Il pastore di stambecchi. Storia di una vita fuori traccia - Louis Oreiller,Irene Borgna - copertina

Il pastore di stambecchi. Storia di una vita fuori traccia

Louis Oreiller,Irene Borgna

Scrivi una recensione
Collana: Passi
Anno edizione: 2018
In commercio dal: 10 maggio 2018
Pagine: 176 p., Brossura
  • EAN: 9788868337810

nella classifica Bestseller di IBS LibriScienze, geografia, ambiente - Geografia - Geografia e topografia fisica - Montagne

pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

€ 10,50

€ 14,00
(-25%)

Venduto e spedito da IBS

11 punti Premium

Quantità:
LIBRO

Altri venditori

Mostra tutti (4 offerte da 14,00 €)

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Nella sua valle, sa il carattere di ogni canalone, di ogni balza di roccia. Riconosce le volpi, i camosci, le vipere, i gipeti. Può chiamare per nome ogni valanga. La montagna per Luigi Oreiller non è una sfida, né una prestazione. È la sua casa di terra e di cielo, un orizzonte a cui appartenere.

«Louis Oreiller parla con la voce della montagna e ascoltarlo riempie di meraviglia, ancora più che di nostalgia.» - Paolo Cognetti

"La montagna mi ha visto nascere, mi ha nutrito, insegnato, curato. Così sono diventato il signore delle cenge rocciose, la sentinella dei valichi secondari e l'esperto delle morene nascoste: ho regnato su quel reame di sassi non perché era mio - ma perché gli appartenevo. La montagna mi ha concesso di starle insieme e io sono diventato il suo custode rispettoso, un pastore di stambecchi in tutte le stagioni."

Luigi nasce nella povertà e cresce con la guerra. Valdostano ma “anche” italiano, trascorre i suoi 84 anni a Rhêmes Notre Dame, venti comignoli rubati alla slavina al fondo di una valle stretta e dal fascino selvatico, su un versante Parco del Gran Paradiso sull’altro riserva di caccia. Da ragazzo, armato dalla fame, è cacciatore, contrabbandiere, manovale. Quando diventa guardiaparco e poi guardiacaccia, cambia sguardo. Dietro le lenti del cannocchiale, nelle lunghe solitarie giornate di appostamento ai bracconieri, diventa il signore delle cenge, segue il volo delle aquile e sperimenta un qualcosa di molto simile all’amore. Stagione dopo stagione, trasforma gli alberi in sculture, “scava” tassi e marmotte, parla con i cani, le mucche, le galline. A volte anche con gli uomini. Quello di Oreiller è un mondo ormai perduto, travolto da una modernità senza pazienza, da un fiume di gente che torna ma non resta. Eppure, nei suoi occhi, nelle sue mani nodose e forti, tutto ha ancora memoria e lui ha memoria di tutto. Le sue parole, consegnate a chi, come Irene Borgna, le sa ascoltare, conducono lontano, fuori traccia, tra valichi nascosti. E segnano il tempo, come gli anelli di un tronco, come i cerchi sulle corna di un vecchio stambecco.
4,67
di 5
Totale 3
5
2
4
1
3
0
2
0
1
0
  • User Icon

    stefano

    16/01/2019 10:57:36

    Mi è stato regalato questo libro per Natale l'ho letto in brevissimo tempo. Non nascondo che sono appassionato delle zone della val d'Aosta di cui Oreiller racconta, ma ritrovare tutti quei luoghi meravigliosi è stato veramente bello. scritto in maniera semplice, che ricalca il suo modo di essere, quasi con dolcezza e qualche rimpianto. consigliatissimo

  • User Icon

    Claudio

    20/09/2018 07:57:10

    Le parole di Oreiller incantano e ci portano in giro per valli e monti senza mai risultare superflue o scontate. Affresco lucido e mai banale su cosa fosse un tempo vivere la montagna. Indispensabile.

  • User Icon

    Piazza Alina

    26/07/2018 13:40:03

    Il libro più bello che abbia letto nell'ultimo anno, almeno. Commovente, istruttivo. Anche un'amica alla quale l'ho imprestato l'ha trovato straordinario.

Note legali