Prisoners

Con la tua recensione raccogli punti Premium
Paese: Stati Uniti
Anno: 2013
Supporto: DVD
Vietato ai minori di 14 anni
Salvato in 39 liste dei desideri

€ 9,99

Punti Premium: 10

Venduto e spedito da IBS

Quantità:
DVD

Altri venditori

Mostra tutti (5 offerte da 3,74 €)

Keller Dover si trova ad affrontare il peggiore incubo per un genitore. Sua figlia di sei anni, Anna, scompare insieme alla sua amica Joy e mentre i minuti diventano ore, il panico prende il sopravvento. A capo dell'investigazione c'è il detective Loki che arresta il proprietario di un camper sospetto. Tuttavia, la mancanza di prove lo costringe al suo rilascio. Mentre la polizia segue diverse piste, la pressione cresce e sapendo che è in gioco la vita di sua figlia, Dover, ormai fuori di sé, decide di non avere altra scelta che quella di prendere in mano la situazione.
4,83
di 5
Totale 12
5
10
4
2
3
0
2
0
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    Aldo

    17/05/2020 12:56:37

    Ragazzi uno dei migliori thriller degli ultimi anni.. Riesce a lasciarti fino all'ultimo senza respiro e, valutando quanto dura, non è cosa da poco. Bellissima sceneggiatura, attori superbi, ambientazione perfetta.

  • User Icon

    Musa

    17/05/2020 09:33:58

    Uno dei più bei thriller dell'ultimo decennio. Più che sul mistero in sé, il focus è su cosa un genitore che ha perso un figlio è disposto a fare pur di riaverlo con sé. Nota di menzione speciale a Paul Dano che offre una interpretazione silente quanto potente.

  • User Icon

    valerio

    15/05/2020 13:56:37

    Un thriller coinvolgente firmato Villenueve e con due protagonisti eccezionali

  • User Icon

    Generoso

    27/11/2019 16:30:56

    Voto 8.7 Tanto di cappello per questo grande film. Più lo rivedo, e più mi piace. La storia base, forse è già vista, ma davvero il film si evolve in un modo spettacolare. Le ambientazioni sono fantastiche, tra le mie preferite in assoluto. Hugh Jackman e Jake Gyllenhaal sono stati bravissimi, è grazie alla loro interpretazione che questo film è così bello. Penso che questo sia uno dei thriller meglio realizzati negli ultimi dieci anni. Tiene gli occhi dello spettatore incollati allo schermo, e più si va avanti, più si vuole sapere il resto della storia e come andrà a finire. La pellicola, inoltre, è piena di colpi di scena, e man mano si scoprono sempre più indizi, rendendo anche in un modo, protagonista lo spettatore che prova a farsi le sue teorie. Il ritmo non è veloce, però, i tanti colpi di scena non lo rendono affatto lento. Il finale è eccezionale, davvero unico. Super consigliato per gli amanti di thriller e ambientazioni americane di periferia. Consiglio la visione a tutti, avvertendo, però, che è un film al quale si deve prestare attenzione perché fornisce molti indizi.

