Il pensiero politico medievale - Gianluca Briguglia - copertina

Il pensiero politico medievale

Gianluca Briguglia

0 recensioni
Scrivi una recensione
Editore: Einaudi
Anno edizione: 2018
In commercio dal: 6 novembre 2018
Pagine: 248 p., Brossura
  • EAN: 9788806233532

nella classifica Bestseller di IBS LibriFilosofia - Storia della filosofia occidentale - Del Medioevo e del Rinascimento

pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

€ 17,85

€ 21,00
(-15%)

Venduto e spedito da IBS

18 punti Premium

Quantità:
LIBRO

Altri venditori

Mostra tutti (2 offerte da 21,00 €)

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Il libro di Gianluca Briguglia propone una lettura delle teorie politiche medievali nel loro contesto proprio. Ne scaturisce un'introduzione originale e plurale al pensiero politico del medioevo.

Superando sia i secolari pregiudizi negativi su un presunto medioevo tenebroso, sia certe rivalutazioni troppo convenzionali e rapide, che a volte caratterizzano l'interesse per il pensiero medievale, il libro di Gianluca Briguglia propone una lettura delle teorie politiche medievali nel loro contesto proprio. Ne scaturisce un'introduzione originale e plurale al pensiero politico del medioevo (XII-XV secolo), in cui i maestri delle università e i teologi, ma anche gli intellettuali delle città, i laici, perfino i traduttori dei testi latini nelle lingue volgari rispondono ai problemi del loro presente ricollocando teorie del passato, modificando idee ricevute, costruendo orizzonti teorici del tutto nuovi. Per questo il volume non solo tratta idee e teorie di autori classici, da Tommaso d'Aquino a Marsilio da Padova, ma include autori spesso neppure menzionati in opere di questo tipo, e la cui importanza va ormai riconosciuta, come nel caso di un Brunetto Latini, di un Tolomeo da Lucca o di un Giacomo da Viterbo, e soprattutto ricostruisce contesti concettuali capaci di rendere piú approfondita e ampia la conoscenza del pensiero medievale, come nel caso delle «ecclesiologie politiche», dell'importanza delle lingue volgari, degli intrecci tra post-aristotelismo e ispirazioni guelfe o ghibelline.
Introduzione
Il doppio corpo del medioevo – Esiste la cattedrale di Salisburgo?

Il Policratico di Giovanni Salisbury
Un intellettuale per la politica – La politica come umanesimo – il principe e il tiranno – Il corpo vivente dello Stato – A che cosa servono le metafore nel discorso politico?

Brunetto Latini. Pensare il Comune
Immaginare la politica dopo la sconfitta – Brunetto Latini e il modello di Cicerone – Nella testa di Brunetto – Come nasce una cultura politica?

Le idee politiche pre-aristoteliche. Da Tommaso d’Aquino a Dante Alighieri
Tommaso d’Aquino e la nuova Politica - Tolomeo da Lucca, aristotelico e guelfo – Remigio dei Girolami, il bene in comune – Dante Alighieri, una passione imperiale – Aristotelismo politico o post-aristotelismo?

La crisi del 1300 e l’emergere delle ecclesiologie politiche
Bonifacio VIII e Filippo il Bello – Ecclesiologia politica? Il caso di Erveo di Nédellec

Modelli di un nuovo mondo
Giovanni Quidort di Parigi. Ecclesiologia come teoresi politica – Egidio Romano e la fondazione assoluta del potere – Giacomo da Viterbo e la regalità cristiana

Di nuovo la tempesta
Guglielmo di Ockham (La povertà volontaria come problema politico – Pensiero come azione – Idee politiche) – Marsilio da Padova, pensatore ghibellino (Il legislatore è il popolo, o la sua parte prevalente – Lo svelamento dell’ideologia papale)

Dall’impossibile riforma al grande scisma
John Wyclif e il potere degli eletti – Il grande scisma e l’ipotesi conciliarista

Gli anni di Carlo V
La traduzione come agire politico. Oresme e gli altri – Christine de Pizan. Raccontare la politica – Solo originalità dei grandi autori?

Bibliografia
  • Insegna filosofia medievale. Ha fatto ricerca e insegnato in importanti università e centri europei, come l'Accademia Austriaca delle Scienze, l'EHESS di Parigi, l'Università di Vienna e la LMU di Monaco di Baviera, contribuendo alla riscoperta e allo studio della filosofia politica medievale. Tra i suoi libri Stato d'innocenza. Adamo, Eva e la filosofia politica medievale (Carocci 2017), Le pouvoir mis à la question (Belles Lettres 2016), L'animale politico. Agostino, Aristotele e altri mostri medievali (Salerno 2016), Marsilio da Padova (Carocci 2013) e Il pensiero politico medievale (Einaudi 2018).  Approfondisci
Note legali