Le parole tra noi leggere

Lalla Romano

Curatore: A. Ria
Editore: Einaudi
Anno edizione: 2012
Formato: Tascabile
In commercio dal: 8 maggio 2012
Pagine: 372 p., Brossura
  • EAN: 9788806211677
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Disponibile anche in altri formati:

€ 6,48

€ 12,00

Usato di Libraccio.it venduto da IBS

6 punti Premium

Disponibilità immediata

Garanzia Libraccio
Quantità:

€ 10,20

€ 12,00

Risparmi € 1,80 (15%)

Venduto e spedito da IBS

Nuovo - attualmente non disponibile
 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Filippo

    28/02/2018 19:47:46

    Ho tentato con impegno di leggerne il più possibile ma sono stato costretto a rinunciare prima di giungere al termine. Una lettura tra le più faticose, inconcludenti e meno coinvolgenti in cui mi sia mai cimentato. L'ho trovato troppo distaccato, nauseantemente borghese, intellettualoide ed elitario...forse sarò limitato io, ma questa è stata la mia esperienza, non posso negarlo.

  • User Icon

    Biagio Mastrangelo

    26/03/2010 19:54:47

    Un romanzo davvero interessante: ben scritto, profondo, amaro, allegro, struggente, a tratti cattivo. Un romanzo che si lascia leggere e catapulta il lettore nel rapporto madre-figlio , il rapporto più bello e più crudele che esista!

  • User Icon

    Maria Francesca

    03/08/2003 11:38:23

    Come si dipana il delicato rapporto tra una madre e un figlio? Come accettare i silenzi, le diverse scelte di vita? Da abile "analista" dell'animo umano, Lalla Romano ci offre un altro suo capolavoro.

  • User Icon

    Zelda

    01/06/2000 21:56:40

    Più che un romanzo potrebbe essere definito anche saggio-un saggio leggero ma ben scritto, molto architettate le emozioni e la descrizione del personaggio principale figlio dell'autrice. Questo tragazzo è paradossalmente pieno di contraddizione. Intelligente ricco di capacità ma con poca voglia di studiare. di prìimo acchitto risulterebbe un ragazzo che non ha voglia di far nulla per indolenza. Con la madre ha un rapporto difficile mentre più facile con il padre. Nonostante le divergenze di opinione tra madre e figlio la narratrice riconosce che l'atteggiamento del figlio è quello tipico degli artisti. Il ragazzo (il racconto è ambientato negli anni '50) anticipa quelle tematiche che poi i giovani nel '68 rivendicheranno.

Vedi tutte le 4 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione

LEGGI QUI la recensione di Oreste Del Buono pubblicata sul numero di Linus del Maggio 1969.