La Piovra (Colonna sonora) - CD Audio di Ennio Morricone

La Piovra (Colonna sonora)

Con la tua recensione raccogli punti Premium
Compositore: Ennio Morricone
Supporto: CD Audio
Numero supporti: 2
Etichetta: Ducale
Data di pubblicazione: 1 novembre 2006
Colonna sonora
  • EAN: 8011772104201

48° nella classifica Bestseller di IBS Cd musicali CD - Miscellanea

Salvato in 5 liste dei desideri
Musiche composte, orchestrate e dirette da Ennio Morricone
Questa antologia raccoglie in un doppio CD i brani scritti da Ennio Morricone delle 7 fra le 10 stagioni TV della popolarissima serie, che debutta nel 1984 con "La Piovra 1" diretta da Damiano Damiani, affidando a Riz Ortolani il compito di realizzare la colonna sonora. L'album rappresenta la più completa presentazione della articolata colonna sonora televisiva.

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

5
di 5
Totale 2
5
2
4
0
3
0
2
0
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    Marco

    08/06/2008 11:25:07

    Mille echi è senza dubbio un capolavoro, la migliore in assoluto! Anche Tentativo d'amore, però, è molto bella! La serie televisiva è stata, a mio parere, la più grande fiction della storia televisiva italiana e anche la colonna sonora, opera di un genio come Ennio Morricone, non poteva essere da meno!

  • User Icon

    nicola meneghini

    02/01/2007 14:16:31

    Non so se La piovra avrebbe esercitato un impatto emozionale e fosse penetrata nella memoria collettiva nazionale senza la colonna sonora di Ennio Morricone. Venne esportata all’estero in ben 80 paesi.La Piovra comunque si rivelò la fiction giusta al posto giusto al momento giusto, gli anni 80, per agire allo scopo di una presa di coscienza collettiva di un fenomeno che andava assumendo connotati particolarmente cruenti e destabilizzanti. Morricone riuscì magistralmente a tradurre con la sua partitura e l’orchestrazione dei suoi motivi non solo la drammaticità che gli eventi avevano raggiunto ma lo sgomento che tutto ciò assieme alla corruzione e al malaffare dell’alta politica suscitavano nell’opinione pubblica o AVREBBERO DOVUTO suscitare. Tracciando così in modo mirabile un solco incisivo nel terreno della denuncia civile e nell’opera di sensibilizzazione. È scontato dire che i temi musicali de La Piovra raccontano in modo autonomo l’intero universo tematico e stilistico della fiction: dal sopruso al delitto, dall’azione di una retata o agguato all’azione di maceramento interiore dei protagonisti, dalla gioia malinconica al dolore pieno derivante dalla solitudine per la perdita degli affetti più cari, dalle parole intrise di morte alle parole bisbigliate o frammentate di fronte all’impossibilità di poter amare come si vorrebbe o dovrebbe, dal silenzio omertoso o criminoso al silenzio empatico di condivisione profonda dei sentimenti altrui. Ma come accade quasi sempre il calibro delle musiche di Morricone trascende il significato contingente delle situazioni filmiche alle quali esse sono associate. MILLE ECHI commuove chi la sente la prima come la centesima volta perché si fa portavoce sì del dolore sedimentato del commissario Cattani commisto a profonda nostalgia per continui flash dal passato che lo perseguitano ma quel sentimento così pieno quasi si impossessa di noi. CANZONE PER LA SERA è un requiem laico, una desolata dichiarazione dell’uomo al cospetto del cosmo della sua condizione esistenziale e i

  • Ennio Morricone Cover

    È stato un compositore. Allievo di Petrassi, ma anche suonatore di tromba in orchestrine da ballo, si divide sin dall'inizio tra una libera adesione al serialismo (Musica per 11 violini, 1958) e la musica leggera. Approdato alla musica per film, diviene celebre con i western di Sergio Leone (da Per un pugno di dollari, 1964, a Giù la testa, 1971) e per i duraturi sodalizi con registi come Bertolucci, Bellocchio, Pontecorvo, Pasolini, Montaldo, Bolognini, Petri, Verneuil, Argento, Tornatore, i fratelli Taviani, Joffé, De Palma, per un totale di moltissime colonne sonore, nelle quali, fra momenti di ripetitività, spiccano interessanti episodi di sperimentalismo. Ricordiamo tra le tante I pugni in tasca (Marco Bellocchio, 1965), La battaglia di Algeri (Gillo Pontecorvo,... Approfondisci
Questo prodotto lo trovi anche in:
Note legali