Chiudi

Siamo spiacenti si è verificato un errore imprevisto, la preghiamo di riprovare.

Principj di Architettura Civile - Francesco Milizia - ebook

Principj di Architettura Civile

Francesco Milizia

0 recensioni
Con la tua recensione raccogli punti Premium
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente
Editore: Forgotten Books
Testo in italiano
Cloud: Scopri di più
Compatibilità: Tutti i dispositivi (eccetto Kindle) Scopri di più
Dimensioni: 16,78 MB
  • EAN: 9780259697916
Salvato in 1 lista dei desideri

€ 8,85

Punti Premium: 9

Venduto e spedito da IBS

spinner

Scaricabile subito

EBOOK

Compatibile con tutti i dispositivi, eccetto Kindle

Cloud: Sì Scopri di più

Aggiungi al carrello
spinner
Fai un regalo
spinner

non è possibile acquistare ebook su dispositivi Apple. Puoi comunque aggiungerli alla wishlist

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Non si danno che tre specie di Ordini, perché non si danno che tre maniere di fabbricare; cioè Soda, Mezzana e Delicata. Alla maniera Soda convieu la semplicità, alla Mezzana la gentilezza ed alla Deli (ata la ricchezza delle parti, e degli ornati. Tre sono dunque gli Ordini corrispondenti a queste maniere: il primo è detto Dorico, rappresentante un aspetto robu sto e semplice; l'altro fonico di comparsa gentile; e il terzo Corintio, più svelto, e più adorno di tutti.
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

  • Francesco Milizia Cover

    (Oria, Brindisi, 1725 - Roma 1798) critico e teorico d’arte italiano. Di formazione illuministica, fu uno dei maggiori teorici dell’arte neoclassica. Nel 1768 pubblicò le Vite de’ più celebri architetti d’ogni nazione e d’ogni tempo, cui seguirono i trattati Del teatro (1773), Principi di architettura civile (1781), Dell’arte di vedere nelle belle arti del disegno (1781), Dizionario delle belle arti del disegno (1787). Approfondisci
Note legali
Chiudi