Chiudi

Siamo spiacenti si è verificato un errore imprevisto, la preghiamo di riprovare.

Le piste dell'attentato - Loriano Macchiavelli - copertina

Le piste dell'attentato

Loriano Macchiavelli

Con la tua recensione raccogli punti Premium
Editore: Einaudi
Anno edizione: 2004
In commercio dal: 13 luglio 2004
Pagine: IX-144 p., Brossura
  • EAN: 9788806165826
Salvato in 4 liste dei desideri

€ 6,00

Venduto e spedito da Biblioteca di Babele

spinner

Disponibile in 2 gg lavorativi

Solo una copia disponibile

+ 4,90 € Spese di spedizione

prodotto usato
Quantità:
LIBRO USATO
Nuovo - attualmente non disponibile
Attualmente non disponibile
Leggi qui l'informativa sulla privacy
Inserisci la tua email ti avviseremo quando sarà disponibile
spinner

Grazie, riceverai una mail appena il prodotto sarà disponibile

Non è stato possibile elaborare la tua richiesta, riprova.

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Bologna, metà anni Settanta. Qualcuno fa esplodere la stazione radio dell'Esercito, uccidendo quattro militari. Nei minuti successivi alla strage, un'auto con tre uomini a bordo forza un posto di blocco. Sarti Antonio, sergente, la insegue e riesce ad arrestare i tre. Per l'intera città il caso è risolto, ma per Sarti, testardo, collerico e intelligente quanto basta, è solo all'inizio. Personaggio tra i più caratteristici del giallo italiano, il sergente Sarti vive la sua prima avventura in questo romanzo pubblicato per la prima volta trent'anni fa e già rivela tutte le caratteristiche che lo hanno reso famoso: caparbietà, spirito di contraddizione, alternanza di momenti di indolenza e di frenesia, quasi il simbolo di una città frastornata.
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

4,1
di 5
Totale 10
5
2
4
7
3
1
2
0
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    Lapo

    12/06/2020 10:59:22

    Scritto nei primi anni settanta, il romanzo risente del clima culturale e poliziesco di quel periodo storico in Italia: la caccia agli anarchici, i preconcetti degli inquirenti, il sensazionalismo giornalistico, i depistaggi delle indagini, le coperture politiche. La narrazione si stacca dai canoni tradizionali per un andamento sincopato e febbrile e per uno stile ruvido e spiccio che spesso ci riporta l’investigatore intento in dialoghi e riflessioni mentali e a voce alta in una sorta di flusso di coscienza; una coscienza molto vigile e attenta che, affiancata a un fiuto da segugio, intuirà brandelli e scorci mancando però di cogliere il quadro d’insieme. Comunque lo si giudichi, certo non si può dire che il lavoro manchi di originalità.

  • User Icon

    Fabio

    23/08/2016 16:33:26

    Piacevole, soprattutto per chi, come me, vuole iniziare a conoscere Sarti Antonio dalle origini. Personaggio riuscitissimo, quanto umano e "simpatico", interessante la dinamica con Rosas, alter ego colto del protagonista. Ironico, divertente e interessante lo stile che, con quella informalità bolognese e interlocutoria, fa scorrere la vicenda velocemente, senza pesare. Certo, la trama non è delle più originali e neppure l'indagine, ma il giallo all'italiana qui si esprime ai suoi massimi livelli, con quella leggerezza che va bene per i momenti di relax. Consigliato perchè adatto a qualsiasi momento... Felice che l'intera saga sia lunga e tutta da scoprire!

  • User Icon

    massano

    25/08/2011 11:06:04

    Bel giallo, costruito bene e con un finale convincente, spesso è nella soluzione che cadono in molti... e pensare che il tutto è concentrato in un numero di pagine che ad altri servono per introdurre i personaggi... ed arrivano ad oltre 500 con soluzioni "incredibili".

