Traduttore: T. Gibilisco
Editore: Feltrinelli
Collana: I narratori
Anno edizione: 2007
In commercio dal: 22 ottobre 2007
Pagine: 467 p., Brossura
  • EAN: 9788807017285
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Usato su Libraccio.it - € 10,26
Descrizione
Dopo dodici anni d'amore - uno di quegli amori assoluti che nascono nell'adolescenza, modellano il mondo a loro immagine e sembrano condannati all'immortalità -, Rimini e Sofìa si separano. Per lui tutto torna a essere nuovo e brillante, come il pavimento di una strada dopo un acquazzone. Riscopre il desiderio e, con l'efficace aiuto di alcune sostanze illecite, si lancia sfrenatamente nel recupero del tempo perso. Ma la sua relazione con Sofia non è morta, forse ha solo fatto ciò che l'amore fa quando finge di essere finito: cambia forma. E quando torna, l'amore ha il volto dello spavento. Donna-zombi, spettro vendicatore, innamorata insonne, Sofia riappare all'orizzonte di Rimini per riconquistarlo, martirizzarlo o salvargli la vita, issando le bandiere di una passione che non si arrende di fronte a nulla e pretende di governare tutto. Così, Rimini, che nella riapparizione aveva intravisto una possibilità di rinascita, a poco a poco sprofonda nell'abisso di un incubo o di una commedia un inferno nel quale il ricatto sentimentale, il tradimento e perfino il crimine sono moneta corrente. Perderà tutto: lavoro, salute, nuove compagne, persino un figlio. Il suo calvario subirà un rovesciamento inaspettato quando viene a conoscenza delle Donne che amano troppo, una cellula dedita al terrorismo emotivo, capeggiata da Sofìa, che si riunisce per cospirare in un locale chiamato Adèle H.

€ 10,26

€ 19,00

10 punti Premium

€ 16,15

€ 19,00

Risparmi € 2,85 (15%)

Venduto e spedito da IBS

Nuovo - attualmente non disponibile
 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Titti

    12/06/2010 15:20:36

    Anche per me è stata una faticaccia leggere le prime 30 pagine. Non mi sono mai arresa così....E pensare che l'avevo preso perchè si parlava di romanzo divertente...

  • User Icon

    Elisa

    25/06/2009 09:48:52

    Non si va avanti. Lentooo. Io ho cercato fino all'ultimo di ritrovare nella scrittura l'aggettivo "spassoso" usato in quarta di copertina. Giuro, non l'ho trovato.

  • User Icon

    a.

    07/11/2007 16:21:33

    a dire la verità ho letto finora circa un centinaio di pagine ma che fatica!! frasi lunghe, incise dentro incise inserite in digressioni infinite che richiamano altre digressioni...risultato: le frasi non finiscono mai e quando finalmente finiscono non ricordi quello che hai letto venti righe sopra (quando il periodo della frase aveva avuto inizio). finirò il libro per missione ma è davvero una lettura faticosa. spero sarà più coinvolgente e 'semplice' a lettura inoltrata ma finora mi pare una autoesaltazione stilistica dell'autore. una specie di sfida con se stesso per vedere se riesce a mettere per iscritto il miliardo di pensieri che ha in testa. il dono della sintesi sarebbe stato una manna

Scrivi una recensione

Il passato è la prima opera dell'autore argentino a essere pubblicata in Italia, a seguito del successo di pubblico conquistato nel suo paese e della critica positiva riscossa a livello internazionale. L'assegnazione del premio Herralde nell'anno della pubblicazione (Anagramma, 2003) segna l'inizio di una storia fortunata. Il regista Héctor Babenco ne ha tratto un film dall'omonimo titolo (2006). Alan Pauls è autore di saggi critici sull'opera di Borges e Puig e ha all'attivo la pubblicazione di tre opere narrative precedenti (El pudor del pornografo, 1984; El colloquio, 1990 e Wasabi, 1994). Attualmente collabora con il quotidiano bonaerense "Página/12".
Il suo stile è vivace, esuberante al punto di rendere una storia d'amore un turbine di delirio. Sembra che aspiri a brillare per sagacia, per originalità tutta sudamericana e "giovane", questa storia. È la cronaca della fine di un matrimonio da favola che si guasta dopo anni di perfetto equilibrio. Cresciuti insieme, Sofía e Rímini, quest'ultimo è il nome del protagonista maschile, si conoscono alla perfezione. Simbiotici, costituiscono un modello per tutti coloro che li frequentano e il loro rapporto è considerato indissolubile. Un giorno, però, Rímini si scorda di leggere uno dei messaggi che Sofía ha l'abitudine di scrivergli dietro la lista della spesa o sul biglietto dell'autobus e di infilargli ovunque ci sia la possibilità che le sue mani li trovino. I messaggi di Sofía sono lettere d'amore in incognito e la dimenticanza di Rímini è fatale, causa di un distacco inspiegabile e improvviso. Comincia a scappare a gambe levate da quella donna che lo conosce bene e sa prevedere ogni sua necessità. Deve dimostrare a se stesso che può fare a meno di lei. Spudoratamente Sofía impazzisce d'amore.
Il ritmo incalzante del romanzo concede spazio a lunghe divagazioni in cui risiedono, forse, le soluzioni narrative più originali di Pauls. In particolare c'è una storia che vale la pena ricordare. Jeremy Riltse è un pittore contemporaneo, capofila della Sick art (l'arte è malata o l'arte incarna la malattia del suo autore?), corrente che, come il nome lascia intuire, non promette niente di pittoresco. La vita vagabonda dell'artista, che si svolge in Europa, non confluisce mai nella corrente narrativa principale. Lungo le strade di Sofía e Rímini vi sono incontri e oggetti che si riconoscono come epifanie dell'esistenza dell'artista idolatrato da entrambi. Riltse è il correlativo oggettivo di un legame indissolubile poiché fondato su affinità elettive superiori. La vivacità della voce narrante che caratterizza tutto il romanzo trova qui la sua collocazione naturale, poiché sa rispecchiare le increspature improvvise di un'incredibile serie di peripezie. Cambiano le priorità dell'autore: la storia delle persone passa in secondo piano, subordinata alla vita delle opere. Buco posticcio, la tela più importante nella storia dei due amanti, è seguita in ogni spostamento attraverso l'Europa fino al suo approdo in Argentina. Persino la morte dell'autore viene trattata come una mera appendice.
Diventa invece fondamentale dire che Buco posticcio nasce in serie grazie a un coito, da una sequenza di tele sovrapposte e penetrate da Pierre Gilles, l'amante di Riltse, a sottolineare che quest'opera apre nuovi orizzonti: la rappresentazione della superficie malata del fisico dell'autore realizzata grazie a episodi di automutilazione (sono rappresentativi i titoli delle opere della serie dal titolo Storia clinica: Afta, Herpes, Placca; tra queste anche Glande, la quale, invece, non è mai stata rinvenuta, dando vita alle più stravaganti leggende) cede spazio all'esposizione del regno organico dall'interno. Un richiamo che, nello stile di Pauls, va interpretato in modo letterale e che costerà a Riltse la vita stessa. La storia dell'artista è trascinante e ben scritta, al punto che i particolari splatter non sono per forza percepiti come il frutto di un'intenzione sensazionalista. Le scelte forti dell'autore riescono a trasformarsi in rappresentazioni grottesche e paradossali della vita che incalza. Fino al prossimo romanzo in traduzione, Alan Pauls andrebbe ricordato come il miglior biografo di Jeremy Riltse, artista e clochard. Eva Milano