copertina

Quando diventammo comunisti. Livorno 1921: il Pci tra cronaca e storia

Marcello Sorgi,Mario Pendinelli,Umberto Terracini

0 recensioni
Con la tua recensione raccogli punti Premium
Editore: Marsilio
Collana: Gli specchi
Anno edizione: 2020
In commercio dal: maggio 2020
Pagine: 240 p., Brossura
  • EAN: 9788829705719

€ 16,15

In uscita da: maggio 2020

Inserisci la tua email ti avviseremo quando sarà disponibile
spinner

Grazie, riceverai una mail appena il prodotto sarà disponibile

Non è stato possibile elaborare la tua richiesta, riprova.

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Un'avvincente indagine sui protagonisti del comunismo in Italia, la loro vita e le loro idee, che prende le mosse dalle parole che Umberto Terracini consegnò a Mario Pendinelli in un celebre memoriale. Terracini, che affiancò Gramsci nell'avventura di «Ordine Nuovo» e rappresenta una terza figura di spicco accanto allo stesso Gramsci e a Togliatti, fu a lungo messo in disparte proprio per via delle gelosie di quest'ultimo. Padre costituente e figura ingiustamente dimenticata, il libro contribuisce a rimetterlo al centro come interprete fondamentale dell'esperienza della sinistra italiana, per gettare nuova luce sui successivi sviluppi. Emerge in tutta la sua pervasività il ruolo che il Pci assunse in Italia fino a condizionarne tutta la vita politica, legato alla doppia identità di partito radicato nella storia e nella cultura italiana, ma costretto a una subordinazione, anche finanziaria, a Mosca, che solo.
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Note legali