Categorie
Traduttore: F. Galuzzi
Editore: Einaudi
Collana: Supercoralli
Anno edizione: 1999
Pagine: 543 p.
  • EAN: 9788806150846
Usato su Libraccio.it - € 10,60

€ 16,69

€ 19,63

Risparmi € 2,94 (15%)

Venduto e spedito da IBS

17 punti Premium

Attualmente non disponibile Inserisci la tua email
ti avviseremo quando sarà disponibile


recensioni di Rognoni, F. L'Indice del 2000, n. 04

Nella tradizione di certo Conrad, certo Hemingway, o di Graham Greene o Le Carré, lo statunitense Robert Stone (è nato a Brooklyn nel 1937) scrive libri d'avventura, o meglio d'azione, per adulti. Dove non s'intenda, come d'un "film per adulti", la scabrosità: quanto il momento della scelta morale, che per Stone è sempre il cardine del romanzo - anche se si è nella giungla, o su un mare in tempesta, e attorno fischiano pallottole, o scoppiano le bombe. Insomma, un'ostinata volontà di introspezione e realismo psicologico, quasi inevitabilmente a scapito della spavalda leggerezza di tanti romanzi d'azione incosciente: che però spesso dà gratificazioni più responsabili, e più solide - se anche talvolta un po' grevi, perché così ponderate.
Questo è senz'altro vero del suo penultimo romanzo, ilmagnifico Outerbridge Reach (1992), storia d'una traversata del mondo in solitaria: dove Stone, senza alcun imbarazzo, allestisce almeno una scena che rivaleggia con le Encantadas di Melville, e un'altra che per intensità drammatica nulla ha da invidiare a quella del suicidio di Decoud nel Nostromo di Conrad. Ed è in effetti cominciando da Outerbridge Reach che, a mio giudizio, conveniva riproporre l'opera di Stone in Italia (un paio di suoi titoli figuravano anni fa nel catalogo della Sperling & Kupfer, decisamente fuori posto): da Outerbridge Reach o dal più antico, violento e appassionante Dog Soldiers (1973), un classico sulla guerra del Vietnam - da cui il notevole Guerrieri dell'Inferno (1978) di Karel Reisz, col giovane Nick Nolte nella parte d'un reduce di guerra coinvolto nel traffico di eroina.
Eroina e droghe varie fanno la loro parte anche in Porta di Damasco, dove certi stati di alterazione mentale - o vera illuminazione - si possono però raggiungere, se non proprio cadendo da cavallo, per vie comunque non solo chimiche. Non per nulla il romanzo è ambientato in Israele, dove, nonostante "seimila anni di sottili speculazioni e scettico umorismo", "un miracolo aveva più valore di un aforisma". Il che spiega la frotta di pellegrini più o meno invasati, nuovi e vecchi messia con tanto d'apostoli e battista al seguito, che regolarmente circolano per i luoghi sacri: è la cosiddetta "sindrome di Gerusalemme", su cui l'apparentemente disincantato Christopher Lucas, giornalista freelance d'origine mista (è il figlio naturale di "un ebreo non praticante" e di "una cattolica sentimentale") vorrebbe scrivere un libro. Niente di più rischioso per un ex-credente come lui, ancora troppo "tentato dalla fede": soprattutto se en route s'innamora della fascinosa cantante jazz e mezzosangue sufi Sonia Barnes (sì! Barnes come il Jake Barnes del Sole sorge ancora di Hemingway... è infatti anche Lucas è gran frequentatore di bar, e a letto ha i suoi problemi d'erezione...). Attorno, un cast affollatissimo: decine di personaggi, e che contano due o tre volte tanto, perché nessuno è mai solo quello che sembra, e se non sta facendo consapevolmente il doppio gioco, è solo perché viene manipolato.
Porta di Damasco è opera tanto coraggiosa e ambiziosa quanto probabilmente fallita nel suo complesso: se ne ammirano l'intenzione e (soprattutto a una seconda lettura... ma quanti finiranno la prima?) la precisione documentaria, la coreografia assai movimentata, l'intreccio inestricabile di politica e religione, l'ironia superiore; ma è tuttavia faticosa, verbosa, enfatica nei suoi crescendo, poi troppo ellittica, solo allusiva nel denouement. Una bomba preparata con tutti i crismi, ma che non scoppia, verrebbe da dire... e non dico di più, perché - a dispetto della serietà, e dell'ampiezza dei riferimenti, da Pound a Pascal, da T.S. Eliot a Simone Weil (fosse in Israele adesso, la Weil "[s]arebbe andata a vivere a Gaza, scandalizzando tutti") - il romanzo resta essenzialmente un thriller, e non vale rivelarne il finale, neanche in metafora.