Piccolo alpino

Salvatore Gotta

Con la tua recensione raccogli punti Premium
Anno edizione: 2008
In commercio dal: 10 luglio 2012
Pagine: 224 p.
  • EAN: 9788842539810
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

€ 8,10

€ 15,00
Nuovo - attualmente non disponibile
Attualmente non disponibile
Leggi qui l'informativa sulla privacy
Inserisci la tua email ti avviseremo quando sarà disponibile
spinner

Grazie, riceverai una mail appena il prodotto sarà disponibile

Non è stato possibile elaborare la tua richiesta, riprova.

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Il "Piccolo Alpino" fu pubblicato per la prima volta nel 1926. In un'Italia dov'era ancora vivo e dolente il ricordo della Grande Guerra, le disavventure del piccolo Giacomino che, rimasto senza famiglia viene adottato dagli Alpini e con loro combatte nelle trincee del Carso, ebbero subito un grande successo. Il piccolo Alpino diventò un simbolo nazionale e, ancora oggi, nonostante siano passati più di quarant'anni dall'ultima pubblicazione rimane nei cuori dei meno giovani. Un racconto d'altri tempi che, attraverso il fedele ritratto di un periodo così drammatico della nostra storia celebra l'amore per la Patria, l'abnegazione, lo spirito di solidarietà e di sacrificio.
2
di 5
Totale 1
5
0
4
0
3
0
2
1
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    franco

    09/09/2017 16:42:19

    Si può ancora considerare questo celebre libro di Gotta come la patetica storia di un bambino di 10 anni, apparentemente orfano, sballottato nel tragico caos della Grande Guerra? ammesso che ciò sia stato possibile in passato, l'operazione appare impossibile oggi. Infatti è rapidamente evidente che Giacomino Rasi vittima innocente lo è solo per breve tempo, dopo la perdita dei genitori sotto la slavina e il suo fortunoso salvataggio da parte di una ruvida famiglia di contrabbandieri valdostani, fino all'adozione da parte degli alpini del battaglione Aosta (all'incirca fino al cap 7), dopo di chè diviene un altro personaggio: il bambino ardimentoso, desideroso, prima di vedere la guerra e poi subito attivo in essa, in maniera singolare: gagliardo, sveglio, coraggioso, vieppiù patriottico, fino a diventare negli ultimi capitoli addirittura un piccolo ma astuto agente informativo nel territorio nemico, che sa fuggire dalla prigionia e tornare presso il comando dell'Ufficio Informazioni, in tempo per partecipare alla avanzata finale verso la vittoria. Il crescendo di Giacomino è costante e vorticoso, tanto che non ci si stupisce che, a guerra finita, gli venga conferita la medaglia d'oro. Nel complesso, il personaggio, ben lungi dall'ispirare tenerezza, appare esagerato e segnato dall' evidente intento di mobilitazione patriottica dell'autore. Il motivo, a pensarci bene, è semplice: Giacomino non è il bambino del 1915-18, ma il bambino del 1926, che ha già subito il processo di "mobilitazione mentale" dell'infanzia durante la guerra (quello di cui scrive Gibelli, per intenderci) e sta crescendo in un contesto vieppiù nazionalistico, in attesa di diventare un perfetto balilla, pienamente fascista. Il libro allora oggi può essere letto soltanto come un documento storico, con un occhio nè ingenuo, nè infantile.

  • Salvatore Gotta Cover

    (Montalto Dora, Torino, 1887 - Rapallo, Genova, 1980) scrittore italiano. Fu autore, oltre che di commedie, di numerosissimi romanzi destinati al grande pubblico, riuniti per la maggior parte nei cicli Ottocento (1949) e La saga dei Vela (1954). Celebre il suo libro per ragazzi Il piccolo alpino (1926). Approfondisci
| Vedi di più >
Note legali