  • User Icon

    daniela

    09/09/2007 10:49:08

    Un bel giallo all'italiana! non ho ancora terminato la lettura di questo libro, ma mi sento di dire che è un bel giallo. mi piace il suo modo di scrivere, un pò televisivo, come si trattasse di una sceneggiatura (del resto macchiavelli è anche autore di teatro!). leggerò certamente gli altri libri della serie

  • User Icon

    Giuliopez

    05/09/2007 10:17:18

    Sono partito da questo (dopo aver letto altre opere del grande Loriano) per scoprire il personaggio dell'ispettore (qui ancora sergente) Sarti. Assolutamente da leggere!

  • User Icon

    Antonio Gatti

    16/07/2007 10:34:13

    Ha trent'anni... e si vede, ma i grandi gialli sono immortali; e comunque, anche solo per rendere omaggio al primo romanzo della serie, gli appioppo un bel 4

  • User Icon

    andrea

    12/12/2006 10:58:56

    E' in assoluto la prima indagine (e il debutto su carta) di Sarti Antonio, sergente. Da qui bisogna dunque partire per iniziare a esplorare la Bologna di Macchiavelli. Senza scendere nei dettagli di questo libro, basti dire che dell'universo sartiano c'è già tutto : la colite cronica, l'odiato/amato Rosas, l'850 del Cantoni Felice, l'amore per il caffè (se vi appassionate al personaggio, non riuscirete più a farvene uno senza pensare di avere il sergente affianco a criticarvi...), ecc ecc... Quindi un romanzo (definirlo solo giallo sarebbe riduttivo....) indispensabile. Del Macchiavelli colpiscono l'ironia, lo stile fresco e schietto e la perspicacia nello scoprire e nel delineare una Bologna le cui tensioni nascoste finiscono per avvelenare la paciosa apparenza gaudente. E se pensiamo che è stato scritto più di 30' anni fa... IMPERDIBILE ( e da leggere come primo della serie del sergente Sarti).

  • User Icon

    skymiguel29

    07/09/2005 21:09:27

    Molto bella la trama, recente nonostante il libri sia di parecchi anni fa, ma soprattutto il personaggio azzeccatissimo di Sarti Antonio fa decollare il romanzo. E' il primo che leggo ma credo proprio che ne "proverò" altri. Fresco e scorrevole, senza troppi "arzigogolii" a cui si assiste molto spesso ultimamente, si legge d'un fiato.

  • User Icon

    alessandro

    08/11/2004 21:54:06

    La prima indagine di Sarti Antonio sergente,riesce a coinvolgere capitolo dopo capitolo fino all'epigolo.Rosas fa la sua prima apparizione qualificandosi con la sua capacita' di sintesi come il punto di riferimento per le indagini a venire.

  • User Icon

    Abe

    26/08/2004 17:13:49

    Teso, incerto e confusionista fino alla fine. Peccato la fine, non molto perspicua.

Vedi tutte le 10 recensioni cliente
  • Loriano Macchiavelli Cover

    Ha frequentato l'ambiente teatrale come organizzatore, come attore e, infine, come autore; alcune sue opere teatrali sono state rappresentate da varie compagnie italiane. Dal 1974 si è dedicato al genere poliziesco e ha pubblicato numerosi romanzi divenendo uno degli autori italiani più conosciuti e letti.  Da un suo romanzo (Passato, presente e chissà) è stato tratto lo sceneggiato televisivo per Rai Due Sarti Antonio brigadiere andato in onda nell'aprile del 1978. In seguito ha curato il soggetto e la sceneggiatura del film per la TV L'archivista, andato in onda su Rai Uno nel settembre del 1988. Il film porta sul piccolo schermo uno dei suoi personaggi letterari più riusciti: Poli Ugo, interpretato per la TV da Flavio Bucci. Il film presenta una Bologna... Approfondisci
Questo prodotto lo trovi anche in:
Note legali
Chiudi