  • User Icon

    ciro andreotti

    05/10/2019 15:51:50

    La vita di due famiglie viene sconvolta quando, durante il pranzo per la festa del ringraziamento, le loro figlie più piccole scompaiono senza lasciar traccia. A capo delle indagini arriva l’esperto di rapimenti detective Loki e immediatamente i sospetti convergono su Alex, un ragazzo con problemi mentali. Hugh Jackman e Jake Gyllenhaal a capi opposti di un tavolo a litigare contro il tempo che potrebbe fare ritrovare morta la figlia del primo. Il Detective Loki (Gyllenhaal) si misura con sensi di colpa e un’insonnia che pare non dargli tregua, mentre il franco - canadese Villeneuve firma un thriller piscologico che pare un inno al monicelliano “Un borghese piccolo piccolo”, con Jackman a fare il verso ad Alberto Sordi, padre, vedovo e in cerca di vendetta. Il tema dominante, per quanto trattato in altre pellicole, Mystic River e il Silenzio degli innocenti per citare i primi facili esempi, è il desiderio di narrare le fragili sicurezze nei quali si muove la società USA, fatte di tradizioni consumate all’ombra di un focolare che può, anche in seno alle piccole comunità rurali, celare orrori insospettabili. La fotografia di un paesaggio livido e battuto da una pioggia incessante rende ancora più lugubre lo scandirsi lento dei minuti e delle decisioni dalle quali possono dipendere la sopravvivenza delle due vittime. Paul Dano aggiunge alle prove dei due protagonisti - particolarmente calzante quella di Gyllenhaal nella parte di un poliziotto esperto e comprensivo, per il quale il bene delle vittime e dei famigliari è supremo - quella di un uomo fuori dal tempo, disadattato e quindi facilmente sospettabile. Così come il premio Oscar Viola Davis nella parte di una madre ferita e altrettanto disperata. Due ore e mezza che trascorrono nella verde campagna della Pennsylvania alla ricerca di una soluzione che giungerà quasi a tempo scaduto e con il medesimo suono di un pugno al centro dello stomaco.

  • User Icon

    Andrea Morello

    11/03/2019 19:33:38

    Uno dei migliori thriller degli anni 2000. Un concentrato di adrenalina e tensione che ti tiene incollato allo schermo. Attori a livelli altissimi. Assolutamente da non perdere

  • User Icon

    SIRO

    29/07/2017 07:18:23

    SEMPLICEMENTE UN GRANDE FILM BEN RECITATO E CON UNA BELLISSIMA TRAMA

  • User Icon

    Ernesto

    07/06/2016 16:12:05

    Nulla da aggiungere a quel che è già stato detto. Ci si chiede solo perchè una volta scoperta la verità, Keller non abbia giocato l'unica carta a suo favore, dicendo a Holly che suo nipote Alex era nelle sue mani, anche se poi ignaro di quanto era successo non era piu così. Ma questo è solo un piccolo trascurabile dettaglio.

  • User Icon

    GIANLUCA

    15/03/2015 19:22:05

    Thriller spiazzante e destabilizzante, in cui il disvelamento del colpevole è accompagnato da un percorso atroce nella violenza nascosta in ciascuno di noi. Film strepitoso nel quale tutte gli attori sono straordinari, ma soprattutto Jake Gyllenhal, intenso e magnetico.

  • User Icon

    Mr Gaglia

    08/07/2014 14:02:27

    Bellissimo e teso; spettacolo adrenalinico. Prisoners ha tutti gli ingredienti necessari per essere uno dei film thriller tra i più riusciti degli ultimi anni. La pellicola è permeata da una sensazione di tensione ed inquietudine dal primo all'ultimo fotogramma. La durata non deve spaventare: nonostante i 150 minuti (circa) non ci si annoia affatto e si resta col fiato sospeso per riuscire a capire come andrà a finire. La regia è molto accurata e gli attori sono tutti a proprio agio nelle rispettive parti. Soprattutto Jake Gyllenhaal; devo dire che secondo il mio punto di vista è migliorato tantissimo e ci offre un'interpretazione magistrale. Anche Hugh Jackman è perfetto nel ruolo del padre disperato e dimostra di saperci fare anche nel campo drammatico e non soltanto nell'action. Poi il titolo, mai più azzeccato: tutti i protagonisti (metaforicamente o realmente) sono prigionieri e si è condotti a riflettere sul libero arbitrio e fino a quanto una persona è disposta a spingersi per perorare la propria causa. Ma il nodo centrale di questa bellissima opera è il dolore: il dolore che ogni persona si porta dentro. Forse per questo motivo alla fine del film anche la Zia si rivela meno "antipatica". Non aggiungo altro per non svelare retroscena che debbono essere gustati davanti ad un bel 50''.

