Traduttore: Adriana Bottini
Editore: Adelphi
Formato: EPUB con DRM
Testo in italiano
Cloud: Scopri di più
Compatibilità: Tutti i dispositivi (eccetto Kindle) Scopri di più
Dimensioni: 721,24 KB
  • Pagine della versione a stampa: 162 p.
    • EAN: 9788845976124
    pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

    Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

    Disponibile anche in altri formati:

    € 6,99

    Venduto e spedito da IBS

    7 punti Premium

    Scaricabile subito

    Aggiungi al carrello Regala

    non è possibile acquistare ebook su dispositivi Apple. Puoi comunque aggiungerli alla wishlist

    Descrizione
    Fra i lettori appassionati di Hillman si sentono spesso ricordare due scritti, vere gemme della sua produzione: il saggio sul tradimento e "Senex e puer". Di fatto sarebbe difficile trovare una migliore via d’accesso al pensiero di questo autore. Nel primo caso perché in poche pagine egli ci offre un’analisi esemplare di una di quelle realtà condannate e deprecate che solo lo scandaglio psicologico riesce a illuminare dietro le grevi cortine della morale. E questa, come sappiamo, è una linea che Hillman ha in seguito ampiamente sviluppato. Nel secondo perché la caratterizzazione del Puer aeternus e quella parallela del Senex hanno una tale precisione e capacità individuante da offrirsi come ausilio immediato per riconoscere nella nostra psiche, in tutti i loro camuffamenti, i tratti dell’eterna fanciullezza e della saturnina vecchiaia. "Il tradimento" e "Senex e puer" sono entrambi nati come conferenze, rispettivamente tenute a Londra nel 1964 presso la Guild of Pastoral Psychology e nel 1967 ai seminari di Eranos.

    Recensioni dei clienti

    Ordina per
    • User Icon

      Antonella

      18/09/2018 16:27:18

      Il libro che ho amato di più tra le stupende opere di Hilmam, andrebbe letto a prescindere da ciò che si cerca in un testo di psicologia archetipica perché il suo contenuto tocca da vicino tutti

    • User Icon

      Mauro Lanari

      04/01/2010 10:46:08

      "L'immagine delle donne sterili sulla via del Golgota" (p. 26) cita Luca 23, 29: "Ecco, verranno giorni nei quali si dirà: Beate le sterili e i grembi che non hanno generato e le mammelle che non hanno allattato". Ma perché demonizzare le figure materne se non sono partenogenetiche e hanno figliato col contributo fecondativo d'un maschio? Inoltre "se gli altri, nel rovesciarci addosso la tragedia, sono strumenti degli dèi", perché mai dovrebbero farsi "carico del proprio senso di colpa" (p. 47)? E poi, una volta recepito e accolto questo concetto, com'è possibile prendersela pure con la prole, anch'essa espropriata dell'autodeterminazione e costretta a seguire la "necessità destinale" (p. 46) finora dimostratasi incorreggibilmente esiziale? Insomma: se genitori e figli sono entrambi succubi di "potenze impersonali" (p. 47) che ci governano dispoticamente, in che modo saremmo liberi di "tradire gli altri e/o noi stessi"? Se davvero i giochi sono stati stabiliti a priori, allora è il gioco stesso che è al massacro e tradisce vocazioni, intenzioni e speranze edonisticamente ben più valide. Hillman accusa tutto e tutti tranne che il meccanismo in sé, a cui non riserva una sola parola di sdegno, scandalo e indignazione. Sarà stato destino: il suo, il nostro no di certo. Circa la seconda e ultima parte del libretto, che gli dà il nome, rinviamo l'analisi al più esteso "Saggi sul Puer". Qui basterà ricordare l'incipit fulminante: "Quest'ultimo terzo del nostro secolo è anche l'ultimo trentesimo del millennio; sicché ci troviamo a vivere nell'ultimo sessantesimo dell'eone sotto il segno dei Pesci, il segno dell'èra cristiana, il mito temporale all'interno del quale ricaviamo il nostro orientamento storico. [...] Davanti a noi [c'è] una sola [generazione], l'ultima, quella che lo chiude, quello di transizione che ci traghetterà nel prossimo millennio e nell'èra dell'Acquario. […] Noi viviamo nel 'kairos' […] di una 'metamorfosi degli dèi', ossia dei princìpi e dei simboli fondamentali" (conferenza tenuta a Eranos, 1967).

    • User Icon

      ale bedica

      08/01/2007 15:57:59

      La scrittura di Hillman è chiara,ricca e fluida,lontana dallo stile dei testi per gli addetti ai lavori.Si ha così l'illusione di un facile e veloce apprendimento e di conseguenza la presunzione di poter prendere parte,domani, ad un Congresso per Psicologi.Attenzione!Puer aeternus non è un libro da autosomministrazione.E'indispensabile conoscere le controindicazioni,le precauzioni di impiego ed il sovradosaggio.Eventuali vertigini possono essere curate con la lettura di Weininger (Sesso e carattere,1903),Evola (Metafisica del sesso,1958) ed anche con Savinio (Dico a te,Clio,1940).

    • User Icon

      mimi

      02/06/2006 21:31:25

      bellissimo! non so neanche più quante volte in questi anni l'ho comprato e poi regalato a qualche amica. da leggere

    Vedi tutte le 4 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione