Il prigioniero della notte

Federico Inverni

Editore: TEA
Anno edizione: 2017
Formato: Tascabile
In commercio dal: 29 giugno 2017
Pagine: 480 p., Brossura
  • EAN: 9788850245819
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:
Usato su Libraccio.it - € 5,34
Descrizione
Sai vivere nell'oscurità. Sai cogliere l'impercettibile. Sai intuire dove si nasconde il male. Ma tu non puoi nasconderti
La mente è la vera scena del crimine, la mente è la vera arma del delitto. Un viaggio terrificante nella mente di un uomo devastato dal male


Lucas è un detective. Nel suo presente gli sono rimasti solo il nome e il lavoro. Il suo passato è una ferita sempre aperta da quando un evento sconvolgente ha segnato la sua vita... e la sua mente. Come un automa attraversa i delitti su cui è chiamato a investigare, mettendo al servizio della giustizia il suo intuito straordinario, quasi visionario, e la sua sensibilità persino eccessiva. Fino a quando viene coinvolto suo malgrado in un caso diverso da tutti gli altri: una giovane donna trovata morta con il terrore negli occhi e nessun segno di violenza apparente. Lucas sa che il colpevole è un assassino seriale e ne ha conferma da Anna, psichiatra profiler, abituata a scandagliare il male in tutte le sue forme, da quando lei stessa, da ragazza, ha vissuto un'esperienza traumatizzante. Lucas e Anna annaspano in un labirinto di follia in cui i ricordi del loro passato, tenuti troppo a lungo sepolti, riemergono taglienti come vetri rotti in un'indagine che li coinvolge da vicino, lasciandoli devastati di fronte a una verità impensabile.

€ 8,42

€ 9,90

Risparmi € 1,48 (15%)

Venduto e spedito da IBS

8 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:
 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    nicola

    06/11/2018 19:27:41

    Romanzo scorrevole e dalla trama avvincente. Davvero un bel thriller. Consigliato!

  • User Icon

    Mary

    03/11/2018 19:57:40

    Concordo con chi afferma che qualche passo del romanzo appare un po' forzato ma nel complesso un ottimo esordio.

  • User Icon

    anna

    23/09/2018 15:08:42

    Lucas è un detective molto bravo tanto da essere impiegato solo nei casi più difficili. Dopo una giornata di lavoro infernale, si ritrova, suo malgrado, a dover seguire il caso di un serial killer con la profiler Anna Wayne. Da questo momento in poi, la trama si dipana in un susseguirsi di rivelazioni e svolte imprevedibili. La sensazione costante è che mentre la storia sta prendendo una certa piega, all'improvviso, succede qualcosa che porta il lettore in un'altra direzione. Lo stile è coinvolgente, scorrevole e ricco di suspense. Per non parlare dell'originalità e dell'ottima introspezione psicologica dei due protagonisti. Le vicende si svolgono nell'arco di pochissimi giorni e vengono raccontate principalmente dal loro punto di vista ma con un piccolo particolare: quello di Lucas è in terza persona mentre quello di Anna è in prima. Una scelta inusuale che potrebbe infastidire il lettore, invece non crea alcun problema. Lucas e Anna sono due personaggi molto interessanti. Mi è piaciuto molto il loro modo di rapportarsi. Entrambi hanno un passato doloroso alle spalle e hanno pagato un prezzo per gli errori che hanno commesso. Grandissima cura nelle descrizioni degli ambienti e non solo, ma senza appesantire in alcun modo la lettura.

  • User Icon

    Elena

    19/05/2018 20:22:00

    La trama è originale, anche se Lucas é eccessivo, dotato di facoltà quasi paranormali... Quello che non mi é piaciuto é il modo di scrivere di questo autore; l'ho trovato molto pesante, a volte proprio noioso..Non credo che comprerò altro scritto da lui.

  • User Icon

    PIERO

    08/10/2017 16:40:43

    Avvincente!!. Non sono riuscito a staccare fino a quando non ho finito il libro. Da leggere assolutamente!!

  • User Icon

    Elena

    18/11/2016 11:59:25

    Una sola parola per definire questo libro: WOW! Ottima opera prima di questo scrittore italiano, che non ha niente da invidiare ai colleghi stranieri. Un thriller che ti prende per mano e pagina dopo pagina ti porta verso colpi di scena e ipotesi a cui non penseresti mai, il tutto con una prosa semplice ma coinvolgente. Ad un certo punto sospetti anche di chi avevi considerato insospettabile. Libri come questi sono dei veri thriller, capaci di tenerti incollato alle pagine fino a tarda notte pur di sapere come finisce. Spero che ci saranno altre opere di Inverni, merita davvero. Bravissimo.

  • User Icon

    cantarstorie

    04/10/2016 10:24:52

    Una lettura piacevole, avvincente, non banale. Non è uno dei "soliti" thriller, ha qualcosa che convince e sospinge, nell'attesa delle prossime opere. Bello.

  • User Icon

    Isa

    05/09/2016 18:27:16

    Ho abbandonato la lettura a pag. 164...per me una noia infinita!

