Categorie
Traduttore: E. Nissim, M. T. Petruzzi
Editore: Einaudi
Collana: Nuovi Coralli
Anno edizione: 1987
Pagine: IV-189 p.
  • EAN: 9788806593438

€ 5,27

€ 6,20

Risparmi € 0,93 (15%)

Venduto e spedito da IBS

5 punti Premium

Attualmente non disponibile Inserisci la tua email
ti avviseremo quando sarà disponibile

Nei primi mesi del 1972 Nicole Stéphane, che possedeva i diritti cinematografici di Alla ricerca del tempo perduto, chiede al regista Joseph Losey se gli sarebbe piaciuto lavorare ad una versione cinematografica del libro. E Losey ne propone la sceneggiatura ad Harold Pinter, già suo stretto collaboratore per Il servo, L'incidente e Messaggero d'amore. Per tre mesi, ogni giorno, Pinter legge la Recherche, e mentre legge prende centinaia di appunti: "ma alla fine mi ritrovai molto perplesso sul come affrontare un compito così enorme. L'unica cosa della quale ero sicuro era che sarebbe stato sbagliato cercare di fare un film concentrandosi su uno o due volumi, tipo La prigioniera o Sodoma e Gomorra. Se ciò non doveva essere assolutamente fatto, si sarebbe dovuto cercare di distillare l'intera opera, di incorporare i temi principali del libro in un insieme unico. Decidemmo che l'architettura del film dovesse basarsi su due principi primari e contrastanti: uno, un movimento, essenzialmente narrativo, verso la disillussione, e l'altro, più intermittente, verso la rivelazione, che crescesse verso un punto in cui il tempo perduto è ritrovato e fissato per sempre nell'arte". Nell'estate del 1972 Pinter compie numerosi viaggi in Francia: a Illiers, a Cabourg, a Parigi, per "impregnarsi" dei luoghi proustiani. In novembre la sceneggiatura è terminata e, dopo ulteriori tagli e limature, agli inizi del 1973 la versione rivista è pronta e definitiva, ed è quella che qui pubblichiamo. "L'anno in cui ho lavorato su Alla ricerca del tempo perduto - ha detto Pinter - è stato il miglior anno di lavoro della mia vita".