Poesie

Carlo Porta

0 recensioni
Con la tua recensione raccogli punti Premium
Curatore: P. Mauri
Editore: Dalai Editore
Anno edizione: 2006
In commercio dal: 29 agosto 2006
Pagine: 246 p., Brossura
  • EAN: 9788884908131
Salvato in 9 liste dei desideri

€ 9,50

Venduto e spedito da Libreria Max 88

Solo una copia disponibile

+ 3,50 € Spese di spedizione

Quantità:
LIBRO

€ 5,00

€ 10,00
(-50%)

Punti Premium: 5

Venduto e spedito da IBS

Quantità:
LIBRO

€ 10,00

Punti Premium: 10

Usato di Libraccio.it venduto da IBS

Garanzia Libraccio
Quantità:
LIBRO USATO

Altri venditori

Mostra tutti (7 offerte da 6,00 €)

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Questo volume, a cura di Paolo Mauri, raccoglie una scelta delle composizioni in dialetto milanese di Carlo Porta, tra cui "I disgrazi de Giovannin Bongee", "La Ninetta del Verzee", "La messa noeuva" e "El lament del Marchionn di gamb avert". Tra gli ammiratori della poesia di Carlo Porta (l'altro grande poeta italiano in lingua dialettale accanto a Belli) si annoverano Foscolo, Manzoni, Stendhal, Carlo Cattaneo, Carlo Emilio Gadda ed Eugenio Montale.
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

  • Carlo Porta Cover

    (Milano 1775-1821) poeta italiano.La vita Nato in una famiglia di salde tradizioni borghesi, dimostrò subito notevole predisposizione agli studi, soprattutto alle discipline letterarie: inclinazione, questa, avversata dal padre, funzionario del governo austriaco, che s’augurava per il figlio un solido avvenire di burocrate. Ottenuto fra il 1798 ed il 1799 un impiego pubblico a Venezia, vi condusse una vita brillante, fra allegre brigate ed esperienze amorose; ma conobbe anche personaggi come A. Lamberti, ricevendone impulso a proseguire nella composizione di versi in dialetto, in cui si era già cimentato (al 1792 risalgono le sue prime prove, in particolare El lavapiatt del Meneghin ch’è mort), sulla scia d’una tradizione ben viva nella capitale lombarda (fra gli esempi più autorevoli quelli... Approfondisci
Note legali