Editore: Il Mulino
Collana: Studi e ricerche
Anno edizione: 2007
In commercio dal: 4 ottobre 2007
Pagine: 369 p., Brossura
  • EAN: 9788815120267
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Usato su Libraccio.it - € 14,58

€ 14,58

€ 27,00

15 punti Premium

€ 22,95

€ 27,00

Risparmi € 4,05 (15%)

Venduto e spedito da IBS

Nuovo - attualmente non disponibile
 
 
 

Il modello di partito rigidamente frazionato in correnti ha improntato di sé con effetti tanto incisivi la Dc che, alla sua dissoluzione, si è andata formando una costellazione di raggruppamenti – piccoli partiti o più strutturate formazioni – nei quali i legami di appartenenza sono proseguiti con insospettabile tenacia. Adottando la proposta metodologica di Robert Harmel, ma intrecciando diverse angolazioni di indagine, Baccetti esplora la disintegrazione dell'universo democristiano: eccezionale esempio di "mutamento organizzativo discontinuo stimolato da agenti sia interni che esterni". A partire dalla Dc di Martinazzoli sono state una quindicina le sigle emerse, talune per designare microformazioni ultrapersonalizzate, altre per etichettare partiti di ragguardevoli dimensioni. Alla base di questa diaspora sta anzitutto una caparbia volontà di affermazione del ceto politico: "L'occupazione delle cariche pubbliche sembra essere l'obiettivo mobilitante principale di chi svolge lavoro di partito e rappresenta anche – insieme al finanziamento pubblico – un'importante fonte di finanziamento delle attività del partito e dei singoli esponenti". La dura osservazione non è la sola che scaturisce da un'analisi realistica. Che conduce l'autore a intravedere un futuro non roseo per il Pd. La "dote" delle agguerrite correnti è un'"eredità negativa". L'indubbia spinta rinnovatrice delle primarie di per sé non è riuscita a conferire alla leadership del nuovo partito un'autorità tale da "evitare una riproduzione dello status quo correntizio". Il Pd, anzi, potrebbe essere contagiato da vizi tanto pervicaci, sì da introiettarne diffusamente pratiche e dinamiche. Non a torto "la componente ulivista-prodiana della Margherita e i gruppi di intellettuali 'esterni' autocoinvolti nel processo costituente sostengono che ereditare la forma partito di correnti sarebbe esiziale per il Pd". Roberto Barzanti