Quei bravi ragazzi

Good Fellas

Con la tua recensione raccogli punti Premium
Titolo originale: Good Fellas
Paese: Stati Uniti
Anno: 1990
Supporto: DVD
Vietato ai minori di 14 anni
Salvato in 67 liste dei desideri

€ 7,99

€ 9,99
(-20%)

Punti Premium: 8

Venduto e spedito da IBS

Quantità:
DVD

Altri venditori

Mostra tutti (10 offerte da 7,89 €)

Un ragazzo italo-irlandese di Brooklyn, appagata l'aspirazione di diventare gangster, si pente e denuncia i membri della Famiglia con cui ha diviso trent'anni della sua vita tra omicidi, feste, rapine e amanti.
4,71
di 5
Totale 28
5
24
4
1
3
2
2
1
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    Umberto

    03/08/2020 22:43:15

    Consigliato

  • User Icon

    Guido

    17/05/2020 21:23:33

    Film straordinario!

  • User Icon

    tarro

    17/05/2020 18:23:44

    Probabilmente il miglior film di Scorsese, sicuramente il più completo sia dal punto di vista tecnico che artistico, con attori all'apice della loro carriera e capaci di interpretazioni di altissimo livello.

  • User Icon

    Maurizio

    17/05/2020 08:36:31

    Henry Hill è un giovane intraprendente che, sin da piccolo, è affascinato dal mondo del crimine e dal denaro che esso permette di guadagnare. Grazie alla sua scaltrezza, riesce in breve tempo ad occupare un ruolo di primo piano nella famiglia guidata da Paul Cicero ed ottiene il rispetto di tutti. Tuttavia, quando sarà messo alle strette dall'FBI che scopre i suoi traffici di droga, Henry depone in un processo contro i suoi ex compagni. Questa sua redenzione, però, presenta un conto molto alto da pagare: deve cambiare città e, soprattutto, vita visto che ora non godrà più di alcun privilegio. Rimpiangerà il lusso della sua vita precedente perchè ora è costretto a vivere come un uomo normale per il resto dei suoi giorni.

  • User Icon

    gianmarco

    13/05/2020 07:12:12

    Scorsese potrebbe continuare all'infinito con la creazione di film gangster, le trame sono sempre originali, e gli attori come sempre incredibili.

  • User Icon

    Cecilia

    12/05/2020 20:06:44

    Film di grande realismo che permette di conoscere a fondo non solo il meccanismo di funzionamento della mafia americana ma anche la psicologia che anima i suoi protagonisti. Tutto è scandito da ferree regole che non devono essere discusse ed infrante, dando vita ad un mondo parallelo basato sull'illegalità ma che vede al proprio interno una grande solidarietà. Molto ben riuscito è l'espediente della voce narrante che accompagna la visione dall'inizio alla fine spiegando aneddoti e retroscena preziosi.

  • User Icon

    endonaja

    11/05/2020 20:51:33

    Uno dei film più belli di sempre, a questo prezzo poi é regalati, vi consiglio di stare attenti ai frequenti sconti che possono essere utilizzati. Un film da avere in ogni caso sia se non si è visto, per rimediare, sia in se lo si è già visto, per tenerlo il libreria!!

  • User Icon

    Francesca

    13/12/2019 11:31:56

    Capolavoro.

  • User Icon

    Andrea

    22/09/2019 19:08:03

    Che dire: il maestro Scorsese al suo meglio. Dialoghi da brivido, recitazione sopra le righe (De Niro e Pesci in primis), capacità di tenere viva l'attenzione per tutta la durata del film senza mai annoiare...

  • User Icon

    Gostvraiter

    22/09/2019 11:24:59

    Perché «Quei bravi ragazzi» è un capolavoro assoluto? Perché Martin Scorsese affronta il mondo della malavita riuscendo a dire qualcosa di nuovo, cosa non semplice dopo pietre miliari quali «Il Padrino» di Francis Ford Coppola e «C’era una volta in America» di Sergio Leone. L’originalità del racconto scorsesiano sta innanzitutto nel mettere a punto un’analisi “oggettiva” della mentalità mafiosa dalla A alla Z (dalla gestione del potere al ruolo della donna). Nell’universo criminale rappresentato non c’è nulla di epico o di romantico, ma solo prepotenza, violenze, brama di denaro, e riti di una comunità chiusa in se stessa (la cucina, le feste religiose in famiglia...); il protagonista vuole diventare un gangster per essere diverso da tutte le nullità che lo circondano, e alla fine della sua parabola – dopo l’arresto e la decisione di collaborare con la giustizia – ammette il proprio fallimento: è tornato al punto di partenza ed è costretto a vivere come un individuo qualsiasi. Scorsese ha uno stile travolgente: ritmo e montaggio sono esemplari, ogni sequenza è da antologia e fluisce spontaneamente nella successiva. Gli attori sono in stato di grazia: se De Niro lavora per sottrazione, Joe Pesci impressiona per i suoi folli raptus, mentre Ray Liotta e Lorraine Bracco si segnalano come due autentiche rivelazioni, dimostrando un carisma strepitoso.

