Piazza San Sepolcro. La prima indagine del commissario Lucchesi

Gianni Simoni

Editore: TEA
Collana: Narrativa Tea
Anno edizione: 2012
Formato: Tascabile
In commercio dal: 10 maggio 2012
Pagine: 238 p., Rilegato
  • EAN: 9788850227136
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:
Descrizione
L'inverno milanese è freddo e nebbioso, e le luci dei lampioni non bastano a rischiarare le strade di periferia dove un maniaco sessuale attende nell'oscurità le sue vittime armato di un coltello. Donne sole, che prese alla sprovvista vengono violentate e poi abbandonate alla loro disperazione. In quegli stessi giorni, in un bel giardino del centro, viene trovato il corpo di un giovane ucciso da un colpo di pistola. C'è qualche legame tra i casi di stupro e l'omicidio? E perché mai proprio l'ispettore Lucchesi, della sezione Furti e rapine del commissariato di piazza San Sepolcro, si trova coinvolto nelle indagini? Perché Andrea Lucchesi, due procedimenti disciplinari e due penali alle spalle, appena trasferito nella sede centrale da via Fatebenefratelli per colpa del suo pessimo carattere, è uno dei migliori elementi che la polizia milanese abbia mai avuto. Perché Lucchesi, arrabbiato col mondo, ma soprattutto col colore della sua pelle nera ereditata dalla madre eritrea, solitario, troppo affezionato al fumo e all'alcol, scontroso, è un uomo che, pur con le sue debolezze, non sa scendere a compromessi e per difendere il suo ideale di giustizia non guarda in faccia nessuno. Nemmeno se deve giocarsi la carriera o, peggio, la vita...

€ 10,20

€ 12,00

Risparmi € 1,80 (15%)

Venduto e spedito da IBS

10 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:

€ 6,48

€ 12,00

Usato di Libraccio.it venduto da IBS

 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    siro

    23/02/2013 19:34:59

    Simoni non è mai stato un grande scrittore forse vuole solo immedesimarsi nel personaggio che avrebbe voluto essere ma comunque abbastanza di gradevole lettura stavolta sembra che come il suo personaggio Petri abbia ecceduto un po col traminer scadendo nella più volgare pornografia

  • User Icon

    elisabetta

    06/09/2012 18:40:45

    Non mi trovo affatto d'accordo con le altre opinioni. Ho letto l'ultimo libro di Gianni Simoni sperando mantenesse lo stile dei romanzi pubblicati precedentemente,ma sono rimasta alquanto delusa. Lo stile lascia un pò a desiderare,la scrittura è a tratti rozza, rude e sboccata (si può dire che sembra una specie di romanzo erotico in alcuni passi) L'ambientazione di Milano non c'entra assolutamente nulla con la mia opinione riguardo a questo libro, nonostante io sia nativa di Brescia.La risoluzione dei casi è lasciata al "destino" e non ad una ricerca giusta. Lo stratagemma di inserire un omicidio alla fine del romanzo non aiuta, anzi lo sminuisce ancora di più... Se questo è il nuovo volto del poliziesco in Italia, preferisco quello vecchio...

  • User Icon

    Marco

    06/09/2012 14:43:46

    Libro che può risultare piacevole a chi conosce Milano ed i luoghi descritti. Altrimenti la trama è assolutamente non avvincente. Il personaggio è quanto di più negativo si possa cercare: frustrato sia nella vita privata che lavorativa. Solamente lui si considera diverso, inferiore e, presuntuosamente ed erroneamente, pensa che anche gli altri lo reputino tale. Uno così fa fatica a farsi accettare dai colleghi, dalle donnee ..... dai lettori

  • User Icon

    mariangela villa

    08/07/2012 23:28:44

    Premetto che ho letto tutti i libri di Simoni ed è un autore che apprezzo molto. Questa nuova serie inizia con una presentazione del protagonista, che certo conosceremo meglio nei prossimi libri, ma l'ambiente psicologico non è dissimile dagli altri: il commissario Pepe ricorda Miceli, l'aria "di Questura" è sempre la stessa... Originale la "diversità" di Lucchesi, vittima di un razzismo che in fondo è più nella sua testa che in quella degli altri, a ben vedere "solo" affetti dai soliti pregiudizi stupidi e superficiali che fanno tanto male senza una vera volontà di ferire (anche se purtroppo il risultato è lo stesso). Ma è lui, Lucchesi, che non riesce a superare la sua diversità e la vive con rabbia e dolore, riconducendo ad essa tutto quello, di buono o di cattivo, che gli capita; e certo in futuro capiremo meglio le sue ragioni. Interessanti le sue donne, tutte fin troppo disinvolte, disinibite e quasi aggressive (sarà anche qui perchè è nero?). Dal punto di vista dell'intreccio propriamente giallo, non c'è una particolare tensione o suspense, ma in questo tipo di libri conta di più l'atmosfera e la caratterizzazione dei personaggi che la vicenda vera e propria. E per me, che amo Milano, l'ambientazione precisa e accurata è un plusvalore aggiunto. Un ottimo libro dunque,con un nuovo protagonista che si fa amare da subito e nuovi comprimari interessanti e simpatici... benvenuto, Lucchesi, e a presto.

  • User Icon

    pier

    15/05/2012 13:53:27

    Buon libro consigliato per chi ama i gialli descrittivi con poca azione. Nuovo ispettore e svolgimento a Milano anzichè Brescia, per chi conosce già Gianni Simoni, che ha lasciato speriamo solo momentaneamente la precedente coppia Petri & Miceli. In questo libro la trama è suddivisa tra due inchieste e il racconto della vita del nuovo ispettore. Unico appunto, secondo me, Simoni ha calcato troppo, sul fatto che l'ispettore Lucchesi per essendo italiano è nero e pertanto buona parte dei colleghi, superiori e personaggi vari passono per presunti razzisti, donne escluse, che invece ne subiscono il fascino. Comunque pur non essendo il migliore, per me, dello scrittore per chi piace il genere è sicuramente consigliato.

Vedi tutte le 5 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione