Editore: Leone
Collana: Il leone bianco
Edizione: 2
Anno edizione: 2015
Formato: Tascabile
Pagine: 171 p., Brossura
  • EAN: 9788863932348
Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:

€ 5,86

€ 6,90

Risparmi € 1,04 (15%)

Venduto e spedito da IBS

6 punti Premium

Disponibile in 3 gg lavorativi

Quantità:

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Anto123

    21/12/2011 10:42:43

    Io non sono così bravo nell'analisi del testo come gli altri che hanno commentato prima di me. Quello che so è che il libro mi ha emozionato molto e mi sono divertito a leggerlo. A mio parere sarebbe perfetto per farci un film.

  • User Icon

    Franco

    24/08/2011 12:11:12

    Magari non sarà il miglior romanzo di fantascienza italiano uscito negli ultimi tempi, come proclama entusiasticamente "Maria", ma non mi sento di condividere la delusione di "arrtilio". Premesso che ogni parere è personale, per cui il mio vale esattamente quanto quello degli altri 2 lettori, io l'ho trovato un buon romanzo. Per anni ho lavorato come editor per alcune case editrici (oggi per fortuna faccio altro) e, fermo restando che anche gli editor sbagliano (eccome!), la mia impressione è quella di una buona storia, scritta con mano capace, incentrata su una solida idea di partenza e su un protagonista "riuscito". Poi sono d'accordo che il romanzo ha dei difetti, in particolare alcuni passaggi richiederebbero uno sviluppo più compiuto e concordo con "arrtilio" che la spiegazione del "segreto" della città sotterranea venga presentato in modo un po' troppo "piatto", con una lunga tirata descrittiva (scoprirlo attraverso accenni successivi sarebbe stato più efficace sotto il profilo narrativo) e che il tema ecologico sia solo un "lancio" della casa editrice che poi non trova riscontro nel romanzo. Per quanto riguarda, invece, le analogie col libro di Collodi direi che sono volutamente deboli (la casa editrice voleva, evidentemente, un titolo di "richiamo"); l'autore non mi sembra interessato più di tanto a crearne e direi a ragione (sarebbe stata una chiave di lettura troppo scontata). Invece il tema della paternità mi pare trattato molto bene, senza enfasi, ma in modo niente affatto banale. Viene raccontato "nei fatti" anziché attraverso inutili teorizzazioni. Da questo punto di vista il parallelismo con "La strada" non mi sembra così forzato. Il finale non l'ho trovato prevedibile e comunque mi è sembrato funzionale alla storia. Lo scopo non era "stupire" ma chiudere il cerchio, dare un senso alle scelte e alla figura del protagonista. Complessivamente mi è sembrato un esordio non disprezzabile. Mi sento di dargli 4 stelle

  • User Icon

    June

    23/08/2011 10:23:38

    Un romanzo "semplice" ma di assoluta efficacia. Agile e veloce, l'autore più che a Collodi mi pare ispirato a Paul Auster. Certo, la meta è ambiziosa, ma forse anche nella fantascienza italiana qualcosa riesce a muoversi, basta un po' di coraggio.

  • User Icon

    arrtilio

    12/07/2011 11:10:44

    Il romanzo non convince. Nè il tema ecologico (assolutamente pretestuoso), nè la riflessione sulla paternità, nè la suggestione sui possibili sviluppu futuri dell'umanità risultano questioni efficacemente poste a tema dall'autore. Debole e confuso pure il riferimento a Collodi: all'inizio l'analogia più convincente sembra tra Geppetto e Angelo (che si trova tra le mani il suo "pezzo di legno"); verso il finale il nostro Angelo si ritrova più nel Pinocchio capace di dare la vita per chi ama e perciò per coloro di cui è divenuto responsabile. Il fatto che gli altri personaggi collodiani (Fata, Mangiafuoco, Grillo...) siano esplicitamente proposti dimostra quanto da soli non siano in grado di svelarsi. La narrazione scade nettamente quando la Verità è narrata da Scipione ad Angelo. Mi viene un paragone ardito con "La strada" di McCarthy: là la distruzione del mondo è evocata terribilmente e soffoca ogni speranza, qui la realtà presente è didascalicamente spiegata per far tornare i conti della storia. Peccato. Finale prevedibile. Ammetto una facile piacevole godibilità nella lettura, ma poco altro.

  • User Icon

    Maria L

    26/01/2011 11:12:25

    A mio modestissimo parere è il miglior romanzo di fantascienza italiano uscito negli ultimi tempi. Particolarmente convincente la scrittura e la costruzione dei personaggi. Considerata l'approssimazione di molti romanzi di genere fantastico (nota di demerito per molti giovani autori fantasy, dalla scrittura davvero modesta), qui siamo decisamente su un altro livello. Verificare le recensioni in rete per credere. Maria

  • User Icon

    leggoconpiacere

    15/02/2010 15:56:53

    Davvero una bella scoperta questo curioso e originale romanzo. Non solo un avvincente romanzo di fantascienza ma anche una bella riflessione sulla paternità, sulla passione per i libri (Angelo, il protagonista, è un "cercatore di libri") e sul senso di responsabilità. Romanzo asciutto, ben scritto, di solida impalcatura. Non ci sono inutili fronzoli e la storia tiene avvinti dall'inizio alla fine. Mi sento di assicurare che non vi pentirete di avere dato fiducia a un esordiente (che poi, cercando in rete, ho scoperto che tanto esordiente non è perchè ha già pubblicato molti racconti e ha vinto diversi premi letterari a livello nazionale).

Vedi tutte le 6 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione