Il principe Lestat. Le cronache dei vampiri

Anne Rice

Traduttore: S. Caraffini
Editore: TEA
Collana: Teadue
Anno edizione: 2016
Formato: Tascabile
In commercio dal: 25 agosto 2016
Pagine: 560 p., Brossura
  • EAN: 9788850243907
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:
Descrizione
Dolenti e magnifici, specchio oscuro delle nostre più ancestrali paure e del nostro eterno e inappagabile desiderio di immortalità, i vampiri sono tra noi. Vittime delle loro passioni, si muovono seduttivi e terribili nel mondo di oggi come in quello di ieri, scavalcando le ere e i confini geografici nello spazio di un giorno, pronti a scatenare le antiche e potenti forze della notte sul mondo ignaro, pronti a succhiare il sangue umano per vivere... Se può essere considerata vita la loro eterna dannazione. Ma ora qualcuno (qualcosa?) sta colpendo il mondo cristallizzato e terribile dei Non Morti. Da Parigi a Mumbai, da Hong Kong a Kyoto a San Francisco, una Voce misteriosa spinge i Bevitori di Sangue a combattersi tra loro, e sembra essere tornato il tempo dei Grandi Roghi. Anche il Principe Lestat la sente sussurrare e piangere nella propria mente... Che cosa vuole la Voce? Come potrà la tribù dei Non Morti sconfiggere questa forza immane che ha gettato tutti nel panico? Con la sua scrittura immaginifica, visionaria e sontuosa, Anne Rice torna al mondo affascinante dei vampiri, intrecciando le storie dei suoi personaggi più amati: il bellissimo Armand, Mekare e Maharet, Pandora e Flavius, e ancora David Talbot, generale superiore del Talamasca, mentre su tutti domina, pericoloso e ribelle, l'abbagliante principe Lestat, forse unica speranza di salvezza per i Non Morti...

€ 9,35

€ 11,00

Risparmi € 1,65 (15%)

Venduto e spedito da IBS

9 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:
 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Maria Rita

    19/09/2018 13:51:56

    Un Anne Rice ancora al top. In questo libro si chiudono alcune parentesi senza risparmiare qualche novità.

  • User Icon

    rosa elena

    03/12/2016 10:47:15

    Da amante delle Cronache stronco con dolore questo libro da cui mi aspettavo molto. Personaggi svuotati, ridotti a sagome patinate di bei vestiti, begli hotel, bei capelli; trama insulsa e pretestuosa, infarcita di tutto quanto mancava nella saga vampiresca più originale di sempre, quasi che l'Autrice abbia messo la spunta a ciò che mancava nel campionario lestatiano, magari ispirata (orrore) a Stephanie Meyer - addirittura un figlio, concepito in vitro nel siparietto più trash di sempre. Qui i vampiri, semplicemente, si incontrano e parlano, parlano e si incontrano, mentre una Voce annienta le nuove leve e i vecchi parlano, parlano e parlano per indovinare cosa mai accada, e ovviamente scelgono sempre suites di lusso per farlo... Ma il peggio è Lestat: un ribelle combinaguai, eletto da tutti come capo indiscusso? Un eroe pronto alla lotta, che però trova sempre il modo e il tempo di pettinarsi i bei capelli e indossare abiti di lusso? Un perverso bevitore di sangue che aveva vampirizzato una bambina nel Settecento, ma che ora alleva nel lusso una giovane mielosa e stupida, tutto preso dal voler conservare la sua umanità, il suo essere donna? Essere donna, badate, che la diretta interessata baratta senza remore in cambio di una pelle d'alabastro e di un fare algido, e di bei vestiti bei capelli begli hotel in cui incontrarsi a parlare, parlare e ancora parlare - ah, no, scusate, anche ballare. La vita umana, per Anne Rice, vale davvero così poco? Questo, in ultimo, il senso del libro. Sinceramente si poteva, poi, ritrovare spunti più semplici e meno ridicoli di una voce schizofrenica, per richiamare alla vita i vecchi personaggi delle Cronache. Se avete amato i libri di Anne Rice, fermatevi e non leggete questo.

  • User Icon

    Marcello

    22/02/2015 09:16:53

    Ho appena finito di leggere questo libro, La Rice torna con le cronache dei vampiri dopo tantissimi anni, ed io non potevo mancare essendo un suo assiduo lettore, il libro è scritto bene e scorre che è una meraviglia, molti personaggi quasi "dimenticati" tornano alla luce, su alcuni sono stato contento di sapere che fine avevano fatto come lo schiavo di Pandora Flavius, la bella cortigiana Bianca ed altri, il libro è stupendo! non ho dato 5 stelle solo perchè la rice ha dato poco spazio al mio personaggio preferito l'amata Gabrielle de Lioncourt e per il finale che mi aspettavo più sanguinaro

  • User Icon

    Viktor

    05/12/2014 13:13:49

    Temevo che dopo tutti questi anni la Rice non sapesse risintonizzarsi con le voci delle magnifiche creature da lei create, ma sbagliavo. Il romanzo è un bellissimo sequel di quel capolavoro che era "La Regina dei dannati", consigliato.

Vedi tutte le 4 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione