I primi viaggi di Andy Catlett

Wendell Berry

Traduttore: V. Perna
Editore: Lindau
Collana: Senza frontiere
Anno edizione: 2018
In commercio dal: 12 aprile 2018
Pagine: 144 p., Brossura
  • EAN: 9788867089154

€ 11,05

€ 13,00

Risparmi € 1,95 (15%)

Venduto e spedito da IBS

11 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:
 
 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    luciano

    01/05/2018 13:57:10

    Andy Catlett, ormai vecchio, ci racconta di quando, a nove anni, si recò, da solo, in autobus, da Hargrave, dove abitava con i genitori e il fratello Henry, a Port William, per trascorrere alcuni giorni con i nonni sia paterni che materni. Hargrave e Port William sono nel Kentucky e distano, tra di loro, appena dieci miglia. Per Andy quel breve viaggio finì per essere una pietra miliare nella sua formazione. Quando lo compì era da poco passato il Natale del 1943, "un anno crudele e funesto; in Europa c'era la guerra. Durante quei giorni, trascorsi dai nonni, non successe nulla di eccezionale, c'era il trascorrere quieto della vita quotidiana: la nonna che faceva le frittelle e la torta di more e che non lesinava nello zucchero, che era razionato per via della guerra, c'erano le mucche da mungere, il freddo pungente, il tepore della stufa a legna, le chiacchierate di un pugno di operai che lavoravano il tabacco, i perdigiorno di Port William che oziavano dal barbiere, la pace della vita familiare, il problema razziale sullo sfondo...In questa serena quotidianità, nel cuore del fanciullo Andy, germogliarono i grandi temi che attengono all'uomo: la vecchiaia, la morte, la guerra, la dignità dei doveri quotidiani, il rispetto per gli altri, l'amore per la natura... Adesso, che Andy è vecchio, rivede il nonno, che seduto sulla sua sedia a dondolo, vicino alla stufa, rifletteva. Ora Andy, che è avanti con gli anni, sa su cosa riflettesse il nonno e dice: "Sono diventato vecchio per capire quali fossero i suoi pensieri. Pensava a tutto quel tempo, che quand'era ragazzo doveva essergli sembrato un'eternità e che adesso sembrava così poca cosa. Pensava alle persone che ricordava, ormai morte, a quelle che erano arrivate e se n'erano andate prima che lui nascesse, e a quelle che sarebbero arrivate e se ne sarebbero andate dopo di lui, e al posto che occupava in quel lungo corteo..."

Scrivi una recensione