Piume baciatemi la guancia ardente

Vera Ambra

Editore: Ass. Akkuaria
Anno edizione: 2016
Pagine: 182 p., Brossura
  • EAN: 9788863282757
Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:

€ 11,40

€ 12,00

Risparmi € 0,60 (5%)

Venduto e spedito da IBS

11 punti Premium

Disponibile in 3 settimane

Quantità:
Aggiungi al carrello

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Maria Consoli

    14/03/2016 16:34:10

    Dagli oscuri meandri dell'oblio, Vera Ambra riporta in vita l'eroica storia di un giovane siciliano alle prese con un esercito nemico deciso a invadere a tutti i costi il territorio italino. Stava per iniziare una nuova e cruenta battaglia quel lontano 2 luglio 1916 sul Monte Pasubio. Tra il fango, il vento e la neve il Tenente Damaggio non conta più i morti ma uno a uno rincuora i soli sette superstiti rimasti e li prepara ad affrontare l'ultio atto di un conto ancora aperto con il nemico. Senza il coraggio di questo valoroso soldato, le sorti dell'Italia sarebbero state diverse, per questa ragione è un dovere nei confronti dei tanti morti in battaglia onorare la loro memoria. Le gesta dell'Eroe del Pasubio", come fu appellato dalle persone di quel tempo, sembrano raccontate dalla vera voce del protagonista. La storia si svolge in un avvincente trama che ripercorre la vita del Damaggio attraverso una intrigante introspezione nel pensiero di costante lealtà verso la Patria che lo accompagnò per tutta la vita.

  • User Icon

    annetta passanisi

    04/03/2016 00:57:45

    Era il 2 luglio del 1916 quando nello scacchiere del Pasubio, dove infuriava una cruenta battaglia, gli Austriaci, dopo aver rovesciato una tempesta di piombo e di fuoco e dopo aver falcidiato interi reparti, ormai sicuri del successo, avanzando per impadronirsi di un passo, tra il Dente Italiano e la Cima Palon, che era di importanza strategica per entrambi i contendenti; incontrano invece la decisa resistenza di Salvatore Damaggio, Tenente dei mitraglieri, comandante la 4ª Sezione Mitragliatrici del IV Battaglione dell'86° Reggimento Fanteria Brigata Verona; che alla guida dei sette commilitoni, superstiti come lui dalla precedente tregenda della battaglia, respinge l'avanzata nemica, costringendoli alla fuga.

Scrivi una recensione