  • User Icon

    MoviesAddicted

    18/09/2016 09:58:58

    Il miglior film sulla malavita in circolazione. Forse anche migliore de "Il padrino".

  • User Icon

    armando

    26/08/2014 16:39:07

    Il film che probabilmente mette la parola fine alla stagione dei grandi film di mafia.Con la sua macchina da presa Scorsese firma una cinica e fredda analisi sociologica,uno spaccato antropologico su uomini che nulla hanno a che vedere con gli antieroi shakespeariani de "Il padrino".Qui si parla di uomini comuni,della loro vita,delle loro azioni,dei loro traffici e dei loro delitti in maniera del tutto anti-epica,tanto che perfino l'omicidio rientra nella normalità più assoluta,è spogliato da ogni tensione e pathos.Brillante,istrionico,probabilmente il film in cui Scorsese da maggior sfoggio del suo virtuosismo,coadiuvato da un cast in stato di grazia.

  • User Icon

    F.P.

    08/12/2010 20:30:22

    Questo film, pur venendo classificato secondo i "canoni" del genere gangster, rappresenta probabilmente un nuovo tipo d'illustrazione della malavita a cui eravamo abituati(si pensi a gli intoccabili, il padrino,c'era una volta in america).In questo capolavoro di Scorsese vengono si descritte le quotidiane routines di gangsters(omicidi,furti,estorsioni),ma sono soprattutto gli stili di vità di questi individui che,con estrema minuziosità e accompagnati da dialoghi davvero ben elaborati,vengono descritti dal genio del regista.A mio avviso non solo il miglior film di Martin Scorsese,ma anche il migliore e più realistico film gangster.Unica nota di biasimo che,spiacevolmente, sono costretto ad attribuire a questo CAPOLAVORO, sta nella conversione italiana in DVD,il cui menù dovrebbe proporre più fluidità e comprensione e soprattutto maggiori contenuti speciali; ma questa non è certa una colpa che si può far ricadere su Marty(Scorsese).

  • User Icon

    antonio cerrato

    01/07/2009 11:01:22

    Se si vuole capire qualcosa di più sulla mafia non si deve perdere questo film. Certo è un film violento con parecchie scene forti ma non c'è mai compiacimento nella messa in scena della violenza. Anzi, secondo me, queste scene sono necessarie perchè il film nel suo complesso perderebbe la sua forza drammatica. In altre parole non si può fare un film sulla mafia senza farne vedere il modus operandi che è fatto prevalentemente di violenza e soprraffazione. Martin Scorsese è molto attento al realismo della messa in scena per questo i suoi film non lasciano quasi mai indifferenti.

  • User Icon

    Stefano

    10/09/2008 16:41:59

    Un film spettacolare! bello in ogni sua parte, un analisi pura e cruda della criminalità degli anni 70. girato da un magistrale Scorsese e con un cast da brivido! Joe Pesci nella sua parte preferita.... una "spalla" che ogni attore vorrebbe avere! Grande in Casino... ma qui è perfetto!!!! da guardare assolutamente!

  • User Icon

    cinemanta

    15/02/2008 13:10:58

    Magnificenza. Scorsese da sfoggio di sè con una regia eccelsa. De Niro, Liotta e Pesci sono a dir poco impeccabili. E' un ennesimo acquisto obbligatorio ragazzi, cosa vi devo dire, se vi definite cinefili però dovreste averlo già in casa, quindi mi rivolgo a coloro che non l'hanno mai visto. AVVERTENZA: CI VUOLE UN PO' DI CINISMO NEL SANGUE PER RIUSCIRE AD APPREZZARLO.

  • User Icon

    Euge

    23/12/2007 13:00:31

    non impazzisco per scorsese, l'ho preso per curiosità questo film perchè c'è de niro, solo dopo averlo visto ho scoperto che è uno dei suoi più famosi e riusciti. e in effetti, a dispetto delle due ore abbondanti, devo dire che è perfetto, dalla storia, alle inquadrature, alla colonna sonora, a parer mio mai scontato. tutti gli attori sono perfetti, è scorrevolissimo e non c'è mai un momento di noia. un capolavoro. l'unica cosa inutile secondo me l'inizio in auto con un accenno al lavoro sporco per poi ripartire da liotta giovane. metodo abusato.

