€ 11,90

€ 14,00

Risparmi € 2,10 (15%)

Venduto e spedito da IBS

12 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:
 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Andrea

    19/09/2018 11:16:05

    Il libro è stato pubblicato nel 1835, ed è probabilmente il più noto romanzo tratto dalla Commedia umana di Honorè de Balzac.  Questo romanzo è  ispirato ad un fatto di cronaca. Papà Goriot (Père Goriot) è il romanzo che parla dell'amore incondizionato per i figli , nonostante ci sia in loro molta ingratitudine ed egoismo.  Il protagonista è Restignac ,  un povero uomo che si stabilisce a Parigi nella pensione di Mme Vauquer. Il nostro protagonista un giorno conosce un uomo misterioso Goriot. Quest'ultimo , per assicurare  una vita agiata alle due figlie , si riduce a vivere nella miseria. Papà Goriot , nonostante l'ingratitudine  e l'immoralità delle figlie , continua a provare  per loro un amore cieco e fanatico. Goriot è considerato infatti "un Christ de la paternité" (Cristo della paternità). Come si concluderà questa tragica vicenda? Un romanzo veramente intenso , bello e davvero emozionante, scritto non  a caso da uno dei maggiori esponenti  del realismo  francese , insieme a Flaubert. Le tematiche del libro , come abbiamo detto poc'anzi sono:l amore paterno ,  l'ingratitudine nel rapporto padri e figli  ecc.. E' un libro veramente molto attuale e che tutti dovrebbero leggere , soprattutto chi come me ama il realismo. In questo libro secondo me , Balzac raggiunge il vertice nell'analisi psicologica dei personaggi , perchè  descrivendo  questo tormentato rapporto padre-figlio , intende  fare al contempo  una critica alla società parigina ottocentesca , che è dominata dall'odio , dalla vendetta e dall'avidità.

  • User Icon

    Cristiano Cant

    25/02/2015 12:47:03

    Pietra angolare, luce fra le più alte, note e decisive nel meraviglioso paesaggio della Commedia Umana; romanzo di arrivismo sfrenato e di bontà strabordante, intreccio strepitoso di latrati ruffiani, corteggiamenti striscianti, ritratti di splendida perfidia e insieme di sacrificio immenso, tela senza difetti nel vasto sforzo immortale di questo gigante della letteratura, il più grande scrittore di ogni epoca (non mi stancherò mai di ripeterlo). Educazione e ambiguità si torcono nella vicenda come in un salone di caratteri che ospita il cielo stesso della natura umana. E' il libro dove si affaccia Rastignac, il giovane provinciale che cerca la sua strada fra i piani alti della società parigina, il ragazzo che sfida la città col fascino e le doppiezze dei suoi calcoli, ma è anche il libro di Vautrin, il maledetto cattivo che tornerà spesso nell'opera di Balzac, il corruttore, l'anima nera, l'occulto persuasore d'anime. Ma c'è soprattutto Goriot, il vecchio padre che suda e sacrifica ogni respiro fino a morirne pur di tenere in piedi l'onore e la stima delle sue figlie. Capolavoro senza tempo, tassello poderoso, una delle falangi più perfette in questa mano divina che scolpì come nessuno la verità della letteratura.

  • User Icon

    luisa

    27/09/2013 22:18:29

    gradevole lettura ma un po lenta. Pur amando Balzac non mi sento di considerarlo il suo capolavoro. per me il più bello resta Eugene Grandet

  • User Icon

    Massimo

    04/07/2011 10:39:08

    Un romanzo degno di essere assolutamente letto. Delinea il realismo parigino del XIX Sec. con uno stile magistrale e originale. Leggetelo assolutamente.

  • User Icon

    Terry

    02/07/2008 13:32:17

    Un bellissimo libro letto volontariamente e non imposto come testo scolastico. E' il primo di Balzac che leggo ed è sicuramente un bellissimo scorcio della società francese di quel periodo. Consigliato

  • User Icon

    BadObsessions

    29/09/2007 23:49:48

    Bello ma troppo breve!Mi sarebbe piaciuto saper di più di quell'Eugène de Rastignac, qualche anno in più di vita. Su su Honorè, scrivi per me qualche altra pagina!:)

  • User Icon

    stefano

    20/03/2006 14:40:46

    Papà Goriot, protagonista anche se non assoluto, corre il rischio di indispettire il lettore. Il suo amore assoluto nei confronti delle figlie lo riduce ad uno stato di sudditanza. Il lettore sarebbe quasi spinto ad incitarlo alla ribellione nei confronti di tanta irriconoscenza. Balzac pennella bene i suoi personaggi. Se questi non sono proprio credibili, risultano comunque godibili. Il capolavoro di Balzac, non so se un capolavoro assoluto. Favorevole l'opinione sullo stile, fluido, leggibile, mai sopra le righe o supponente come invece quello di altri suoi contemporanei considerati i veri Re dei classici.

  • User Icon

    Giuliopez

    22/11/2005 12:29:28

    Libro stupendo, a mio giudizio il capolavoro di Balzac!

  • User Icon

    rosella

    10/05/2005 15:22:41

    favoloso! un libro che resta, che continua per giorni a farti pensare ai suoi personaggi... che regala lo spessore durevole che solo alcuni grandi classici (e pochi contemporanei, purtroppo)sanno dare!

  • User Icon

    mirella

    19/02/2005 15:04:19

    Grande romanzo in cui non si può fare a meno di "tifare" per papà Goriot di fronte alle figlie gelide e meschine. Bella descrizione dei dislivelli sociali nella società ottocentesca occidentale.

  • User Icon

    Bartolomeo Di Monaco

    29/06/2002 22:34:47

    L'avidità di denaro la fa da padrone anche in questo romanzo, e attanaglia i sentimenti delle figlie del vecchio Goriot che stravede per esse, egoiste e ingrate, e sacrifica tutti i suoi beni. Con uno stile ricco, pieno di umori, Balzac ancora una volta posa la sua lente d'ingrandimento sui caratteri dei personaggi, in una Parigi che si alterna tra i quartieri eleganti, dove dominano il pettegolezzo, la gelosia, il lusso sfrenato e i quartieri, come quello dove vive Papà Goriot, in cui si respirano rassegnazione e squallore. Segnalo nella prima parte del libro il discorso che il misterioso Vautrin tiene al giovane Eugenio di Rastignac sulla vita.

  • User Icon

    Otello

    03/02/2002 22:03:47

    Belli, tutti, i personaggi che Balzac cala nel racconto: papa Goriot, le ciniche figlie, il giovane Eugene, il filibustiere Vautrin, l'opportunista madame Vauquer e altri ancora. Tutti stupendamente descritti e animati secondo tratti pscicologici tipici, unici e ben caratterizzati. Bella la storia: papà Goriot è un viaggio all'interno dell'uomo, tra le meschinità, le nefandezze e le poche virtù rimastegli; è un testo di estrema attualità perchè parla di una società dominata dall'avidità dal cinismo e dal vizio, oggi come allora.

Vedi tutte le 12 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione