The Practice and Theory of Bolshevism

The Practice and Theory of Bolshevism

Bertrand Russell

0 recensioni
Con la tua recensione raccogli punti Premium
Formato: EPUB
Testo in en
Cloud: Scopri di più
Compatibilità: Tutti i dispositivi (eccetto Kindle) Scopri di più
Dimensioni: 218,83 KB
  • EAN: 9788832549102
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

€ 0,99

Punti Premium: 1

Venduto e spedito da IBS

EBOOK INGLESE
Aggiungi al carrello
spinner
Fai un regalo
spinner

non è possibile acquistare ebook su dispositivi Apple. Puoi comunque aggiungerli alla wishlist

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

The Practice and Theory of Bolshevism is Bertrand Russell's critique of the Communist system he witnessed in the Soviet Union. Russell, a proponent of Communist ideals, believed that the future happiness of humanity depended upon restructuring the way production and business was run. The Bolsheviks, however, pursued their goals with an iron fist rather than with a free and idealistic hope that nurtured the individual. Russell was also staunchly opposed to the way that Bolshevism saw itself as a religion, with practices and beliefs that could brook no doubt. This, he determined, was no better than the Catholic Church, which he opposed. Anyone with an interest in Communism and the Soviet Union will find this a deeply thoughtful book.
  • Bertrand Russell Cover

    Filosofo, logico, matematico, attivista e saggista gallese.Bertrand Russelle è stato anche un autorevolissimo esponente del movimento pacifista, oltre che un divulgatore della filosofia. In molti, soprattutto nella seconda metà del novecento, hanno guardato a Russell come a un laico profeta della vita creativa e alfiere delle virtù della ragione; al tempo stesso la sua posizione su molte questioni fu oggetto di controversie e discussioni.Laureato in filosofia a Cambridge, fu lettore presso la stessa università dal 1910 al 1916, finché fu rimosso dall’incarico per aver preso posizione pubblicamente, durante la guerra, sula coscrizione obbligatoria, alla quale era contrario. Per le medesime ragioni dovette affrontare sei mesi di carcere nel 1918.... Approfondisci
Note legali