Parts of Life

Artisti: Paul Kalkbrenner
Supporto: Vinile LP + CD Audio
Numero dischi: 3
Etichetta: B1
Data di pubblicazione: 18 maggio 2018
  • EAN: 0190758421612
Disponibile anche in altri formati:

€ 32,90

Venduto e spedito da IBS

33 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:
Descrizione

Edizione Doppio LP + CD
L’ottavo album di Paul Kalkbrenner “Parts of Life” esce il 18 maggio, dieci anni dopo la colonna sonora doppio platino del film-culto “Berlin Calling” (che lo vedeva protagonista).
“Parts of Life” può essere considerato tranquillamente l’opera definitiva di un artista che ha dominato le classifiche negli ultimi 10 anni portando il suo peculiare mix di melodia e techno a un pubblico sempre più grande.
“Parts of Life” segue la trilogia di “Back To The Future”, che ha registrato e raccontato l’arrivo della techno a Berlino dalla fine degli anni ’80, e suona in maniera essenziale ma è al tempo stesso ricco di gioia e grandioso: è un disco senza tempo con un’ulteriore iniezione di energia.
“Parts of Life” è anche il lavoro più personale di Paul, quello che rivela maggiormente lui come artista, nella forma più pura. Ogni traccia è stata intitolata semplicemente con un numero che corrisponde all’ordine in cui è stata prodotta. La copertina dell’album con dei dipinti di still life a opera di Paul Eisel, zio di Paul Kalkbrenner, mostra un’altra inedita passione dello stesso Kalkbrenner.
«Non provare a chiamarlo DJ, perché Kalkbrenner ha smesso di lavorare alla musica altrui nel 1999: da quando uscì Superimpose su BPitch Control (etichetta di un’altra berlinese che negli ultimi venticinque anni ha detto due o tre cose in ambito elettronico, Ellen Allien), Paul si è sempre e solo presentato sul palco per suonare. Per questo la sua strumentazione ai live è particolarmente nutrita, per questo non lo vedi mai viaggiare con carrellate di vinili: da vero cultore della materia e del suono, per lui un concerto è tale solo se il suono viene costruito sul momento, se l’artista vive il momento della creazione ogni sera, su ogni palcoscenico, davanti a ogni pubblico». Andrea Bosetti