  • User Icon

    chiara

    11/05/2014 11:24:43

    E' un film bellissimo, ma cavolo che paura che fà...Il finale però francamente non me lo aspettavo così...Comunque un film veramente bello..

  • User Icon

    Marco

    10/03/2014 19:41:35

    Sicuramente il migliore thriller del 2013. Poco conosciuto, merita di essere visto. Realizzato in modo travagliato, all'inizio gli attori principali dovevano essere Mark Wahlberg e Christian Bale e anche Leonardo di Caprio,come regista fù scelto Bryan Singer ma poi si cambiò. Venne scelto sucessivamente Hugh Jackman che all'inizio riufiutò, ma poi accettò il ruolo di attore principale. Finale sorprendente che a molti non piacerà. Grande cinema *****

Vedi tutte le 12 recensioni cliente

Amara parabola di una nazione che ha perso la fede e in cui il caos domina sull'ordine

Trama
Nella (apparentemente) tranquilla provincia americana due bambine di sei e sette anni, Anna ed Eliza, escono a giocare insieme e svaniscono senza lasciare traccia. I genitori, fra di loro amici, reagiscono nei modi più disparati (e disperati): Keller, il padre della piccola Anna, comincia una caccia all'uomo senza esclusione di colpi, mentre sua moglie Grace si imbottisce di psicofarmaci per attutire il dolore e lo sgomento; Franklin, il padre di Eliza, cerca di non farsi travolgere dalla sete di giustizia di Keller, la moglie Nancy invece pare disposta ad appoggiarne i modi estremi.

  • Produzione: Warner Home Video, 2014
  • Distribuzione: Warner Home Video
  • Durata: 155 min
  • Lingua audio: Italiano (Dolby Digital 5.1);Inglese (Dolby Digital 5.1);Spagnolo (Dolby Digital 5.1)
  • Lingua sottotitoli: Inglese per non udenti; Italiano per non udenti; Spagnolo
  • Formato Schermo: 1,85:1
  • Area2
  • Contenuti: dietro le quinte (making of); e-copy
  • Hugh Jackman Cover

    Propr. H. Michael J., attore australiano. Muove i primi passi nel mondo dello spettacolo studiando canto presso la University of Technology di Sydney, dove frequenta i corsi di giornalismo. La potenza della voce di baritono sviluppata in questi anni lo convince a cambiare strada e a iscriversi alla Western Australian Academy of Performing Arts, la più famosa accademia di arte drammatica australiana. Nel 1995, il ruolo di Gaston nel musical The Beauty and the Beast (La bella e la bestia) gli spalanca le porte del luccicante mondo del teatro musicale, che lo porterà nel 2003 a calcare le scene della Carnegie Hall con l’acclamato The Boy from Oz (Il ragazzo di Oz). È invece del 2000 il film che lo consacra supereroe dello schermo: con X-Men (2000) di B. Singer indossa i panni di Wolverine che... Approfondisci
  • Jake Gyllenhaal Cover

    Propr. Jacob Benjamin G., attore statunitense. Figlio del regista Stephen e della sceneggiatrice N. Foner, e fratello dell'attrice Maggie, inizia a recitare giovanissimo, sotto la direzione del padre, in film dal robusto impegno civile quali Una donna pericolosa (1993) e Homegrown (1998). In Cielo d'ottobre (1999) di J. Johnston è il giovane figlio di minatori che, colpito dall'epopea dello Sputnik, progetta di costruire e lanciare un razzo nel cosmo. Il film che gli dà la notorietà internazionale e fa di lui un attore di culto delle nuove generazioni è tuttavia Donnie Darko (2001), dove la sua interpretazione del giovane protagonista, visionario e ribelle, è un capolavoro di intensità e credibilità. Negli anni successivi alterna la partecipazione a piccoli film indipendenti (Moonlight Mile,... Approfondisci
Note legali