Chiudi

Siamo spiacenti si è verificato un errore imprevisto, la preghiamo di riprovare.

Il ponte della valle di Durazzano - Mario Pagliaro - ebook

Il ponte della valle di Durazzano

Mario Pagliaro

0 recensioni
Con la tua recensione raccogli punti Premium
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente
Editore: Narcissus.me
Testo in italiano
Cloud: Scopri di più
Compatibilità: Tutti i dispositivi (eccetto Kindle) Scopri di più
Dimensioni: 2,92 MB
  • EAN: 9781326389017

€ 0,99

Punti Premium: 1

Venduto e spedito da IBS

spinner

Scaricabile subito

EBOOK

Compatibile con tutti i dispositivi, eccetto Kindle

Cloud: Sì Scopri di più

Aggiungi al carrello
spinner
Fai un regalo
spinner

non è possibile acquistare ebook su dispositivi Apple. Puoi comunque aggiungerli alla wishlist

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Questa è la storia riscritta dei ponti minori dell'Acquedotto Carolino, uno dei molti monumenti italiani inclusi nella lista Unesco dei Patrimoni dell'Umanità ma ancora avvolti da tanta approssimazione, sia nella storiografia che nella conservazione. Il "ponte Tagliola", a Durazzano, nel Sannio, verso la "Terra di Lavoro", non si chiama così. È, infatti, un monumento inconsapevole dell'Acquedotto Carolino, vittima della storia quando diventa sostituta del contemporaneo. Luigi Vanvitelli, che lo creò, lo aveva battezzato "Ponte della Valle di Durazzano" e se fosse riuscito nel suo intento, si sarebbe chiamato "Ponte di Ferdinando IV". Un ponte dedicato ad un Re, seppur "nasone" o "piccirillo", ma non ad una trappola. La storia,invece, quella fatta dai vincenti o almeno, da quelli che non perdono, gli ha disegnato tutto un altro destino. La battaglia diplomatica tra Vanvitelli e Bernardo Tanucci, combattuta sul "ponte Tagliola" due secoli fa, lo ha lasciato sommerso, ancora oggi, tra rifiuti, erbe selvatiche e fichi, nemmeno buoni da mangiare. Soprattutto, perso nelle memorie colte e istituzionali e approssimato negli affetti della comunità che lo possiede. Tutto questo per una lapide non apposta, una scritta non incisa, una dedica non fatta giungere.
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Note legali
Chiudi