  • User Icon

    Agostino

    03/06/2007 23:38:38

    FILM ASSOLUTAMENTE ECCEZZIONALE...UNO DEI GRANDISSIMI CAPOLAVORI DI SCORSESE...IMMENSO DE NIRO,GRANDE JOE PESCI,BRAVO LIOTTA...UN FILM SUI GANGSTER...SECONDO SOLO A "IL PADRINO"...E IN BARBA AI FALSI MORALISTI COME FRANCESCO O LUCA(NON RILASCIATE COMMENTI DEL GENERE,FATE SOLO BRUTTA FIGURA..NON VE NE INTENDETE AFFATTO..DUNQUE,ZITTI!!)..PER IL RESTO,SE SI FACESSERO FILM COSI' PIU' SPESSO,IL MONDO FOSSE UN POSTO MIGLIORE...

  • User Icon

    Marco Scardella

    28/11/2006 22:50:07

    Capolavoro del grande cineasta. Finalmente il meritatissimo oscar a Joe Pesci.

  • User Icon

    ale89

    07/07/2006 12:36:17

    eccezionale...Scorsese è magnifico nella regia di questo film...de niro strepitoso come al solito,spalleggiato in modo più che stupendo da un grandissimo joe pesci...non vedere questo capolavoro è reato

Vedi tutte le 28 recensioni cliente

Storia di mafia vista in un'ottica diversa e originale, analizzato in chiave grottesca

Trama
Cresciuto a Brooklyn, l'italo-irlandese Ray Hill (Liotta) ha una sola aspirazione: diventare un gangster. Ci riesce, ma finirà per denunciare i compagni, rassegnandosi a un'esistenza grigia. Un film sulla mafia gangsteristica italoamericana diverso dagli altri.

1990 - Oscar [Academy Awards] - Miglior attore non protagonista - Pesci Joe

  • Produzione: Warner Home Video, 2011
  • Distribuzione: Warner Home Video
  • Durata: 145 min
  • Lingua audio: Inglese (Dolby Digital 5.1);Francese (Dolby Digital Surround);Italiano (Dolby Digital Surround)
  • Lingua sottotitoli: Inglese; Francese; Italiano; Olandese; Arabo; Portoghese; Spagnolo; Italiano per non udenti; Inglese per non udenti
  • Formato Schermo: 1,85:1
  • Area2
  • Contenuti: trailers; note di produzione; biografie
  • Martin Scorsese Cover

    "Propr. M. Marcantonio Luciano, regista statunitense. Di origini italiane, cresce a Little Italy. Ostacolato nella sua vocazione religiosa (viene espulso dal seminario per l'amicizia con delinquenti di strada), si avvicina al mondo del cinema di cui subisce il fascino sin da ragazzino. Esordisce dietro la mdp con il drammatico Chi sta bussando alla mia porta? (1969, ma l'ideazione risale al 1965) che annuncia le tematiche principali della sua successiva produzione: la predilezione per storie sulla vita violenta dei bassifondi dove prevalgono la fisicità dei personaggi e le loro pulsioni autodistruttive, la costante presenza autobiografica (dall'ossessiva educazione cattolica alle contraddizioni della cultura italoamericana), la sapiente fusione di dialoghi e voci fuori campo, l'ironia dai... Approfondisci
  • Lorraine Bracco Cover

    Attrice statunitense. Trasferitasi in Francia per lavorare come modella, gira qualche film in Europa (tra cui due con L. Wertmüller) prima di tornare negli Stati Uniti, dove si fa conoscere con Chi protegge il testimone (1987) di R. Scott. Riceve una nomination all'Oscar per Quei bravi ragazzi (1990) di M. Scorsese, e interpreta Mato Grosso (1992) di J. McTiernan e Ritorno dal nulla (1995) di S. Kalvert. Approfondisci
  • Joe Pesci Cover

    Propr. Joseph Frank P., attore statunitense. Esordisce nel 1975 in Death Collector (Il collezionista di morte) di R. De Vito e viene subito notato da M. Scorsese che vede in lui l'attore ideale per il ruolo del fratello di J. LaMotta in Toro scatenato (1980). Capace di offrire interpretazioni comiche incontenibili o di tratteggiare personaggi violentissimi, recita in Arma letale 2 (1989) di R. Donner e nella divertente parte di uno dei ladri in Mamma, ho perso l'aereo (1990) di C. Columbus. Nel 1990 ottiene un premio Oscar per la memorabile interpretazione del sanguinario killer Tommy in Quei bravi ragazzi di M. Scorsese, mentre nel 1991 è il nevrotico cospiratore Ferrie in JFK - Un caso ancora aperto di O. Stone. Dopo un nuovo ruolo comico in Mio cugino Vincenzo (1992) di J. Lynn, nel 1995... Approfondisci
Note legali