  • User Icon

    Fabio

    14/08/2016 16:25:28

    Ottima opera prima di Inverni, con un thriller "all'americana", costituito da una trama avvincente dalla prima all'ultima pagina, usando i classici strumenti della suspance che, pur essendo conosciuti, non risultano scontati o stucchevoli. Interessante il continuo oscillare tra la prima e la terza persona, espeditente intelligente e fondamentale per condire il romanzo di quella prodonfa introspezione psicologica dei protagonisti che lo rende ancora più particolare. Qualche piccola pecca si trova nella costruzione dell'impianto investigativo, più sorretto da inspiegabili intuizioni che da rigorosi passaggi logici; neo, questo, che si riflette nel ritmo del romanzo che, pur essendo veloce, lo è, a tratti... troppo. Alcuni passaggi investigativi sono inspiegabili e la voglia di rendere il testo veloce lo porta a perdere di logicità... Alla fine si è corso leggermente troppo e la soluzione del caso è così sincopata da lasciare il senso di qualcosa di leggermente incompiuto. Interessanti i due protagonisti anche se perennemente vicini al baratro di diventare troppo "macchiette" e scontati stereotipi degli eroi maledetti. Ma, come prima opera, non la si può che promuovere a pieni voti. Consigliato a chi cerca un thriller italiano americano e sconsigliato a chi cerca ironia e leggerezza per passare qualche ora in compagnia di un giallo senza troppe pretese.

  • User Icon

    Davide

    12/07/2016 15:58:31

    Devo dissociarmi da chi ha recensito questo libro prima di me, in quanto non l'ho trovato particolarmente entusiasmante. La trama completamente è forzata, dove i personaggi arrivano alle loro conclusioni comportandosi in maniera del tutto irrazionale, come ad esempio le intuizioni di Lucas, oppure i vari inseguimenti o le fughe dall'ospedale. Sono rimasto con parecchi interrogativi che l'autore non è stato in grado di esaudire. Per quanto riguarda la scrittura invece, non ho niente da dire, il libro si riesce a leggere velocemente. Libro che mi ha lasciato indifferente. Voto 2/5

  • User Icon

    giovanni

    15/06/2016 17:15:29

    Superate le prime 150 pagine, che definirei scontate e banali, il romanzo diventa incalzante ed appassionante fino alla fine, anche se un po' prevedibile Personaggi con un vissuto ed approfondimenti psicologici di buon livello una domanda: perche' il nome dell'autore dovrebbe essere uno pseudonimo?

  • User Icon

    katia

    09/04/2016 17:31:47

    Bel libro, ti costringere a non mollarlo fino alla fine. Suspense e colpi di scena non mancano.Unico neo, per quanto uno possa essere bravo certe intuizioni non si capisce da dove arrivino. Curiosa di sapere chi si nasconde dietro lo pseudonimo dell'autore. Consigliato!

  • User Icon

    Patti

    23/03/2016 19:38:39

    Sono sincera, nella scelta delle letture il thriller non rientra nelle mie priorità, preferendo in prima battuta altri generi letterari. Quando mi è stato consigliato questo libro però mi sono detta: perché no, in fondo mi incuriosiscono gli autori esordienti e poi la trama mi sembra accattivante. Beh, direi che la lettura non mi ha deluso. È un bel romanzo, che ti prende dalla prima all'ultima pagina, che ti induce a tenere sempre alta l'attenzione su quello che via via accade. E non c'è nulla di scontato: quello che nella pagina precedente sembra quasi rasenti l'ovvietà, nella pagina successiva viene rimesso inaspettatamente in discussione, in un susseguirsi di colpi di scena imprevedibili e descrizioni dettagliate e ricche di particolari che ti fanno sentire come dentro ad un film. Interessante anche l'analisi psicologica ed introspettiva dei protagonisti, per i quali non si può non provare empatia, considerato che nelle medesime condizioni potrebbe potenzialmente trovarsi qualsiasi mente umana. Anche la nostra. Da leggere!!

  • User Icon

    Robi

    18/03/2016 18:04:16

    Un gran bel libro complimenti all'autore, spero che prosegua con i thriller.

  • User Icon

    LadyAileen

    06/03/2016 17:06:06

    Era da un po' di tempo che non leggevo un thriller così accattivante. Di solito, ho una predilezione per quelli americani ma sin dalle prime pagine, mi sono subito resa conto che Il prigioniero della notte non aveva niente da invidiare. E' incredibile. Lo stile è coinvolgente, scorrevole e ricco di suspense. Per non parlare dell'originalità e dell'ottima introspezione psicologica dei due protagonisti. Le vicende si svolgono nell'arco di pochissimi giorni e vengono raccontate principalmente dal loro punto di vista ma con un piccolo particolare: quello di Lucas è in terza persona mentre quello di Anna è in prima. Una scelta inusuale che potrebbe infastidire il lettore, invece non crea alcun problema. Lucas e Anna sono due personaggi molto interessanti: Lucas è un uomo indecifrabile, freddo ma ha una logica deduttiva e intuitiva superiore a molti altri detective e per questo molto rispettato. Non prova emozioni ed è incapace di relazionarsi con gli altri. Invece, Anna è una donna determinata, molto coraggiosa nonostante quello che ha vissuto in passato e per questo, si è impegnata tantissimo per diventare una brava profiler. Mi è piaciuto molto il loro modo di rapportarsi. Entrambi hanno un passato doloroso alle spalle e hanno pagato un prezzo per gli errori che hanno commesso. Grandissima cura nelle descrizioni degli ambienti e non solo, ma senza appesantire in alcun modo la lettura. Non mi dispiacerebbe se qualcuno decidesse di farne un film. Intanto, non vedo l'ora che venga pubblicato il prossimo libro di quest'autore. Consigliato!

Vedi tutte le 15 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione