Categorie

Quali generazioni vogliamo lasciare in eredità alla montagna?

Alberto Meschiari

Editore: Tassinari
Anno edizione: 2015
Pagine: 48 p., Brossura
  • EAN: 9788899285135

€ 5,70

€ 6,00

Risparmi € 0,30 (5%)

Venduto e spedito da IBS

6 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:
Aggiungi al carrello

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Alberto Meschiari

    20/11/2015 13.52.08

    Nel mondo moderno la montagna è l'ultimo rifugio del trascendente. Perché la montagna è simbolo di ascensione, non solo fisica, ma spirituale, di uscita dalla folla, di elevazione dalle bassure e miserie dell'esistenza. In questo senso è assimilabile a un luogo sacro, di raccoglimento e preghiera, dove l'anima si purifica e s'innalza simbolicamente verso i cieli. Anche se non siamo credenti, proviamo noi stessi questa sensazione, mentre saliamo il sentiero avendo di fronte a noi le grandi cattedrali dolomitiche o i ghiacciai alpini. Perché ci lasciamo alle spalle, giù a valle, in città, la vita frenetica degli uomini, l'isteria del commercio e del denaro. Ci lasciamo dietro l'Io, perché l'arroganza dell'Io, qui, è ridicola, fuori posto. Ci lasciamo dietro tutto ciò che è destinato a passare, a tramontare in fretta. Ci lasciamo dietro tutte le cose che non contano, di cui si può fare a meno, che non ci arricchiscono interiormente. Spogliati del superfluo, siamo al cospetto della verità. Dobbiamo imparare a rispettare la montagna, a non farne una meta di massa, di consumo, uno stabi-limento balneare, un parco divertimenti, una merce di scambio da sfruttare economicamente. Quan-do avremo permesso definitivamente ai motori di profanare la montagna, quando vi avremo portato lo stile cittadino, le casse acustiche, le sagre dell'abbuffata, le finzioni mediatiche, non avremo più un luogo sulla terra in cui rimanere a tu per tu con la nostra finitudine.

Scrivi una recensione