Principî e voti. La Corte costituzionale e la politica

Gustavo Zagrebelsky

Editore: Einaudi
Collana: Vele
Anno edizione: 2005
In commercio dal: 15 novembre 2005
Pagine: 131 p., Brossura
  • EAN: 9788806178277

60° nella classifica Bestseller di IBS Libri - Economia e diritto - Giurisprudenza generale

pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Disponibile anche in altri formati:
Usato su Libraccio.it - € 5,40
Descrizione
"Non seguirai la maggioranza per agire male" è l'ammonimento che viene dall'Esodo ai giudici di ogni tempo. Ed è il precetto che meglio ci introduce alle funzioni della Corte costituzionale. Suprema istituzione non elettiva, la Corte protegge la repubblica limitando la mera quantità della democrazia per preservarne la qualità, contro la degenerazione democratica in regime della maggioranza irresponsabile. La funzione dei giudici costituzionali è dunque altamente politica, pur senza appartenere alla politica. Essi sono chiamati a difendere i principi della convivenza contro la divisione e a diffondere il "bisogno di costituzione" contro la tentazione di fare della materia costituzionale un campo di sopraffazione della maggioranza sulla minoranza.

€ 5,40

€ 10,00

5 punti Premium

€ 8,50

€ 10,00

Risparmi € 1,50 (15%)

Venduto e spedito da IBS

Nuovo - attualmente non disponibile
 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    andreab

    12/01/2010 10:28:58

    Utile e agile libretto per capire funzioni e spirito di una delle principali istituzioni di garanzia del nostro paese, la Corte Costituzionale. Allo stesso tempo un bel richiamo ai valori di una politica veramente al servizio dei cittadini, in nome del bene comune e della giusta divisione tra ruoli e competenze. Senza annoiare, l'autore ha il pregio di spiegare bene principii e sfumature che non sempre si colgono dalla lettura dei giornali ma che sono utilissimi per essere cittadini informati e consapevoli di cosa capita (o dovrebbe capitare) in un'Italia purtroppo sempre più nevrotica. Per chi ama la politica ma anche per chi pensa che ci vorrebbe più "civiltà".

Scrivi una recensione