Quartetti per archi n.1, n.2 / Quartetto per archi n.2 - CD Audio di Leos Janacek,Vitezslav Novak,Janacek Quartet

Quartetti per archi n.1, n.2 / Quartetto per archi n.2

0 recensioni
Con la tua recensione raccogli punti Premium In promozione DOPPI PUNTI fino al 23/6
Supporto: CD Audio
Numero supporti: 1
Etichetta: Supraphon
Data di pubblicazione: 1 luglio 2004
  • EAN: 0099925346027

€ 18,50

Punti Premium: 19

Venduto e spedito da IBS

Attualmente non disponibile
Leggi qui l'informativa sulla privacy
Inserisci la tua email ti avviseremo quando sarà disponibile
spinner

Grazie, riceverai una mail appena il prodotto sarà disponibile

Non è stato possibile elaborare la tua richiesta, riprova.

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

  • Leos Janacek Cover

    Compositore ceco.Le vicende biografiche e i primi lavori. Figlio del maestro elementare di un piccolo paese, trascorse un'infanzia povera. Compì i primi studi musicali a ­Brno, continuandoli poi alla scuola d'organo di Praga (1874-75) e ai conservatori di Lipsia (1879-80) e di Vienna (1880); ma si formò sostanzialmente da autodidatta. Ritornato a Brno, prese a svolgervi un'intensa attività di insegnante e di direttore d'orchestra e di società corali. Intanto si dedicava, anche in collaborazione con l'etnomusicologo F. Bartos, allo studio del canto popolare moravo e a ricerche approfondite di psicologia e di fisiologia acustica. Dopo l'opera teatrale Sárka (terminata nel 1887 e rielaborata nel 1924), ancora di ispirazione romantica sui modelli di Smetana e di Dvorák, scrisse lavori di indirizzo... Approfondisci
  • Janacek Quartet Cover

    Quartetto quartetto d'archi fondato a Brno nel 1947 da Jir?í Trávnicek (primo violino, dal 1973 Bohumil Smejkal), Miroslav Matyás (secondo violino), Jir?í Kratochvíl (viola) e Karel Krafka (violoncello). Dopo aver acquistato una solida fama nei paesi dell'Est, dalla fine degli anni '50 il complesso è regolarmente apparso in Occidente, facendosi apprezzare (specie in Janá5ek, Bartók e Sostakovic) per il tratto caloroso, intenso e coinvolgente dell'interpretazione, resa ancora più efficace dall'abitudine di suonare a memoria. Approfondisci
Note legali