Quando eravamo orfani

Kazuo Ishiguro

Traduttore: S. Basso
Editore: Einaudi
Anno edizione: 2002
Formato: Tascabile
In commercio dal: 9 aprile 2002
Pagine: 326 p.
  • EAN: 9788806162344
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:
Descrizione
Per Christopher Banks tutto sembra essersi fermato quando, da bambino, gli sono stati misteriosamente rapiti i genitori. Fino a dieci anni è cresciuto come un orfano nella ricca Shanghai dell'oppio, per poi essere affidato alle cure di una zia nell'austera Inghilterra. Londra anni Trenta: Christopher è ormai un famoso detective privato, ma dietro ad ogni caso brillantemente risolto grava l'enigma di quel rapimento. Poco importa se in quegli anni proprio a Shanghai si sta innescando la scintilla che porterà il mondo alla rovina. Banks, infatti, ritiene che anche il massacro insensato della guerra sia un caso risolvibile per un buon investigatore, magari con l'aiuto del suo strumento feticcio, la lente di ingrandimento.

€ 8,33

€ 9,80

Risparmi € 1,47 (15%)

Venduto e spedito da IBS

8 punti Premium

Attualmente non disponibile
Leggi qui l'informativa sulla privacy
Inserisci la tua email
ti avviseremo quando sarà disponibile
 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    rossano garibotti

    07/10/2016 22:14:44

    Si tratta di un romanzo straordinario e toccante. Ishiguro è uno dei migliori scrittori in circolazione; ha un tratto espressivo davvero unico e felice. E' un grande e toccante romanzo sulla ricerca dei genitori nel corso della vita. In questa narrazione, che nasce e si conclude come reale, vi sono spunti surreali capaci di aggiungere verità e significati al romanzo. 'Quando eravamo orfani' appartiene alla categoria di libri dei quali si può pensare, per il tema della narrazione, la capacità e la sensibilità con cui è tradotto in scrittura, che tutti dovrebbero leggere.

  • User Icon

    Melania

    10/01/2014 20:24:52

    Bravissimo Ishiguro!! Ambientazioni e prosa perfette. Meravigliosa anche la psicologia dei personaggi. Tuttavia nella trama qualcosa non mi convince fino in fondo e non riesco a dargli un 5.

  • User Icon

    fu

    26/07/2011 08:50:10

    Se i tanti "pseudo" scrittori in circolazione leggessero qualcosa di Hishiguro, smetterebbero di scrivere.

  • User Icon

    Lidia

    04/02/2009 19:42:50

    Dopo aver letto "Quel che resta del giorno", volevo approfondire la mia conoscenza di Ishiguro poichè ritengo che sia uno dei migliori professori possibili per imparare a scrivere bene. Ma devo confessare che il libro..beh, non mi è piaciuto granchè. Certo, una lettura decisamente non disprezzabile, ma non entusiasmante. Neanche io sono riuscita ad entrare in sintonia con questo romanzo, ed era come se tra me e lo scrittore ci fosse una barriera. Il finale non mi ha emozionanato particolarmente e non mi è sembrato per nulla sorprendente, ma a dire il vero molto scontato. Consiglio di cercarlo in una biblioteca anzichè acquistarlo nuovo.

  • User Icon

    Alce67

    29/09/2008 18:10:56

    Ishiguro mi piace moltissimo, ma ho trovato questo romanzo meno incisivo di altri. Come in "Quel che resta del giorno", il contesto storico è fortemente presente. Tuttavia, nonostante l'intricata serie di eventi, non sono riuscito ad appassionarmi alla storia. Forse la narrazione fatta in prima persona dal formalissimo protagonista, forse alcune piccole incongruenze o l'atmosfera un pò rarefatta che circonda le sue indagini a Shangai mi hanno tenuto a distanza. Resta un libro comunque piacevole e con un finale molto sorprendente.

  • User Icon

    mari

    16/06/2008 17:34:21

    Incredibile Ishiguro... il più grande scrittore vivente. Questo romanzo ti travolge fin dalle prime righe, ti strappa via dalla tua vita quotidiana, non ti molla fino all'ultima pagina e ti penetra fin dentro le ossa e fin dentro i sogni che farai di notte... Nn si può ignorare. Non si può dimenticare. Da non perdere assolutamente.

  • User Icon

    lorenzo

    19/03/2008 19:47:59

    Delicatissimo. Senza eccessi,di una raffinatezza sorprendente e con un finale struggente. Anche il personaggio di Christopher,che per quasi tutto il libro mi era parso tanto impacciato ed ingenuo da risultare irritante si rivela,nel finale,di grande sensibilità e saggezza.

  • User Icon

    Francesco

    09/09/2005 00:23:02

    Arrivi alla fine. All'ultima pagina, all'ultima riga, all'ultima parola e vedi con gli occhi della tua mente il protagonista, Cristopher Banks, invecchiato, seduto alla sua scrivania, mettere il punto alla sua autobiografia. Resti ancora qualche istante con il libro aperto tra le mani, mentre la mente si sofferma su quell'immagine. Poi lo chiudi, e solo dopo un po' ti rendi conto che Critopher Banks non esiste nella realtà, e ti dispiace. Allora ti ricordi che però Kazuo Ishiguro esiste e Cristopher Banks esiste dentro di lui e quel filo di malinconia che era apparso sfuma nell'aria.

  • User Icon

    silvia B

    31/07/2005 23:41:33

    - La prima parte è un romanzo classico,scritto con eleganza struggente, ma è la seconda parte che si rivela particolarmente interessante perchè lo scrittore, impercettibilmente, senza farlo mai capire compiutamente, entra piano piano in un mondo oniroide , forse il protagonista sta sognando, forse sta impazzendo, forse sta portando alle estreme conseguenze le sue più angoscianti, ma anche umoristiche fantasie...-

  • User Icon

    fabio

    20/08/2001 17:52:17

    E' un libro incredibilmente bello, scritto con grande maestria e con un finale inaspettato ed emozionante. La storia di un uomo affermato che solo dopo molti anni scopre la verità sul suo passato... e la storia di una grande donna che ha deciso il destino di quell'uomo. Imperdibile!

Vedi tutte le 10 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione