Potere assoluto

Absolute Power

Con la tua recensione raccogli punti Premium
Titolo originale: Absolute Power
Paese: Stati Uniti
Anno: 1997
Supporto: DVD
Salvato in 17 liste dei desideri

€ 4,25

Venduto e spedito da Digital24

+ 5,99 € Spese di spedizione

Quantità:
DVD
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Attraverso un finto specchio, un professionista del furto, assiste all'omicidio, da parte delle guardie del corpo, dell'amante del presidente degli Stati Uniti.
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

4
di 5
Totale 8
5
3
4
3
3
1
2
1
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    Maury

    01/08/2019 20:55:45

    Classicone di Clint Eastwood da vedere assolutamente!

  • User Icon

    Pasquale

    20/02/2015 15:31:37

    La storia anche di questo film è stata molto raffinata, i film di Clint sono sempre i migliori e anche per questo sarà ricordato.

  • User Icon

    Mario

    18/02/2006 22:42:30

    Da grandissimo appassionato di Clint, devo ammettere di non aver apprezzato molto questo film. L'ho trovato fiacco, quasi senza una trama... E poi ho avuto l'impressione che Clint si veda molto poco, e da quel poco non è riuscito a tirare fuori nulla di eccezionale. Una occasione mancata. Peccato.

  • User Icon

    Beppe il Brema

    10/02/2006 17:41:14

    Quando c'è di mezzo il potere, qualsiasi cosa, per sporca che sia, viene cinicamente usata per difenderlo, non importa chi si calpesta, chi si calunnia, chi si umilia. l'uomo o gli uomini che sono al potere a qualsiasi costo non vogliono, non possono mollarlo. Ecco il vero messaggio del film, tutto il resto è contorno, corollario; ne abbiamo un esempio tutti i giorni in questo periodo elettorale.

  • User Icon

    luca

    03/02/2006 17:22:44

    l'otttimo ATTORE-regista Eastwood ci propone un film davvero tagliente, ke porta nelle nostre case una realtà ke spesso si dimentica: l'ipocrisia di quei massimi esponenti del governo. nn a caso ampi spazi iniziali vengono dedicati alla fase dell'assassinio e a quella della camuffata, infatti attraverso questo ritmo lento il regista vuol far meglio incarnare la meskinità e l'ipocrisia del presidente e dei suoi complici. la parte finale, dedicata alla vendetta, e alla giustizia personale è pressocchè a ritmo veloce, quasi come se nn si voglia entrare nei dettagli sanguinosi, a differenza degli altri atti, ai quali il regista-attore, anche cn alcune sue drammatike espressioni nella sceneggiatura, nn kiude neppure un okkio. gli ultimi dettagli sanguinosi è come se fossero giustificati. inoltre sempre le ultime scene assumono un tono, un scenografia anke un po paradossale, in quanto il marito dell'uccisa,senza nemmeno verificare le prove, crede, un pò troppo sulla fiducia, alle parole dell'abile ladro clint eastwood..un pò improbabile cm cosa..ma poco importa.. COMPLIMENTI X IL FILM

  • User Icon

    joker

    02/04/2005 11:58:26

    come thriller e' bello, infatti insieme a fino a provba contraria o mezzanotte nel giardino del bene e del male, mi sono piaciuti di piu' sul piu' moderno debito di sangue. clint eastwood sa architettare i thriller, pero' e' un po' lentuccio.

  • User Icon

    Antonio

    08/11/2004 18:45:46

    Fabrizio ma che dici!! Solo perchè c'è il mitico Clint il film è ottimo! Film ottimo...complimenti!

  • User Icon

    Fabrizio

    15/07/2004 15:04:12

    Deludente, chissa' cosa vi aspettate, ma non e' cosi'. Non c'e' thriller, non c'e' umorismo, e' uno dei peggiori. Clint minaccia a Hackman di parlare, ma con Harris non parla e per tutto il film si va avanti cosi'. L' unica scena bella e' quando Clint cerca di farsi credere dalla figlia seduti al bar e c'e' Harris a un angolo che lo vuole prendere e due cecchini di Hackman che lo vogliono uccidere, e lui per magia scampa a tutti e due.

Vedi tutte le 8 recensioni cliente

Thriller politico diretto e interpretato da Clint Eastwood

Trama
Al presidente degli Stati Uniti non basta portarsi a letto la moglie del suo migliore amico e sostenitore, ma la picchia. Le guardie del corpo uccidono la donna prima che sia lei a uccidere il presidente. Da una cabina-armadio, attraverso uno specchio-spia, Luther Whitney, professionista del furto, assiste al fattaccio e fugge. Comincia la caccia al ladro.

  • Produzione: Warner Home Video, 2000
  • Distribuzione: Videodelta
  • Durata: 121 min
  • Lingua audio: Inglese (Dolby Digital 5.1);Francese (Dolby Digital 5.1);Italiano (Dolby Digital 5.1)
  • Lingua sottotitoli: Inglese; Francese; Italiano; Olandese; Arabo; Spagnolo; Portoghese; Tedesco; Rumeno; Bulgaro
  • Formato Schermo: 2,35:1
  • Area2
  • Clint Eastwood Cover

    È un regista, produttore cinematografico, attore e politico statunitense. Ha iniziato la sua carriera nel 1955 quando ha debuttato sul grande schermo, ma il vero successo arriva quando viene ingaggiato per recitare nella trilogia composta da: Per un pugno di dollari,  Per qualche dollaro in più e Il buono, il brutto, il cattivo. Nel corso della sua vita ha vinto molti premi tra cui due Premi Oscar, sei Golden Globe e quattro David di Donatello. Approfondisci
  • Clint Eastwood Cover

    È un regista, produttore cinematografico, attore e politico statunitense. Ha iniziato la sua carriera nel 1955 quando ha debuttato sul grande schermo, ma il vero successo arriva quando viene ingaggiato per recitare nella trilogia composta da: Per un pugno di dollari,  Per qualche dollaro in più e Il buono, il brutto, il cattivo. Nel corso della sua vita ha vinto molti premi tra cui due Premi Oscar, sei Golden Globe e quattro David di Donatello. Approfondisci
  • Gene Hackman Cover

    Propr. Eugene Alden H., attore statunitense. A sedici anni si arruola nei marines e al termine della ferma si stabilisce a New York, dove studia giornalismo. Già trentenne e con svariate esperienze lavorative alle spalle, frequenta una scuola di recitazione e in seguito è ingaggiato stabilmente a Broadway. Inizia a muovere i primi passi nel cinema degli anni '60 e durante le riprese di Lilith, la dea dell'amore (1964) di R. Rossen conosce W. Beatty, che lo segnala ad A. Penn per il ruolo del fratello di Clyde Barrow nell'epocale Gangster Story (1967). La popolarità e l'Oscar arrivano nel 1971 con Il braccio violento della legge di W. Friedkin. Questa e molte delle successive interpretazioni – da Mississippi Burning (1988) di A. Parker a Get Shorty (1995) di B. Sonnenfeld, fino a Nemico pubblico... Approfondisci
Questo prodotto lo trovi anche in:
Note legali