copertina

La prima rappresentazione della Mandragola

Alessandro Parronchi

0 recensioni
Con la tua recensione raccogli punti Premium
Editore: Polistampa
Tipologia: Libro usato vintage
Anno edizione: 1995
Pagine: 132,(2), u p.
  • Prodotto usato
  • Condizioni: Usato - Come Nuovo
  • EAN: 2560028646096

€ 7,00

Venduto e spedito da Firenze Libri

Solo 3 prodotti disponibili

+ 5,00 € Spese di spedizione

prodotto usato
Quantità:
LIBRO VINTAGE
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Firenze, Edizioni Polistampa 1995, cm.23,5x22,5, pp.132,(2), una tav. a col. al'antip., br., cop.fig. a colori.. L’Autore scrive nella prefazione: «Da nessun punto delle Opere risulta un particolare interesse del Machiavelli per le arti figurative... Quando però si rappresentarono la Mandragola e la Clizia, alcuni artisti furono incaricati di preparare i modelli per le scene e di curarne l’esecuzione. Ecco dunque anche un legame di Machiavelli con l’arte figurativa, ed ecco perché un volumetto che si occupa del Machiavelli autore di teatro può apparire provvisto di illustrazioni. Partì il mio studio del ’62, che qui ripubblico aumentato di alcune appendici, dall’idea di aver ravvisato tra i dipinti ancor oggi esistenti il “modello” che servì a preparare la scena della Mandragola. Il resto venne come conseguenza, per la necessità di non lasciare senza seguito d’indagine nessun ramo dello sviluppo... Che questa poi sia risultata una proposta a dir poco scandalosa, non meno di quella d’aver trovato che alla Mandragola era sottesa una allegoria politica neppur troppo velata, era da aspettarselo. Ma per quanto riguarda l’allegoria, la datazione esatta ed altri rilievi “letterari” della vicenda ricostruita, qualche consenso ho ottenuto».
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

  • Alessandro Parronchi Cover

    (Firenze 1914-2007) poeta e critico d’arte italiano. I suoi versi continuano l’ermetismo in chiave intimista e, nelle raccolte del dopoguerra, approdano a modi decisamente narrativi: I giorni sensibili (1941), I visi (1943), Un’attesa (1949), L’incertezza amorosa (1952), Per strade di bosco e città (1954), Coraggio di vivere (1956), L’apparenza non inganna (1966), Pietà dell’atmosfera (1970), Replay (1980). Tra le raccolte più recenti si ricordano: Climax (1990), Nuovo cammino (1994), Esilio (2003). Ha tradotto Mallarmé, Rimbaud, Nerval; una raccolta di saggi letterari è Il computer e altri studi leopardiani (1994). Nel 2004 è stato pubblicato Un tacito mistero. Il carteggio Alessandro Parronchi-Vittorio Sereni, 1941-1982. Approfondisci
Note legali