Traduttore: M. Balmelli
Editore: Einaudi
Collana: Supercoralli
Anno edizione: 2003
In commercio dal: 08/07/2003
Pagine: 252 p., Rilegato
  • EAN: 9788806165406

€ 14,45

€ 17,00

Risparmi € 2,55 (15%)

Venduto e spedito da IBS

14 punti Premium

Attualmente non disponibile
Leggi qui l'informativa sulla privacy
Inserisci la tua email
ti avviseremo quando sarà disponibile
 
 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Massimo F.

    05/03/2010 22:23:33

    Adoro questo autore. Non sarà un fuoriclasse o un “mostro sacro” della letteratura, ma questo romanzo “a due percorsi” conferma la bravura di Benacquista e le sue capacità. Un vero creativo, un fantasista allo stato puro che dà l’impressione di prendere la penna e di poter fare quello che vuole. Ironia, paradossi, un pizzico di surreale et… voilà, il gioco è fatto con il lettore catturato dal ritmo incalzante della storia (anzi, delle storie) che si intrecciano in maniera fluida e dalla profondità del pensiero “esistenziale” che le ispira. Bello stile: elegante e leggero, mai (dicasi mai) volgare, anche nelle situazioni più "invitanti". Da leggere.

Scrivi una recensione

Apprezzato autore di polizieschi dal 1985, con Saga (Einaudi, 1998), nel 1998, Tonino Benacquista ha fatto un salto di qualità passando al romanzo vero e proprio. Delle sue origini gli è rimasta una strepitosa inventiva per gli intrecci e il gusto per il racconto rapido, ricco di azione, di humour e di suspense. Tutte qualità che ritroviamo in Qualcun altro, nato dalla curiosa contaminazione di due ricordi letterari citati nel testo di sfuggita: Il fu Mattia Pascal e Il piccolo Archimede di Huxley. All'origine della storia, una scommessa tra ubriachi. Un manager e un corniciaio, che si sono appena conosciuti giocando a tennis, si lanciano una curiosa sfida: quella di "diventare qualcun altro" e di ritrovarsi nello stesso posto tre anni dopo. Vincerà quello che l'altro non riuscirà a riconoscere. Quest'assurdo impegno avrà sulle loro vite un impatto devastante, perché farà emergere in ognuno dei due un'identità sognata, che covava da sempre e aspettava soltanto un'occasione per venire alla luce. È questo il punto d'intersezione con Il piccolo Archimede, tragica storia di un bimbo che è un genio della matematica ma viene scambiato per un genio musicale, e pagherà con il suicidio la sua vocazione contrariata. La nuova identità del corniciaio Thierry lo porta verso il mondo delle investigazioni private, quella del manager Nicolas lo trasforma invece in un fantasioso inventore di gadget con un'inaspettata propensione all'ebbrezza alcolica e amorosa. Quest'ultimo aspetto del suo destino consente a Benacquista d'inserire nel racconto un personaggio femminile di spicco: l'affascinante Loraine, dotta commessa con la passione di Michelangelo e dei vini eccellenti. Una figura che rimescola simpaticamente le carte di tutte le gerarchie culturali e sociali accettate dal conformismo dominante.

Mariolina Bertini